Nuova guida per la gestione del colesterolo nel sangue: si concentra sullo stile di vita, la terapia con statine per i pazienti che più beneficio


L'American College of Cardiology e l'American Heart Association ha rilasciato oggi una nuova guida pratica clinica per il trattamento del colesterolo nel sangue nelle persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari causate da aterosclerosi, o indurimento e restringimento delle arterie, che può portare ad un attacco cardiaco, ictus o morte.

La linea guida individua quattro grandi gruppi di pazienti per i quali HMG-CoA reduttasi che abbassano il colesterolo, o statine, hanno le maggiori possibilità di prevenire ictus e attacchi di cuore. La linea guida sottolinea anche l'importanza di adottare uno stile di vita sana per il cuore per prevenire e controllare l'elevato colesterolo nel sangue.

"La nuova linea guida utilizza la più alta qualità di prove scientifiche di concentrare il trattamento del colesterolo nel sangue su coloro che potrebbero beneficiare maggiormente", ha detto Neil J. Stone, MD, Bonow professore di medicina presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine e presidente del gruppo di esperti che ha scritto la nuova linea guida. "Questa guida rappresenta una partenza da precedenti linee guida, perché non si concentra su specifici livelli target di colesterolo a bassa densità della lipoproteina, comunemente noto come LDL, o 'colesterolo cattivo', anche se la definizione di colesterolo LDL ottimale non è cambiato. Invece, si concentra sulla definizione dei gruppi per cui LDL abbassamento è dimostrato di essere più vantaggioso. "




La nuova linea guida raccomanda la terapia con statine moderata o alta intensità di questi quattro gruppi:

  • I pazienti che hanno malattie cardiovascolari;
  • I pazienti con LDL, o "cattivo" livello di colesterolo di 190 mg/dL o superiore;
  • I pazienti con diabete di tipo 2, che sono tra i 40 ei 75 anni di età; e
  • I pazienti con un rischio stimato di 10 anni di malattia cardiovascolare del 7,5 per cento o superiore che sono tra i 40 ei 75 anni di età (il rapporto fornisce formule per il calcolo del rischio a 10 anni).

In termini di pratica clinica, i medici possono utilizzare gli strumenti di valutazione del rischio, in alcuni casi, per determinare quali pazienti molto probabilmente beneficio da terapia con statine, piuttosto che concentrarsi solo sul colesterolo nel sangue per determinare quali pazienti potrebbero trarre vantaggio.

"Il probabile impatto delle raccomandazioni è che sempre più persone che potrebbero beneficiare di statine stanno per essere su di loro, mentre un minor numero di persone che non potrebbero trarre vantaggio da statine stanno per essere su di loro", ha detto il dottor Stone. I medici possono anche prendere in considerazione il passaggio ad alcuni pazienti di una dose maggiore di statine di trarre maggiore beneficio a seguito dei nuovi orientamenti.

La linea guida è stato preparato da un gruppo di esperti sulla base di un'analisi dei risultati di studi clinici controllati randomizzati. Il pannello è stato accusato di guidare il trattamento ottimale di colesterolo nel sangue per affrontare il crescente tasso di malattie cardiovascolari, attualmente la principale causa di morte e disabilità negli Stati Uniti

Il pannello ha scelto di concentrarsi su l'uso di statine dopo un esame approfondito di altri farmaci che abbassano il colesterolo. "Le statine sono state scelte perché il loro utilizzo ha portato i maggiori benefici e tassi più bassi di problemi di sicurezza. Nessun altro farmaco che riduce il colesterolo è efficace come le statine," ha detto il dottor Stone. Ha aggiunto che c'è un ruolo per altri farmaci che abbassano il colesterolo, per esempio, in pazienti che soffrono effetti collaterali da statine.

Il rapporto sottolinea inoltre l'importanza dello stile di vita nella gestione di colesterolo e prevenire le malattie cardiache. "La pietra angolare di tutte le linee guida che si occupano di colesterolo è uno stile di vita sano", ha detto il dottor Stone. "Questo è particolarmente importante nei giovani, perché prevenire il colesterolo alto nel corso della vita è la prima e migliore cosa che qualcuno può fare per rimanere sana per il cuore. D'altra parte, se qualcuno ha già aterosclerosi, stile di vita cambia da soli non sono suscettibili di essere abbastanza per prevenire attacchi di cuore, ictus, e morte, e la terapia con statine sarà necessario. "

Oltre a identificare i pazienti con maggiori probabilità di beneficiare di statine, la guida descrive l'intensità raccomandata della terapia con statine per i diversi gruppi di pazienti. Invece di utilizzare un approccio "più basso è meglio", che unisce una bassa dose di un farmaco statina insieme a diversi altri farmaci che abbassano il colesterolo, il pannello ha scoperto che può essere preferibile concentrarsi invece su uno stile di vita sano con una dose maggiore di statine , eliminando la necessità di ulteriori farmaci.

"L'attenzione per anni è stato su come ottenere il basso LDL", ha detto il dottor Stone. "Le nostre linee guida non sono contro questo. Stiamo semplicemente dicendo come si ottiene il basso LDL è importante. Considerando tutte le possibili trattamenti, si consiglia uno stile di vita e la terapia con statine cuore sano per le migliori possibilità di ridurre il rischio di ictus o di cuore attacco nei prossimi 10 anni. "

Le linee guida sono destinate a servire da punto di partenza per i medici. Alcuni pazienti che non rientrano nelle quattro categorie principali possono trarre beneficio dalla terapia con statine, una decisione che dovrà essere fatta caso per caso.

Il gruppo di esperti che ha redatto il rapporto è stato convocato dal National Heart, Lung, and Blood Institute dei National Institutes of Health. Su invito del NHLBI, l'American Heart Association e dell'American College of Cardiology assunto la governance congiunta, la gestione e la pubblicazione di questa guida, insieme ad altri quattro linee guida di prevenzione, nel mese di giugno. I membri del Comitato volontariamente il loro tempo e sono stati tenuti a rivelare tutti i rapporti sanitari connessi, comprese quelle esistenti un anno prima dell'inizio del progetto di scrittura.

Il testo integrale della relazione, "2013 ACC/AHA Guideline sul trattamento di colesterolo del sangue per ridurre il rischio cardiovascolare aterosclerotica in adulti," sarà pubblicato in questioni di stampa future del Journal of American College of Cardiology e l'American Heart rivista Circulation dell'Associazione. Esso sarà accessibile anche oggi sul sito ACC (http://content.onlinejacc.org/article.aspx?doi=10.1016/j.jacc.2013.11.002) e AHA (http://circ.ahajournals.org/ ricerca/doi/10,1161/01.cir.0000437738.63853.7a).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha