Nuova ipotesi proposta per la causa della sindrome da stanchezza cronica

Marzo 24, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

COLUMBUS, Ohio - I ricercatori qui hanno proposto una nuova teoria per la causa della sindrome da stanchezza cronica (CFS) - uno che incolpa la malattia sia una infezione virale a basso livello e propria risposta immunitaria del corpo a quel virus.

Se fosse vero, sarebbe offrire una spiegazione per la prova perché virologi finora non hanno trovato di un virus comune quando guardando una popolazione di pazienti con CFS. L'ipotesi è stata inclusa in un documento pubblicato in questo numero del Journal of Medicine.

La nuova teoria, proposta da Ronald Glaser, professore di microbiologia e immunologia medica, e Janice Kiecolt-Glaser, professore di psicologia e psichiatria presso la Ohio State University, è l'ultimo lavoro in più di due decenni della loro ricerca sugli effetti dello stress sul il sistema immunitario umano.




"I nostri dati suggeriscono che lo stress può causare l'espressione di alcune proteine ​​virali e che queste proteine ​​possono essere modulando la risposta immunitaria del corpo, trasformandolo on o off", ha detto Glaser.

CFS è stato caratterizzato dai ricercatori a metà degli anni 1980, che ha descritto come una combinazione di sintomi, tra cui febbre di basso grado, dolori muscolari, senso di malessere e depressione tra gli altri segni. La condizione sembra più diffuso tra le giovani donne adulte. Quelli con diagnosi di CFS spesso sperimentano lo stress e la depressione.

I sintomi di routine indugiare per sei mesi o più e possono continuare per anni. I Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie stimano che la CFS può influenzare da quattro a 10 ogni 100.000 persone negli Stati Uniti.

Altri ricercatori hanno riportato titoli più elevati del normale di anticorpi contro vari virus latenti - virus di Epstein-Barr, citomegalovirus, herpes virus umano 6, per esempio - nel sangue dei pazienti con diagnosi di CFS. Ma nessuno infezione virale era presente in tutti i pazienti - prove che sarebbe necessaria per dimostrare una causa virale della malattia.

Nuova teoria i ricercatori dell'Ohio State 'pone diversi meccanismi che potrebbero essere collegati al CFS.

Una volta che una persona è infettata, questi virus possono rimanere latente nel corpo per lunghi periodi di tempo. Glaser propone che i virus potrebbero essere parzialmente riattivati, cioè, le proteine ​​virali potrebbero essere prodotti a livelli sufficientemente alti per causare un'infezione basso grado ma troppo bassa per essere visto usando test di laboratorio correnti.

Glaser e Kiecolt-Glaser suggeriscono che i pazienti con CFS possono sperimentare una infezione virale in atto, a basso grado - più come un fuoco senza fiamma piuttosto che una fiammata di tre-allarme - che potrebbe stimolare le parti della risposta immunitaria senza alzare titoli anticorpali verso tipicamente alta livelli.

Tale infezione basso grado sarebbe sufficiente per aumentare la produzione di varie citochine - mediatori chimici per il sistema immunitario - e iniziare la risposta immunitaria.

"Un sacco di sintomi che si trovano nella sindrome da stanchezza cronica sono gli stessi indotte da citochine durante la nostra normale risposta immunitaria", ha detto Glaser.

Egli ammette che gli studi di pazienti devono ancora mostrare un modello di comportamento anomalo citochina che a sostegno della loro teoria, ma lui ha una spiegazione per questo.

"Non abbiamo trovato tutte le citochine coinvolte nell'immunità. Forse non abbiamo trovato quella giusta, ancora", ha detto, aggiungendo che le nuove citochine sono in costante fase di identificazione.

Stress e depressione possono essere un ruolo correlato e, Kiecolt-Glaser ha detto. All'inizio di ricerca ha ripetutamente dimostrato che l'aumento di stress e depressione possono riattivare i virus latenti, limitare la risposta immunitaria del corpo, e stimolare la produzione di alcune citochine legate ad alcuni sintomi CFS-like.

"Parte di questo è un problema di pollo e uova", ha detto Kiecolt-Glaser. "Le persone con diagnosi di CFS sono spesso depressi dato che sono in grado di svolgere le normali attività quotidiane,. Quello che non sappiamo è se la depressione seguita la diagnosi di CFS o CFS contribuito.

"Sappiamo, tuttavia, che questo tipo di depressione può indebolire la nostra risposta immunitaria".

Glaser ha detto i ricercatori hanno bisogno di riconsiderare lavoro passato a CFS.

"Abbiamo bisogno di guardare per le modifiche del sistema immunitario che sono molto più sottili e specifico di quelli che abbiamo usato come riferimento", ha detto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha