Nuova pompa del cuore assistere permette approccio mini-invasivo

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Vanderbilt Heart and Vascular Institute (VHVI) è stato il primo impianto in Tennessee per impiantare il miniaturizzato HeartWare pompa HVAD attraverso un approccio minimamente invasivo noto come una toracotomia, una piccola incisione sul lato del torace.

La pompa HVAD è un dispositivo di uscita completa miniaturizzato progettato per essere impiantato nello spazio pericardico. Si trova all'interno del petto e si collega direttamente al cuore. N dissezione addominale è necessaria la procedura di impianto.




L'anno scorso, Simon Maltais, MD, assistente professore di chirurgia e direttore del trapianto di cuore e ventricolare Support Program cardiaco, viaggiato all'Università Heart Center di Lipsia, in Germania, di osservare Martin Strueber, MD, e Jan Schmitto, MD, di Hannover , Germania, in quanto il dispositivo impiantato HeartWare. Essi sono ormai considerati pionieri del metodo LVAD minimamente invasivo.

Nel corso dell'ultimo anno, VHVI divenne il più grande centro di LVAD minimamente invasiva negli Stati Uniti.

Ora, i medici provenienti da tutto il paese vengono a Vanderbilt Cuore guardare Maltais al lavoro.

"Vengono a visitare ogni mese. Stiamo ricevendo un sacco di attenzione," ha detto.

Ad oggi, Maltais ha impiantato 50 dispositivi HeartWare, il 40 per cento di loro minimamente invasiva, che richiede una piccola incisione di 4-6 cm. Questo approccio consente di evitare l'apertura del torace attraverso una sternotomia, quindi diminuendo o tempo, il rischio di sanguinamento perioperatorio e infezioni.

"Cerchiamo di minimizzare dividere lo sterno, che può essere molto traumatico. Questo facilita il reintervento per l'eventuale trapianto di cuore. E 'un grande vantaggio", ha detto Maltais.

In combinazione con un altro dispositivo LVAD noto HeartMate II, che VHVI iniziato a utilizzare nel 2008, Vanderbilt eseguito 82 procedure LVAD nel 2013, collocandola tra i primi cinque centri medici nel paese per il numero di impianti. Tutti, i tassi di sopravvivenza LVAD raccontate sono al 90 per cento a Vanderbilt, Maltais detto.

L'HeartMate II è un flusso assiale pompa sangue rotativo ad alta velocità. Esso drena il sangue continuamente dal ventricolo sinistro all'aorta dall'azione del rotore interno, determina migliori risultati a lungo termine.

Un articolo apparso di recente sul New England Journal of Medicine ha delineato un tasso maggiore di trombosi pompa (coaguli di sangue) con la HeartMate II.

Vanderbilt, che ha un rapporto di collaborazione con la Mayo Clinic e l'Università del Michigan per studiare i risultati LVAD, non aveva osservato questa tendenza. Maltais e John Stulak, MD, della Mayo Clinic, hanno studiato i risultati di 516 impianti a pompa HeartMate II effettuati alle tre istituzioni e hanno presentato i loro risultati al NEJM.

La loro lettera, scritta in risposta all'articolo originale, apparso nel 10 aprile della rivista.

Mentre i risultati del gruppo hanno confermato un picco simile a trombosi pompa nel 2012, si osserva una diminuzione all'unanimità nel 2013, secondo la lettera NEJM.

"Queste osservazioni sono state trovate coerente a ogni singolo centro prima di combinare i dati. Mentre il campo è in debito con la relazione di Starling et al, abbiamo osservato una traiettoria diversa confermato incidenza di trombosi pompa più recentemente," scrivono gli autori.

"Mentre noi crediamo che queste importanti informazioni dovrebbero essere a disposizione dei lettori, si ribadisce la necessità di uniformare la gestione dei pazienti in questa popolazione difficile."

Vanderbilt ha ridotto con successo il tasso di trombosi pompa associata al HeartMate II regolando la gestione post-operatorio sul trattamento della pressione arteriosa, con terapia anticoagulante più aggressiva e gestire la velocità della pompa in modo diverso.

"Questo lavoro sarà ampiamente citato nei prossimi anni e dimostra la nostra capacità di essere tra i primi centri di scompenso cardiaco avanzato nel paese. Il nostro programma di ricerca avanzata di insufficienza cardiaca è molto produttivo e fa parte di rendere il progresso campo", ha detto Maltais.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha