Nuova ricerca potrebbe spiegare perché alcuni che ricevono Growth Hormone Therapy Sviluppare polipi del colon

Aprile 5, 2016 Admin Salute 0 17
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'uso della terapia con ormone della crescita è stato collegato in alcune persone allo sviluppo di polipi del colon, un possibile precursore del cancro del colon-retto - ma i ricercatori medici hanno discusso l'estensione di un rischio di cancro.

Inoltre, la ragione di un collegamento polipi di ormone della crescita è stato poco chiaro. Ma la nuova ricerca presso la University of North Carolina a Chapel Hill indica la probabile risposta: perdita di funzione di uno di una coppia di geni che normalmente inibire i segnali di ormone della crescita all'interno della cellula.

Lo studio offre anche un possibile indicatore molecolare che potrebbe aiutare a determinare quali persone che assumono terapia con ormone della crescita sono ad aumentato rischio di polipi del colon. I ricercatori sanno già che i polipi del colon tendono a verificarsi in persone che hanno già una quantità eccessiva di ormone della crescita, come ad esempio quelli con una malattia chiamata acromegalia, o gigantismo.




Un rapporto dello studio appare nel numero di aprile della rivista medica Endocrinology.

Studio senior autore Dr. P. Kay Lund, professore di fisiologia molecolare e cellulare all'interno di Scuola di Medicina di UNC e un membro del Cancer Center UNC Lineberger Comprehensive, ha detto che lei e la sua squadra si era interessato a guardare l'effetto di un inibitore di recente scoperta di segnalazione dell'ormone della crescita cellulare, soppressore di citochine segnalazione-2, o SOCS2.

Questa molecola limita la crescita ormone azione sulla crescita del corpo e degli organi, ma il suo ruolo in azione dell'ormone della crescita su intestino è sconosciuta, Lund ha detto.

"Gran parte del lavoro sul SOCS2 era stato fatto in colture cellulari. Abbiamo voluto studiare in vivo, in animali da laboratorio, con un focus su come si ferma l'azione di ormone della crescita cellulare."

I ricercatori hanno pensato un modo ideale per studiare questo problema sarebbe quella di utilizzare un modello animale di acromegalia, topi di laboratorio che hanno quantità eccessive di ormone della crescita.

Gli animali sono stati incrociati con gli animali in cui il gene SOCS2 è stato eliminato. L'allevamento generato animali con ormone della crescita eccessiva e uno o due geni SOCS2 funzionali, ma nessuno con ormone della crescita eccessiva e non geni SOCS2, un risultato inatteso.

"Questo significa che l'ormone della crescita eccessiva e non SOCS2 funzionale è incompatibile con successo lo sviluppo embrionale", ha detto Lund.

Ma c'era un'altra sorpresa: mentre i polipi del colon non si sviluppano in animali con ormone della crescita eccessiva e due geni SOCS funzionali, più polipi si sviluppano negli animali con eccessiva dell'ormone della crescita e un solo gene funzionante SOCS2.

"Abbiamo scoperto che la perdita di questo una copia di SOCS2, questo 'aplotipo insufficienza,' è sufficiente a causare la formazione di polipi spontanea in questi animali", ha detto Lund, aggiungendo che i risultati potrebbero avere implicazioni per gli esseri umani.

"Modelli animali di insufficienza Haplotype sono molto più vicini al normale variazione umana. Gli animali che esprimono solo il 50 per cento i livelli normali di una proteina può essere pensato come il riflesso della variazione fisiologica che si verifica nella popolazione generale."

Secondo Lund, i livelli di espressione di SOCS2 misurati in, diciamo, 100 persone avrebbero quasi certamente variare di almeno il 50 per cento.

"Quindi questo pone davvero il problema che in una situazione di eccesso di ormone della crescita, come acromegalia o, eventualmente, terapia con ormone della crescita, SOCS2 può essere davvero fondamentale per dettare il rischio di ottenere anomalie nel colon."

D'altra parte, la ricerca di Lund può richiedere alle variazioni nella risposta alla terapia ormone della crescita per il tratto gastrointestinale. Ciò include persone con sindrome da intestino corto, un gruppo di problemi che riguardano persone che hanno avuto la metà o più del loro piccolo intestino rimosso chirurgicamente. Molte persone con sindrome da intestino corto sono malnutriti perché la loro residua piccolo intestino non è in grado di assorbire abbastanza acqua, vitamine e altri nutrienti dal cibo.

"Quello è stato un puzzle è che la risposta di ormone della crescita in questi pazienti è molto variabile. Alcuni sembrano rispondere bene e ottenere un grande beneficio da questa terapia, e alcune persone non rispondono bene", ha detto Lund.

"E abbiamo scoperto che gli animali hanno il 50 per cento dei normali livelli di espressione di SOCS2 mostrano molto più piccola crescita intestinale per la terapia di ormone della crescita. Quindi, se basso SOCS2 migliora la risposta del piccolo intestino per l'ormone della crescita, si dice che i pazienti che hanno minore SOCS2 può essere quelli che rispondono favorevolmente a questa terapia. "

Così, a seconda della situazione clinica, i livelli di SOCS2 dovrebbero o prevedono che potrebbe essere a maggior rischio di polipi del colon, in presenza di un eccesso di ormone della crescita e che potrebbe meglio rispondere alla terapia ormonale della crescita per le condizioni gastrointestinali come la sindrome da intestino corto.

"La nostra ricerca futura con SOCS2 sarà volto a studi su campioni di tessuti umani per verificare le variazioni nei livelli di SOCS2 nell'intestino per predire il rischio di polipi del colon o la risposta dei pazienti con sindrome da intestino corto di ormone della crescita terapeutico. Studi su animali futuri prova la ruolo di SOCS2 in modelli di cancro ", ha detto Lund.

UNC co-autori con Lund erano autore principale dott Carmen Michaylira, un ex studente laureato nel laboratorio di Lund e ora presso la University of Pennsylvania; Nicole Ramocki, studente laureato; Dr. James Simmons, socio di ricerca nella cella e fisiologia molecolare; C. Kirby Tanner, primo anno studente di medicina; Kirk McNaughton, analista di ricerca in cellule e fisiologia molecolare; e il dottor John Woosley, professore asssociate di patologia e medicina di laboratorio. Co-autore Dr Christopher Greenhalgh dal Walter ed Eliza Corridoio Institute di Melbourne, in Australia, è stato un collaboratore essenziale sul lavoro SOCS2.

I finanziamenti per la ricerca è venuto dal National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali, un componente del National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha