Nuova scoperta Chi Factor crescita può essere svolta per la Ricerca sul Cancro

Aprile 26, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un gruppo di ricerca presso l'Istituto Ludwig e Università di Uppsala ha scoperto un nuovo percorso del segnale per un fattore di crescita che è di importanza cruciale per la sopravvivenza e la crescita delle cellule tumorali. Questa scoperta, pubblicata nel numero di settembre 2 di Nature Cell Biology, si apre un paesaggio del tutto nuovo per la ricerca sul cancro al seno e alla prostata, tra gli altri tipi.

La capacità delle nostre cellule per capire i segnali provenienti da vari fattori di crescita è fondamentale per il normale sviluppo del feto. L'aggressività e la capacità di sopravvivenza in cellule tumorali sono regolate da una serie di fattori di crescita, con fattore di crescita trasformante b (TGF-b) svolgere un ruolo di primo piano. In questo studio, i ricercatori presso l'Istituto Ludwig per la ricerca sul cancro e il Dipartimento di Genetica e Patologia, Università di Uppsala, hanno identificato un nuovo percorso del segnale che viene regolato da TGF-b.

"Questa scoperta è di enorme importanza per la nostra capacità di individuare quali percorsi di segnale TGF-b utilizzato per inibire la crescita delle cellule, o per stimolare la capacità delle cellule tumorali di sopravvivere e metastatizzare," afferma Marene Landstrцm, che ha diretto lo studio.




TGF-b trasmette il segnale all'interno della cellula attraverso recettori legati alla membrana cellulare in un modo che è simile nella maggior parte degli animali. Poco più di dieci anni fa, gli scienziati hanno scoperto cosiddette proteine ​​Smad, che servono come messaggeri unici per il segnale attivo TGF-b. Queste proteine ​​sono attivate quando gruppi fosfato legano a loro in un modo che dipende dall'attività enzimatica (chinasi di serina-treonina) nei recettori TGF-b.

Il nuovo percorso del segnale che il gruppo di ricerca ha ora individuato è regolata in modo indipendente di questa attività chinasi serina-treonina, che rende la scoperta pubblicata nell'articolo estremamente interessante. Lo studio dimostra che i recettori sono utilizzati invece per attivare un altro enzima, TRAF6, che si lega al complesso dei recettori. TRAF6 è un cosiddetto ubiquitina-ligasi, che, quando attivata, pone brevi piccole catene proteiche su se stessa e altre proteine. TRAF6 quindi funziona come un interruttore che può determinare quali segnali deve essere attivata nella cella. TRAF6 è utilizzato da TGF- essere specificamente in grado di attivare una chinasi chiamato TAK1, che attiva successivamente altri cosiddetti stress chinasi attivate, che porta alla morte cellulare.

"La scoperta che TGF fa uso di TRAF6 per attivare percorsi di segnale nelle cellule si apre un paesaggio del tutto nuovo per la ricerca futura. Il permette di sviluppare nuove strategie di trattamento per i tumori avanzati che dipendono TGF, per esempio in casi avanzati di cancro al seno e alla prostata ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha