Nuova scoperta potrebbe rivoluzionare il trattamento per il dolore causato da chirurgia, malattia e infortunio

Maggio 14, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per chi soffre di dolore, scienziati UCLA e l'Università di Cambridge, Regno Unito, segnalano un progresso rivoluzionario nella medicina del dolore, che promette di fornire antidolorifici direttamente alla zona interessata del corpo, in dosi più piccole e con minori effetti collaterali.

I ricercatori relazione Il primo metodo utilizza clinicamente idonei nervi come mezzo di fornire in modo sicuro alte dosi di antidolorifici per ottenere un effetto terapeutico. Hanno annunciato i loro risultati di ricerca presso la Society for Neuroscience convegno 8 novembre a New Orleans, La.

UCLA neurochirurgo Aaron Filler e colleghi hanno utilizzato un metodo chiamato "trasporto assonale" per fornire un farmaco dolore al gangli spinali e il midollo spinale, con i nervi come un condotto, in un modello animale.




Trasporto assonale funziona come un processo di "nastro trasportatore", fornendo i farmaci antidolorifici per terminazioni sensoriali remote nei tessuti del corpo. In trasporto assonale, la cella sposta molecole da un'estremità della cella all'altra, sostenendo così la loro capacità di comunicare con altri neuroni. Un singolo neurone può essere lungo più di due metri.

Sebbene il trasporto assonale ha svolto un ruolo in migliaia di studi di ricerca in passato, questa è la prima volta rapporto di un effetto clinico positivo con un potenziale farmaco umana. La nuova tecnologia utilizza una struttura molecolare romanzo per raggiungere il dosaggio clinicamente efficace in gruppi mirati di nervi, Filler detto.

Questo lavoro segna un importante passo avanti, in quanto il trattamento farmacologico dei disturbi del sistema nervoso è spesso ostacolato e talvolta impedito quando il sito preciso della lesione o malattia non può essere raggiunto con un adeguato livello di medicina del dolore senza causare effetti collaterali indesiderati. Consegna di antidolorifici direttamente ai siti di destinazione selezionati può evitare la tossicità indesiderato, così come non appropriato effetti collaterali non bersaglio tessuto neurale.

Filler dice che con questo nuovo metodo di fornire farmaci antidolorifici, un colpo somministrato durante l'intervento potrebbe alleviare le sensazioni di dolore di un paziente normalmente sentire per diversi giorni. Gli antidolorifici andranno solo ai nervi coinvolti nella chirurgia, eliminando il negativo esperienza pazienti effetti indesiderati dalla attuale metodo di trattamento del dolore, come nausea, sonnolenza e insufficienza respiratoria.

I ricercatori hanno scoperto che le sostanze opportunamente formulati, compresi i farmaci, sono presi da terminazioni nervose assoni e trasportati ai tessuti fondamentali del sistema nervoso. Dal momento che i nervi sono territoriali e mappa di particolari segmenti del corpo, questo permette l'erogazione selettiva di farmaci a parti rilevanti del sistema nervoso coinvolto nella sensazione di dolore e di altri processi patologici.

I ricercatori hanno creato un complesso costituito da un facilitatore trasporto assonale (ATF) collegato a una molecola linker cuscinetto fino a un centinaio di molecole farmacologiche reversibile allegate. Questo complesso è stato configurato in modo da consegnare il gabapentin droga in un modello murino di dolore neuropatico in scelti gangli dorsali radice da trasporto assonale dopo iniezione nel tessuto fornito dai nervi di destinazione.

"Questo progetto molto complesso realizza qualcosa che, in precedenza, non è stato ritenuto possibile," ha dichiarato Filler. "Il modo in cui funziona lo rende il primo farmaco veramente del 21 ° secolo. Questi risultati dovrebbero portare a decine di nuovi farmaci che risolverà i problemi di rilascio di farmaci difficili nel trattamento di condizioni diversi, come ictus, il morbo di Alzheimer, herpes zoster e herpes. "

"Una singola iniezione del complesso farmaco ATF ha causato una riduzione del 50 per cento nel ipersensibilità al dolore che è durato fino a quattro giorni", dice Filler. "Per ottenere un effetto simile dai farmaci attuali richiederebbe più di 300 volte la quantità di antidolorifico dato in dosi multiple."

L'attuale metodo di trattamento del dolore coinvolge fornire antidolorifici nel flusso sanguigno. Il farmaco dolore viaggia poi in tutto il sistema di un paziente, che colpisce tutte le aree del corpo, a differenza di questo nuovo approccio mirato.

Gli studi clinici che usano il trasporto assonale nel trattamento del dolore neuropatico cominceranno all'inizio del 2002.

Oltre a Filler, il dottor Andrew Lever, il Dr. Raj Munglani e il Dr. Garth Whiteside dell'Università di Cambridge; e il dottor Mark Bacon, il dottor Jonathan Clark e il Dr. Peter Laing di SynGenix Ltd. tutto collaborato su questa ricerca.

La ricerca è stata finanziata dal SynGenix Ltd., il Ministero britannico del Commercio e dell'Industria, e la Fondazione Neuroscience Research Hospital di Atkinson Morley.

Filler è un co-fondatore, consulente e significativo azionista della ditta farmaceutica SynGenix Ltd di Cambridge, Regno Unito, che in parte finanziato questa ricerca, e detiene i diritti per il sistema di trasporto assonale descritto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha