Nuova tattica per controllare la glicemia nel diabete contraddice vista corrente della malattia: infiammazione può essere parte della soluzione, non il problema

Giugno 16, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Aumento infiammazione di basso grado nel corpo risultante da obesità è ampiamente considerato come un contributo al diabete di tipo 2. Andando contro questa credenza di lunga data, i ricercatori di relazione Hospital di Boston per bambini che due proteine ​​attivate da infiammazione sono in realtà fondamentali per il mantenimento di buoni livelli di zucchero nel sangue - e che incentivare l'attività di queste proteine ​​può normalizzare la glicemia nei topi gravemente obesi e diabetici.

La ricerca, guidata da Umut Ozcan, MD, e la Divisione di Endocrinologia presso bambini, è riportato nel numero di ottobre di Nature Medicine, pubblicato online il 4 settembre.

"Questo risultato è del tutto contrario al dogma generale nel campo del diabete che l'infiammazione di basso grado di obesità provoca insulino-resistenza e diabete di tipo 2", spiega Ozcan. "Per 20 anni, questa infiammazione è stato visto come dannoso, mentre in realtà è utile."




La squadra di Ozcan precedentemente dimostrato che l'obesità pone l'accento sulla reticolo endoplasmatico (ER), una struttura nella cella in cui le proteine ​​vengono assemblati, piegati e spediti a fare i lavori per la cella. Questo cosiddetto "stress ER" altera la risposta del corpo all'insulina a mantenere adeguati livelli di glucosio nel sangue, ed è un collegamento fondamentale tra obesità e diabete di tipo 2. L'anno scorso, Ozcan e colleghi hanno dimostrato che una proteina che allevia lo stress ER, chiamati XBP1s, non può funzionare nei topi obesi. All'inizio di quest'anno, hanno dimostrato che l'attivazione XBP1s artificialmente nel fegato normalizzata la glicemia alta nel obesi, tipo insulino-resistente 2 topi diabetici (così come magra, insulino-deficienti tipo 1 topi diabetici).

Il nuovo studio mostra che una seconda proteina innescato da segnali infiammatori, p38 MAPK, altera chimicamente XBP1s, migliorando la sua attività - e che senza queste alterazioni, XBP1s non può funzionare per mantenere i livelli di glucosio normali. Lo studio ha inoltre dimostrato che i topi obesi hanno ridotto l'attività p38 MAPK e che ri-attivazione di p38 MAPK nel fegato ridotto la loro ER stress, aumento della sensibilità all'insulina e la tolleranza al glucosio, e dei livelli di glucosio nel sangue notevolmente ridotti.

Insieme, i risultati suggeriscono che sia aumentando l'attività di p38 MAPK - nonostante il suo essere un segnale infiammatorio - o aumentando XBP-1 con altri mezzi potrebbe rappresentare nuove opzioni terapeutiche per il diabete.

Lo studio suggerisce inoltre un nuovo modello per il diabete di tipo 2 comprensione, in cui l'obesità può interferire con la capacità delle cellule delle persone di rispondere ai segnali infiammatori. "Può essere che i percorsi infiammatori non funzionano in modo ottimale e ci potrebbe essere una resistenza di citochine che media l'infiammazione", spiega Ozcan. "Questo potrebbe essere un cambiamento di paradigma per il campo."

I ricercatori sollevano anche una possibile lato negativo in trattamento con inibitori della p38 MAPK per il trattamento di malattie infiammatorie come la malattia di Crohn, la psoriasi e l'asma. "Questi approcci terapeutici devono ... essere valutati nel contesto dei nostri risultati, e alla luce della possibilità che l'inibizione dell'attività XBP1s diminuisce anche la capacità della cella per far fronte alle condizioni infiammatorie," scrivono.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health e fondi Timothy Murphy forniti alla Divisione di Endocrinologia, Ospedale pediatrico di Boston. Jaemin Lee, PhD, e Cheng Sun, PhD, sono stati co-primi autori sulla carta.

(0)
(0)
Articolo successivo Cerchi SEO a Dubai

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha