Nuova tecnologia aiuta i malati di Parkinson sono più eloquenti

Maggio 15, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"Le persone con malattia di Parkinson comunemente hanno problemi di voce e della parola", ha detto Jessica Huber, professore associato presso il Dipartimento di parola, del linguaggio e dell'udito Scienze della Purdue. "Ad un certo punto della loro malattia avranno qualche forma di voce o disturbo del linguaggio che in genere si verifica un po 'più tardi nella malattia."

Parkinson colpisce 1,5 milioni di persone negli Stati Uniti ed è una delle malattie neurologiche degenerative più comuni. Circa 89 per cento di quelli con il Parkinson hanno il cambiamento di voce correlata, che è legato a come si parla ad alta voce, e circa il 45 per cento hanno cambio discorso legati, o come chiaramente si parla.




"Una terapia principale è quello di convincere la gente a parlare più forte, che può anche causare loro di articolare in modo più chiaro", ha detto Huber.

La terapia più comune, il programma di trattamento voce Lee Silverman, allena i pazienti a parlare più forte in sessioni di un'ora quattro giorni alla settimana per un mese.

"Alcuni pazienti di Parkinson fanno grande con questo approccio, ma altri no", ha detto Huber. "Si dimentica di tenere parlare più forte al minuto che hanno lasciato la stanza di terapia. Lee Silverman tende a lavorare di meno per le persone con fasi successive della malattia o coloro che hanno qualche declino cognitivo. Volevo sapere se ci fosse un modo più semplice per cue persone durante la terapia, invece di dire loro, 'Cercate di essere due volte più forte,' o 'Cerca di concentrarsi su questo strumento suono e raggiungere questo volume.' "

Huber ha utilizzato un nuovo approccio: I pazienti sono stati invitati a parlare più forte, mentre una registrazione di sfondo "rumore multitalker balbettio" è stato giocato. Il rumore è essenzialmente il suono di un ristorante pieno di clienti, ma senza le sferraglianti argenteria e tintinnano, bicchieri.

"Hanno avuto un tempo più facile ottenere più forte quando ho avuto il rumore nella stanza", ha detto. "Di solito, quando ho chiesto loro di essere due volte più forte dicevano che non potevano. Non potevano parlare 10 decibel più forte, ma quando ho acceso il rumore balbettio, parlavano più di 10 decibel più forte."

Il suono di sottofondo provoca un fenomeno ben noto chiamato effetto Lombard, un riflesso in cui si parla più forte automaticamente in presenza di rumore di fondo.

"Si va in una stanza rumorosa a una festa e si parla più forte senza nemmeno rendersene conto", ha detto Huber. "Abbiamo avuto tutti l'esperienza dove la camera diventa improvvisamente silenziosa e si sta ancora urlando, ma non si sapeva che eri."

Huber ha creato una nuova tecnologia elettronica con questo principio. Il dispositivo di comando vocale riproduce automaticamente lo sfondo balbettio quando la persona comincia a parlare. Un sensore posto sul collo rileva che la persona ha cominciato a parlare e dice al dispositivo per riprodurre il balbettio attraverso un auricolare indossato dal paziente.

"Ho avuto l'idea che se li alleniamo con una stecca naturale nel loro ambiente quotidiano, ci sarà probabilmente ottenere risultati migliori," ha detto. "Chiediamo loro di indossare il sistema per circa quattro ore al giorno come vanno circa la loro routine quotidiana."

Una parte importante della ricerca è quello di integrare il sensore di rilevamento vocale, chiamato un accelerometro, sviluppato nel lavoro condotto da ingegneria biomedica dottorandi Matias Zañartu e Julio C. Ho e professore di ingegneria biomedica George Wodicka, testa di Weldon Scuola di Ingegneria Biomedica di Purdue .

"Questo sensore è fondamentale perché è essenziale che il rumore di fondo balbettio attivare solo quando i colloqui soggetti", ha detto Huber.

Il prototipo del dispositivo è stato costruito dal responsabile risorse ingegneristiche Jim Jones e ingegnere senior di ricerca Kirk Foster, sia nella Scuola Weldon. Un prototipo precedente era stato costruito da Scott Kepner, responsabile dei servizi tecnici, e Derek Tully, vice direttore dei servizi tecnici, sia presso il Dipartimento di Speech, Language and Hearing Sciences.

Sei pazienti portavano il sistema portatile per otto settimane. I dati raccolti hanno mostrato il sistema richiede efficacemente i malati di Parkinson a parlare più forte e più chiaro.

"Il loro discorso cambia in modo significativo", ha detto Huber, che sta lavorando con Meghan Tesoro, uno studente di dottorato in Speech, Language and Hearing Sciences. "Ci sono stati momenti in cui ho chiamato i pazienti e hanno avuto il dispositivo e non ho davvero li riconoscono. E questi sono i pazienti che ho conosciuto da molto tempo. Questo è utile anche perché li addestra nella loro ambiente quotidiano -. nelle loro case, con i loro coniugi, nelle loro chiese, nei loro gruppi sociali "

Huber determinato funziona il sistema misurando come i pazienti molto più forte parlato mentre sul dispositivo e senza il dispositivo dopo otto settimane di allenamento.

I ricercatori sono anche interessati ad esaminare i cambiamenti fisiologici suscitate dal dispositivo. I pazienti indossano una maschera e sensori elastici posizionati intorno alla gabbia toracica a registrare con precisione i dati respiratorie, della laringe e di articolazione.

"Sappiamo che il volume polmonare, e sappiamo che la pressione e il flusso d'aria che generano durante il discorso, che ci dice non solo se si parla più forte, ma il modo in cui si parla più forte", ha detto Huber. "Per esempio, forse si sta utilizzando esclusivamente il sistema respiratorio per ottenere più forte, o forse è tutto sulla laringe."

I ricercatori inoltre verificare come il sistema funziona con persone che non sono logopedisti ascoltano pazienti pronunciando parole che potrebbero essere facilmente confusi con altre parole.

I ricercatori lavoreranno in futuro con i pazienti presso l'Istituto di Riabilitazione di Indianapolis. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se i pazienti continuano a parlare più forte quando non indossano il dispositivo. Il sistema potrebbe essere ulteriormente sviluppato per utilizzare batterie ricaricabili, Huber ha detto.

La ricerca è finanziata dal National Institutes of Health. Purdue ha depositato un brevetto provvisorio sul concetto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha