Nuovo angolo promettente per i farmaci per prevenire ictus e infarto

Maggio 30, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le piastrine, che permettono la coagulazione del sangue, sono al centro di numerosi problemi cardiovascolari, tra cui attacchi di cuore e ictus. Una nuova ricerca ha scoperto una proteina piastrinica chiave che potrebbe offrire un nuovo punto di vista per lo sviluppo di farmaci per prevenire la trombosi, o pericolosi coaguli di sangue, in pazienti che sono ad alto rischio come quelli con aterosclerosi o una storia di problemi cardiaci.

"Penso che siamo all'inizio di un emozionante viaggio alla scoperta di nuovi farmaci per una nuova classe di terapie antitrombotiche," ha detto l'autore principale dello studio Stephen Agrifoglio, PhD, assistente professore di biochimica e biofisica presso la University of North Carolina School of Medicine. Questo lavoro è stato svolto in collaborazione con gli autori di alto Leslie Parise, PhD, a UNC e Benjamin Cravatt, PhD, al The Scripps Research Institute.

Lo studio è stato pubblicato on line 29 agosto prima della stampa nella rivista Chemistry & Biology e finanziata da sovvenzioni dal American Heart Association e il National Institutes of Health.




Nel sistema circolatorio umano, piastrine sono qualcosa di una spada a doppio taglio. Senza le loro capacità di coagulazione, anche un lieve infortunio potrebbe causare emorragie potenzialmente fatali. Ma nel corso di un attacco di cuore o ictus, piastrine formano un coagulo che può potenzialmente bloccare il flusso di sangue nelle nostre vene e arterie, una condizione pericolosa chiamata trombosi, che può privare i tessuti di ossigeno e di portare alla morte.

Diversi farmaci antitrombotici sono disponibili, ma alcuni sono stati trovati per causare sanguinamento - un effetto collaterale che è particolarmente fastidioso quando questi farmaci sono utilizzati per prevenire la trombosi in persone sottoposte a chirurgia cardiaca. "C'è ancora spazio per migliorare, in termini di rendere un farmaco ideale in grado di bloccare la funzione delle piastrine senza avviare sanguinamento", ha detto il dottor Agrifoglio.

Dr. Holly e suoi colleghi hanno scoperto diversi potenziali bersagli farmacologici utilizzando una tecnica di screening, che non è mai stato applicato al sistema cardiovascolare. La tecnica, chiamata per attività di proteine ​​profiling, è stato utilizzato nella ricerca sul cancro e permette ai ricercatori di monitorare le attività effettive di proteine ​​che operano all'interno di una cellula. La squadra prima di pre-screening piastrine umane per restringere il campo dei composti farmaco-simili, quindi generato un profilo proteico per attività utilizzando uno di questi composti di individuare le proteine ​​che svolgono un ruolo nella attivazione piastrinica.

La caccia ha avuto successo. "Con questa tecnica, abbiamo scoperto due nuovi inibitori di attivazione piastrinica e un romanzo enzima coinvolto nella segnalazione delle piastrine", ha detto Agrifoglio.

Questa nuova conoscenza di piastrine 'naturale "on-off" switch potrebbe essere sfruttata per sviluppare farmaci che impediscono la formazione di piastrine coaguli di sangue patologiche. Come passo successivo, i ricercatori sperano di indagare i ruoli delle proteine ​​'in modelli animali prima potenzialmente perseguire sperimentazione clinica umana.

Studio co-autori di UNC-CH inclusi Ryan Phillips, Raymond Piatt, Justin Black, Yacine Boulaftali, e Wolfgang Bergmeier. Ulteriori co-autori inclusi Jae Won Chang, Weiwei Li e Sherry Niessen da The Scripps Research Institute e Matthew Smith e Andrew Weyrich presso la University of Utah, Salt Lake City.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha