Nuovo approccio al trattamento della leucemia linfocitica cronica

Maggio 5, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ricercatori Dartmouth hanno sviluppato un approccio nuovo e unico per il trattamento di leucemia linfocitica cronica (CLL), una forma di cancro del sangue che spesso richiede trattamenti di chemioterapia ripetuti a cui cresce resistente. I ricercatori, guidati da Alexey V. Danilov, MD, PhD, assistente professore presso la Scuola di Medicina Geisel a Dartmouth e ematologo-oncologo presso il Cancer Center Norris Cotton, modellate il microambiente linfonodo dove le cellule CLL si trovano in laboratorio. Sono stati in grado di interrompere l'attività di un percorso (NF-kB), che assicura la sopravvivenza e la resistenza delle cellule CLL in tali microambienti.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel 15 marzo 2014 numero di Clinical Cancer Research.

"In questo microambiente in vitro, abbiamo usato MLN4924 per interrompere l'attività del pathway NF-kB di mira NEDD8, che controlla l'attivazione di NF-kB", ha detto Danilov. "Questo ha ridotto la sopravvivenza delle cellule CLL e li ri-sensibilizzati alla chemioterapia convenzionale così come nuovi agenti. Poiché le cellule CLL utilizzati sono stati ottenuti da pazienti affetti da questo disturbo, questi risultati sono immediatamente rilevanti per la clinica."




Danilov dice che a differenza di altre nuove terapie che hanno mostrato risultati promettenti nel trattamento della LLC, questo approccio è unico perché non direttamente bersaglio le proteine ​​all'interno del recettore percorso B-cell. Egli osserva inoltre che altri modelli di ricerca che imitano la naturale linfonodale microambiente hanno tipicamente indotto sopravvivenza prolungata di cellule CLL e li ha resi resistenti alla chemioterapia in vitro. Questa ricerca utilizzato nuovi sistemi modello che invertiti gli effetti pro-sopravvivenza del microambiente.
I ricercatori stanno ora lavorando per comprendere i complessi meccanismi di come MLN4924 diminuito la sopravvivenza delle cellule CLL. Una volta che capiscono i meccanismi coinvolti, nuovi approcci terapeutici e combinazioni di farmaci possono essere sviluppate per l'utilizzo in studi su animali di CLL, e possono in ultima analisi, portare ad una sperimentazione clinica con i pazienti umani.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha