Nuovo approccio per Soppressione del cancro alla prostata di sviluppo

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori della University of Southern California (USC) hanno scoperto che l'inattivazione di un biomarker specifico per i blocchi di cancro alla prostata aggressivo lo sviluppo del cancro alla prostata in modelli animali.

I ricercatori dicono che lo studio imminente negli Atti della National Academy of Sciences-ora disponibile online, può portare ad una terapia del cancro romanzo per gli esseri umani.

"Questa ricerca ha implicazioni di vasta portata in una vasta gamma di tumori umani", dice Amy Lee, Ph.D., ricercatore principale dello studio e direttore associato per la ricerca di base e titolare della Cattedra Freeman Cosmetics alla USC/Norris Comprehensive Cancer Center e professore di biochimica e biologia molecolare presso la Keck School of Medicine della USC. "Si tratta di uno studio importante passo avanti."




Il cancro alla prostata è il tumore più comune negli uomini e si sviluppa attraverso fasi successive. La proteina GRP78 glucosio-regolata è stata identificata come entità cruciale nello sviluppo del cancro alla prostata, promuovendo la proliferazione delle cellule di cancro, mediando segnalazione oncogenici e proteggere le cellule tumorali dalla morte cellulare derivante dallo stress di sviluppo del tumore, Lee spiega. Sopprimendo l'espressione o attività GRP78, i ricercatori USC scoperto che potevano bloccare l'attivazione del cancro alla prostata e sviluppo derivanti dalla perdita di PTEN, un potente gene soppressore del tumore per un certo numero di tumori umani.

I ricercatori hanno trascorso più di tre anni di monitoraggio dello sviluppo del cancro alla prostata in modelli animali che erano stati geneticamente modificati per avere sia la GRP78 e PTEN geni oncosoppressori inattivati. La ricerca è stata condotta da Yong Fu, un dottorato di ricerca candidato presso la Keck School of Medicine della USC e il primo autore dello studio, in collaborazione con dottorandi Shiuan Wey, Miao Wang, Risheng Ye e Chun-Peng Liao e Pradip Roy-Burman, MD, professore di patologia, biochimica e biologia molecolare presso la Keck School.

La ricerca futura dovrebbe verificare il ruolo di GRP78 in altri tipi di cancro e di isolare i farmaci che inibiscono GRP78, dice Lee. "A nostra conoscenza, questa è la prima dimostrazione che l'inattivazione di un chaperone molecolare specifica dalla prostata topo cellule epiteliali possono potentemente bloccare lo sviluppo del cancro della prostata e sopprimere l'attivazione di AKT, che è una proteina chinasi che promuove la proliferazione e sopravvivenza cellulare ed è un importante fattore in molti tipi di cancro ", dice Lee. "Con i recenti progressi nell'identificare gli agenti che sopprimono l'espressione GRP78, terapia anti-GRP78 può aprire un approccio completamente nuovo per fermare il cancro umano."

Lo studio è stato finanziato da una sovvenzione da parte del National Cancer Institute, che è stato assegnato a Amy Lee degli ultimi 28 anni.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha