Nuovo metodo chirurgico Robot-assistita Trovato successo per il trattamento di cancro alla tiroide

Agosto 26, 2015 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Utilizzando una tecnica endoscopica assistita da robot romanzo, un team di chirurghi al Yonsei University College of Medicine di Seoul, Corea, ha trattato con successo 200 pazienti consecutivi con carcinoma della tiroide. L'operazione minimamente invasiva, che ha diversi vantaggi tecnici ed estetici che la tradizionale operazione di apertura non offre, è descritto nel numero di agosto del Journal of American College of Surgeons.

Secondo il National Cancer Institute, più di 37.000 persone con diagnosi di cancro alla tiroide ogni anno negli Stati Uniti. La rimozione chirurgica di tutto o parte della ghiandola tiroidea - il trattamento più comune per il cancro della tiroide - richiede tipicamente da tre a cinque pollici incisione attraverso la parte anteriore del collo. Anche se le operazioni endoscopiche robot-assistita sono state adottate nel trattamento chirurgico di vari tipi di cancro, l'incorporazione di queste tecniche è stata ritardata in chirurgia della testa e del collo a causa della stretta, profonda spazio anatomico e nervi delicati e vasi sanguigni in questi settori.

L'uso di robot fornisce chirurghi in vista tridimensionale e migliorato ingrandimento dell'anatomia, nonché la possibilità di filtrare movimenti non intenzionali di mani umane, consentendo un funzionamento più sicuro e più facile che conserva strutture circostanti l'organo bersaglio.




"Questa innovativa tecnica di robot-assistita per la chirurgia della tiroide rappresenta un'opzione interessante nuovo trattamento per i pazienti con cancro alla tiroide", ha detto Woong Youn Chung, MD, PhD, Yonsei University College of Medicine di Seoul. "Non solo offre buoni risultati clinici, ma risparmia anche i pazienti dalla grande, cicatrice visibile che risulta dalla chirurgia tradizionale aperta."

In un periodo di 10 mesi, un team chirurgico presso Yonsei University College of Medicine operato 200 pazienti (età media 40,3 ± 9,5 anni) con carcinoma della tiroide da tiroidectomia endoscopica robot-assistita utilizzando un nuovo approccio transascellare. Tutti i pazienti erano ben differenziati, tumori della tiroide locali di almeno due centimetri. Uso del sistema da Vinci® chirurgico (Intuitive Surgical), un chirurgo rimosso tutto o parte della ghiandola tiroidea facendo un'incisione sotto il braccio destro del paziente (in lesione lato ascella del paziente), eliminando la necessità di una incisione collo.

Dopo l'operazione, tutti i pazienti sono stati sottoposti collo ecografia e test della tireoglobulina sierica a intervalli di tre e sei mesi. Dei 45 pazienti che avevano una tiroidectomia totale bilaterale, 38 hanno ricevuto la terapia di iodio radioattivo (RAI) tra quattro e sei settimane dopo l'intervento e un corpo scansione due giorni dopo per indagare possibile assorbimento di radiazioni anormali. Sette pazienti a basso rischio non hanno subito RAI.

In questo studio, le complicanze postoperatorie inclusi transitori bassi livelli di calcio (ipocalcemia) in 12 pazienti (26,7 per cento), raucedine transitoria in 8 pazienti (4 per cento) e la paralisi del nervo permanente in un paziente (0,5 per cento). I livelli sierici di ormone paratiroideo erano leggermente ridotti durante il periodo post-operatorio, ma normalizzati entro un mese l'operazione.

Nei pazienti sottoposti a tiroidectomia totale bilaterale, tireoglobulina sierica era meno di un nanogrammo per millilitro in 42 pazienti (93,3 per cento). No recidiva del tumore è stata osservata dal collo ecografia a 10 e 18 mesi dopo l'intervento, e nessun paziente è stato trovato per avere l'assorbimento di radiazione anomali.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha