Nuovo modello potrebbe portare a un migliore trattamento per la fase precoce morbo di Alzheimer

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori della University of Florida e The Johns Hopkins University hanno sviluppato una linea di topi geneticamente modificati che modellano le prime fasi della malattia di Alzheimer. Questo modello può aiutare gli scienziati a identificare nuove terapie per fornire sollievo ai pazienti che stanno cominciando a sperimentare i sintomi.

I ricercatori riferiscono i loro risultati nel numero di The Journal of Neuroscience.

"Lo sviluppo di questo modello potrebbe aiutare gli scienziati a individuare nuovi modi per migliorare le funzioni cerebrali in pazienti nei primi stadi della malattia", ha detto David Borchelt, UF professore di neuroscienze nel Evelyn F. William L. McKnight Brain Institute e direttore del Disease Research Center del SantaFe HealthCare Alzheimer. "Tali terapie potrebbero preservare la funzione del cervello più e ritardare la comparsa di sintomi più gravi che lasciano i pazienti incapaci di prendersi cura di se stessi."




Nelle prime fasi della malattia di Alzheimer, persone lottano con e non riescono a imparare nuovi giochi, le regole o le tecnologie perché la loro flessibilità cognitiva diminuisce. La malattia degenerativa continua con perdita di memoria e il declino di altre funzioni cerebrali.

I ricercatori hanno lavorato con topi che erano appositamente progettati frammenti genici derivati ​​da batteri e da esseri umani che permettevano gli investigatori per controllare la produzione di un piccolo peptide. Il peptide, chiamato amiloide beta peptide, è una breve catena di amminoacidi. L'accumulo di questo particolare peptide nel cervello come lesioni chiamati placche si verificano nelle prime fasi del progressione della malattia di Alzheimer e sembrano innescare i problemi di memoria primi.

La squadra regolata l'espressione del peptide utilizzando antibiotici - quando gli animali smesso di prendere l'antibiotico, il gene-peptide produrre acceso e causato topi di sviluppare le placche trovati nei pazienti di Alzheimer. Dopo che i topi avevano sviluppato la patologia di Alzheimer, i ricercatori hanno rivolto il gene marcia indietro e hanno osservato che i topi hanno mostrato problemi di memoria persistenti che ricordano le prime fasi della malattia.

"Questo modello può essere utile ai ricercatori di testare farmaci che possono aiutare con i sintomi del morbo di Alzheimer precoce," La ricerca Borchelt said.This è finanziato dal National Institute of Disease Neurologiche e Stroke del National Institutes of Health, e la SantaFe HealthCare Disease Research Center di Alzheimer della University of Florida.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha