Nuovo modo di combattere il colesterolo alto rovescia assunzioni

Giugno 3, 2016 Admin Salute 0 20
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tuttavia, i ricercatori della University of California, San Diego Facoltà di Medicina, con i colleghi di istituzioni in tutto il paese, dicono che il rapporto non è esattamente quello che sembra, e che un precursore del colesterolo realmente sopprime i geni di risposta infiammatoria. Questa molecola precursore potrebbe fornire un nuovo bersaglio per i farmaci destinati a trattare l'aterosclerosi, che uccide decine di migliaia di americani ogni anno.

I risultati sono pubblicati nel 28 Settembre 2012 numero di Cell.




Agguato all'interno delle nostre pareti arteriose sono cellule del sistema immunitario chiamate macrofagi (greco per "big eater") la cui funzione essenziale è quella di consumare altre cellule o importa identificato come straniero o pericolosi. "Quando lo fanno, significa che consumano negozio di l'altra cella di colesterolo", ha detto Christopher Glass, MD, PhD, professore in Dipartimenti di Medicina e Medicina Molecolare e Cellulare e autore senior dello studio delle cellule. "Come risultato, hanno sviluppato modi molto efficaci per metabolizzare il colesterolo in eccesso e sbarazzarsi di esso."

Ma alcuni macrofagi non riescono a smaltire correttamente il colesterolo in eccesso, permettendo così di accumulare invece al loro interno come spumeggiante lipidi (grassi) goccioline, che dà alle cellule il loro nome particolare: cellule schiumose macrofagi.

Questi macrofagi producono schiuma molecole che evocano altre cellule immunitarie e rilasciano molecole di segnalazione alcuni geni di lanciare una risposta infiammatoria. Glass ha detto la saggezza convenzionale è da tempo assunto lesioni aterosclerotiche - grumi di cellule schiumose grasso carichi concentrati all'interno delle pareti arteriose - erano la conseguenza malsana di un'associazione crescente tra l'accumulo di colesterolo non regolamentata e l'infiammazione.

Vetro e colleghi volevano sapere esattamente come l'accumulo di colesterolo ha portato a infiammazione, e perché i macrofagi non sono riusciti a fare il loro lavoro. Utilizzando modelli specializzati del mouse che ha prodotto abbondanti cellule schiumose macrofagi, hanno fatto due scoperte inaspettate che sconvolgere le ipotesi precedenti su come le lesioni si formano e come aterosclerosi potrebbero essere trattati in modo più efficace.

"La prima è che la formazione di cellule schiumose soppresso l'attivazione di geni che promuovono l'infiammazione. Questo è esattamente il contrario di quello che abbiamo pensato è successo", ha detto Glass. "In secondo luogo, abbiamo identificato una molecola che aiuta i macrofagi normali gestire l'equilibrio del colesterolo. Quando è in abbondanza, si accende percorsi cellulari per sbarazzarsi di colesterolo e spegne percorsi per produrre più colesterolo."

Tale molecola è desmosterolo - il precursore finale della produzione di colesterolo, quali celle e utilizzare come componente strutturale delle loro membrane. Nelle lesioni aterosclerotiche, Glass ha detto che la funzione normale di desmosterolo sembra essere "paralizzato".

"Questa è la prossima cosa da studiare, perché ciò che accade", ha detto vetro, ipotizzando che la causa possa essere collegato ai segnali travolgenti, pro-infiammatorie provenienti da proteine ​​chiamate recettori Toll-like sui macrofagi e altre cellule che, come i macrofagi, sono critici elementi del sistema immunitario.

L'identificazione della capacità di desmosterolo di ridurre il colesterolo macrofagi presenta ricercatori e sviluppatori di droga con un nuovo potenziale bersaglio per ridurre il rischio di aterosclerosi.

Vetro osservato che una molecola sintetico simile al desmosterolo già esistente, offrendo un test-case immediata per nuovi studi. Inoltre, gli scienziati nel 1950 hanno sviluppato un farmaco chiamato triparanol che ha inibito la produzione di colesterolo, aumentando efficacemente desmosterolo livelli. Il farmaco è stato venduto come una malattia farmaco per il cuore, ma poi scoperto di causare gravi effetti collaterali, tra cui la cecità da un'insolita forma di cataratta. E 'stato tirato dal mercato e abbandonato.

"Abbiamo imparato molto in 50 anni", ha detto Glass. "Forse c'è un modo ora per creare un nuovo farmaco che imita l'inibizione del colesterolo, senza gli effetti collaterali."

Co-autori sono il primo autore Nathanael J. Spann, Norihito Shibata, Donna Reichart, Jesse N. Fox e Daniel Heudobler, UCSD Dipartimento di Medicina Molecolare e Cellulare; Lana X. Garmire, UCSD Dipartimento di Bioingegneria; Jeffrey G. McDonald e David W. Russell, Dipartimento di Genetica Molecolare, UT Southwestern Medical Center; David S. Myers, Stephen B. Milne e Alex Brown, Dipartimento di Farmacologia, Vanderbilt Institute of Chemical Biology; Iftach Shaked e Klaus Ley, La Jolla Institute of Allergy and Immunology; Christian RH Raetz, Dipartimento di Biochimica, Duke University School of Medicine; Elaine W. Wang, Samuel L. Kelly, M. Cameron Sullards e Alfred H. Merrill, Jr., Scuole di Biologia, Chimica e Biochimica e la Parker H. Petit dell'Istituto di Bioingegneria e Bioscience, George Institute of Technology; Edward A. Dennis, UCSD Dipartimento di Chimica e Biochimica; Andrew C. Li, Sotirios Tsimikas e Oswald Quehenberger, UCSD Dipartimento di Medicina; Eoin Fahy, UCSD Dipartimento di Bioingegneria; e Shankar Subramaniam, UCSD Dipartimento di Medicina Molecolare e Cellulare, Bioingegneria e Chimica e Biochimica.

Il finanziamento per questa ricerca è venuto, in parte, dal National Institutes of Health sovvenzioni GM U54069338 (al LIPID MAPS Consortium), P01 e P01 HC088093 DK074868.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha