Nuovo obiettivo di droga scoperto per la malattia infiammatoria intestinale: citochine (IL-23)

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 11
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova scoperta pubblicata nel numero di aprile 2001 del Journal of Biology Leukocyte solleva la speranza che i nuovi trattamenti per malattie come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa sono all'orizzonte. Ecco perché hanno identificato IL-23, una citochina utilizzata dal sistema immunitario per scongiurare la malattia, come un importante contributo per l'infiammazione che è il segno distintivo di queste malattie.

Con queste informazioni, è ora possibile sviluppare nuovi trattamenti che fermare o ridurre gli effetti dannosi di IL-23, potenzialmente portando sollievo a milioni di persone affette da malattia infiammatoria intestinale (IBD) e, eventualmente, altre malattie infiammatorie come bene.

"I nostri studi evidenziano il ruolo patogenetico di IL-23 nella induzione di lesioni della mucosa nell'intestino", ha detto Liu Zhanju, MD, Ph.D., un ricercatore coinvolto nel lavoro del Dipartimento di Gastroenterologia al decimo Shanghai Ospedale del Popolo alla Tongji University di Shanghai, in Cina. "Inoltre, il nostro lavoro fornisce anche un nuovo approccio nella gestione di IBD e alcune malattie autoimmuni."




Per fare questa scoperta, Liu e colleghi hanno analizzato IL-23 espressione nella mucosa intestinale con tecniche di laboratorio che amplificano e contemporaneamente quantificano una specifica molecola di DNA, consentendo sia per il rilevamento e la quantificazione di una o più specifiche sequenze in un campione di DNA. Espressione di IL-23R è stato rilevato in una varietà di cellule di sangue periferico e mucosa intestinale di pazienti IBD, suggerendo che IL-23 svolge un ruolo importante nella induzione della secrezione di citochine proinfiammatorie e diversi tipi di cellule immunitarie incluso recentemente scoperto helper Th17 cellule T che sono spesso importante nelle malattie infiammatorie.

"Questa ricerca è importante perché aiuta a capire meglio il motivo per cui le persone a sviluppare IBD, e definisce una delle vie principali che guidano il infiammazione eccessiva", ha detto John Wherry, Ph.D., vice redattore del Journal of Biology leucociti. "Ancora più importante, però, è che questo studio ci si muove un passo avanti verso nuovi trattamenti per queste malattie di mira IL-23 e proteine ​​correlate."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha