Nuovo percorso trovati per la regolazione della crescita dei vasi sanguigni nei tumori

Giugno 6, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati sapevano che il gene che codifica per una proteina chiamata p14 ARF, lavori all'interno della cellula per controllare la proliferazione e divisione. Un team guidato da Erwin Van Meir, PhD, ha scoperto che p14 ARF regola anche l'angiogenesi tumorale indotta, il processo attraverso il quale i tumori in crescita attraggono nuovi vasi sanguigni.

I risultati, pubblicati sul Journal of Clinical Investigation, forniscono informazioni su come tumori forma e di progresso, di comunicare con circostante cellule vascolari e potrebbe guidare lo sviluppo di nuove terapie per combattere i tumori la cui crescita è guidata da perdita di p14 ARF.




Van Meir è professore di neurochirurgia e di ematologia e oncologia medica presso Emory University School of Medicine, e direttore del Laboratorio di Neuro-Oncologia Molecolare presso Winship Cancer Institute. Abdessamad Zerrouqi, PhD, ricercatore associato, è il primo autore della carta.

Pinning giù la nuova funzione di p14 ARF è stata un'indagine detective diversi anni per Zerrouqi. Il gene è stato un bersaglio scivoloso perché le cellule che crescono in coltura tendono a perdere o tacere, dice. P14 ARF non è attivata in molti tessuti del corpo, ma viene attivato in risposta a segnali di crescita aberranti.

La p14 ARF codifica gene è mutato o tacere in molti tipi di tumori, tra cui la maggior parte dei gliomi, il cancro al cervello più comune negli adulti. Le persone che ereditano le mutazioni che interessano questo gene sviluppano "sindrome di melanoma-astrocitoma," con una maggiore presenza di entrambi i tipi di tumori. ARF sta per "reading frame alternativo" perché la sequenza di DNA sovrappone con un'altra proteina che viene letto al passo rispetto a ARF. Precedenti ricerche avevano collegato la funzione di p14 ARF ad un altro gene, p53, che è anche frequentemente mutato nei tumori. P53 è conosciuto come "guardiano del genoma", perché chiude la divisione cellulare in risposta al danno al DNA.

Zerrouqi dice diversi indizi indicavano una funzione separata per p14 ARF. P14 ARF è spesso perso quando astrocitoma progredisce di glioblastoma, una forma più letale di cancro al cervello.

"Questi tumori sono più grandi, più infiltrante e più vascolarizzato," dice. "Tuttavia p53 è solitamente perde in una fase iniziale, prima che questo passaggio avviene. Questo suggerisce che p14 ARF ha una funzione indipendente di p53."

Zerrouqi potrebbe dimostrare che il ripristino p14 ARF in cellule di un tumore che aveva perso interferiva con la capacità del tumore di stimolare la crescita dei vasi sanguigni. P14 ARF induce le cellule tumorali del cervello a secernere una proteina chiamata TIMP3, che inibisce la migrazione delle cellule vascolari, ha trovato.

Zerrouqi e scoperte di Van Meir sono applicabili ai tumori cerebrali così come molti altri tipi di cancro. TIMP3 si è trovato ad essere messa a tacere in cervello, rene, colon, della mammella e del polmone, suggerendo che è un ostacolo alla loro crescita.

La ricerca è stata sostenuta dal National Cancer Institute, il Tumor Foundation Pediatric cervello degli Stati Uniti, l'American Brain Tumor Association, e il sud-est Brain Tumor Foundation.

Zerrouqi, postdoc Beata Pyrzynska e Van Meir collaborato con Maria Febbraio, PhD, ricercatore presso la Cleveland Clinic per sondare l'angiogenesi e Daniel J. Brat, MD, PhD, Emory professore di patologia e medicina di laboratorio, per la competenza patologica.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha