Nuovo sensore per rilevare il cancro ai polmoni dal respiro esalato

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 14
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Alcune malattie come cancro e malattie polmonari stomaco o epatica che, a causa della difficoltà di diagnosi, hanno sintomi che sono spesso confusi con disturbi di routine. Pertanto, nella maggior parte dei casi, la malattia viene rilevata solo in una fase avanzata. Nuovi metodi per la diagnosi precoce sono oggetto di indagine come una necessità urgente.

Tecnalia, attraverso il progetto Interreg Medisen, sta contribuendo a sviluppare biosensori in grado di rilevare la presenza di marcatori tumorali del cancro del polmone in espirata. Ciò è possibile a causa dei cambiamenti prodotte nell'organismo di un malato, modifiche riportate nella espirata del paziente e che consentono la determinazione della presenza di questo tipo di marcatore durante le fasi iniziali della malattia.




I pazienti con cancro del polmone, trattata nella sezione di Oncologia Medica dell'Istituto di Onco-Ematologia dell'ospedale Donostia (IDOH) hanno collaborato in questa fase del progetto. Per questo, il Comitato Etico della Ricerca Clinica di Euskadi (CEIC) ha dato l'autorizzazione al Instituto Biodonostia per gli studi clinici

Respiro umano, sia da una persona sana o malata, è composto da un centinaio di composti organici: acetone, metanolo, butanolo, idrocarburi, tra gli altri. Non vi è un singolo componente specifico nel respiro esalato grado di agire come un marcatore per la diagnosi del cancro polmonare. Dovrebbe essere selezionato una serie di biomarcatori e la sua combinazione. I composti di interesse sono generalmente si trovano a 1-20 parti per miliardo (ppb) in sano respiro umano, ma possono essere aumentati 10-100 volte nel respiro dei pazienti malati. Per essere in grado di rilevare questi cambiamenti lo sviluppo di nuovi materiali è stato richiesto.

Durante la prima fase del progetto, sono stati raccolti campioni di aria espirata dal personale ospedaliero da un dispositivo di raccolta respiro. Un'analisi dettagliata dei composti più rappresentativi presenti nei campioni di aria espirata è stata effettuata e la famiglia o famiglie di composti necessari per agire come marcatori per la presenza di cancro ai polmoni selezionato. Composti organici sono stati analizzati utilizzando gas cromatografo/spettrometria di massa (GC/MS). Quindi, i risultati GC/MS di analisi del respiro sono stati analizzati da algoritmi statistici e strutturali di discriminare e identificare i modelli "sani e" cancerose "che forniscono informazioni realmente per la progettazione del sensore.

In parallelo, nuovi materiali per la rilevazione dei composti organici selezionati sono stati sviluppati da Tecnalia per aumentare la sensibilità dei dispositivi. Partecipano insieme a Tecnalia in questo progetto sono stati l'Instituto de Tecnologнas Quнmicas Emergentes de La Rioja (Inter-Quнmica) progettazione del dispositivo sensore e l'Università di Perpignan (Francia) test dei nuovi materiali.

In conclusione, i biosensori faciliteranno la diagnosi di alcune malattie; principalmente quelle situate nei polmoni, nelle fasi iniziali della malattia, che potrebbero aumentare notevolmente le possibilità di sopravvivenza.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha