Obesità farmaco inibisce la crescita tumorale della prostata

Maggio 7, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La Jolla, California - The Burnham Institute Jeffrey Smith, Ph.D. ha scoperto che orlistat, comunemente prescritto come farmaco anti-obesità, ha un effetto collaterale positivo: inibisce la crescita del cancro. Dr. Smith fece questa scoperta utilizzando una tecnica di screening proteomica per attività sviluppata nel suo laboratorio che consenta di identificare bersagli attivi e simultaneamente schermo per i loro inibitori. Questi risultati saranno pubblicati sulla rivista Cancer Research, il 15 marzo.

Il metabolismo di una cellula tumorale è diverso dalla normale cella omologo. Gli scienziati hanno a lungo sospettato che il metabolismo è collegato alla progressione del tumore. Dr. Smith e colleghi hanno progettato un schermo proteomica basata sul monitoraggio l'attività di una famiglia di enzimi - hydrolyases serina - coinvolto nel metabolismo. Hanno usato il loro schermo di confrontare le cellule normali prostata con cellule del cancro alla prostata e ha scoperto che le cellule tumorali della prostata sono interessati da un aumento dell'attività di acido grasso sintasi. Grassi sintasi acido è l'enzima che converte carboidrati in grasso.

Lo schermo inoltre individuato orlistat, commercializzato da Roche come XenicalTM, come un inibitore di acido grasso sintasi.




Queste scoperte, fatte in vitro, tenuto vero quando testato in topi. Quando somministrato orlistat per topi portatori di tumori della prostata, il laboratorio Smith ha scoperto che il farmaco è stato in grado di inibire la crescita del tumore nei topi. Ulteriori esperimenti confermato che orlistat non ha alcun effetto sulle cellule normali della prostata e senza effetti collaterali apparenti nei topi; agisce specificamente come acido grasso sintasi.

Ulteriori lo screening del tumore al seno e le cellule tumorali del colon ha rivelato che l'attività acido grasso sintasi è upregulated in questi tumori, oltre, presentando la possibilità di progettare nuovi trattamenti per questi tumori sulla base inibire l'attività dell'enzima con orlistat o un nuovo farmaco basato sulla inibitorio di orlistat attività.

Orlistat è stato originariamente sviluppato come un inibitore della lipasi pancreatica. Lipasi pancreatica è un membro della stessa famiglia di enzimi - i hyrdolases serina - utilizzato nello screening di Smith. E 'coinvolto nella lavorazione dei grassi nel tratto digestivo, che è come il farmaco impedisce l'assorbimento dei grassi alimentari.

Il metodo messo a punto dal Dr. Smith rappresenta un salto di qualità nella scoperta di nuovi farmaci. Il cosiddetto di screening "delle attività con" proteomica è una nuova frontiera nella ricerca medica, basata sull'applicazione di informazioni raccolte dal progetto genoma umano. La possibilità di compilare un profilo completo di attività di un potenziale farmaco, rivelando le attività involontarie con i comportamenti destinazioni d'destinatari della droga offre un modo sistematico per simulare come un farmaco funziona, prima che sia effettivamente testato negli animali e nell'uomo.

Dato il tempo e il costo insito nello sviluppo di nuovi trattamenti, la proteomica di screening basata sulle attività si apre un nuovo percorso per la ricerca di trattamenti efficaci basate sul monitoraggio dei comportamenti cellulari di base, come il metabolismo o la respirazione.

Lo screening proteomica è un modo efficace per determinare proof of concept necessario prima di un trattamento potenziale può essere raffinato per gli studi clinici: in poche settimane, il dottor Smith è stato in grado di raccogliere la scoperta iniziale che collegava acido grasso sintasi eccessiva attività con il metabolismo difettoso in le cellule tumorali, e orlistat identificato come suo inibitore.

"Questa scoperta con orlistat ci ha dato un bel cuneo con cui possiamo entrare e perturbare le cellule tumorali e fare la domanda, 'Quali sono gli obiettivi attivi, quali sono gli altri cambiamenti che si verificano quando si inibisce acido grasso sintasi?' ", dice il dottor Smith," e che ci darà davvero buone intuizioni nel meccanismo, e ci aspettiamo che sta andando a rivelare tutta una fascia di bersagli farmacologici aggiuntivi lungo questo percorso. Questo è un grande avanzamento nel senso che abbiamo un farmaco approvato - approvato per una indicazione -. che ha un altro obiettivo e un'altra indicazione potenziale malattia, il cancro alla prostata "

Dr. Smith è Direttore Scientifico Associato di Tecnologia presso il Burnham Institute, dove è anche Professore Associato di NCI-designato Cancer Center dell'Istituto.

Co-autori che contribuiscono a questo studio includono Dott. Steven J. Kridel e Fumiko Axelrod, borsisti post-dottorato presso il Burnham Institute, e il Dr. Natasha Rozenkrantz di Activix Biosciences a La Jolla.

###

Questa ricerca è stata sostenuta da sovvenzioni dal National Cancer Institute, e il Dipartimento di Prostate Cancer Program della Difesa.

Il Burnham Institute è una, senza scopo di lucro, organizzazione di utilità pubblica indipendente dedicato alla ricerca biomedica di base principalmente nelle aree di cancro, invecchiamento, e le neuroscienze. L'Istituto, figura tra le organizzazioni di ricerca più influenti del mondo per l'impatto della sua ricerca in analisi condotta annualmente dall'Istituto per l'Informazione Scientifica.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha