Olio di pesce Impedisce potenzialmente mortale Variabilità della frequenza cardiaca

Giugno 15, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un supplemento di olio di pesce a due grammi data ogni giorno a persone anziane impedito un calo variabilità della frequenza cardiaca causata da piccoli, pericolose particelle inquinanti presenti nell'aria. Variabilità della frequenza cardiaca, una misura della regolazione del sistema nervoso autonomo del cuore, è un fattore di rischio indipendente per aritmie cardiache, infarto o morte improvvisa.

Questi risultati sono apparsi nel secondo numero del dicembre 2005 American Journal of respiratorie e Critical Care Medicine, pubblicato dalla American Thoracic Society.

Fernando Holguin, MD, dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta, in Georgia, e otto collaboratori fornito integratori di olio di pesce a 26 residenti di una casa di cura a Città del Messico. Un gruppo di controllo di 24 residenti è stato dato supplementi di olio di soia. Età media dei partecipanti era compresa 81-83 anni.




"In questo studio randomizzato e controllato, la supplementazione di olio di pesce ha impedito la riduzione della variabilità della frequenza cardiaca associato con l'esposizione nello stesso giorno alle particelle coperta", ha detto il dottor Holguin. "In contrasto, olio di soia, la supplementazione comparatore di acidi grassi polinsaturi di origine vegetale, è stata associata con una marginale, la protezione non significativa dagli effetti del particolato sulla variabilità della frequenza cardiaca."

"L'olio di pesce come fonte di omega-3 acidi grassi polinsaturi potrebbe essere considerato come un potenziale forma di misura di prevenzione per ridurre il rischio di aritmie e morte improvvisa in soggetti anziani esposti all'inquinamento atmosferico", ha detto il dottor Holguin.

Nello studio, i residenti sono stati esposti a minuscole particelle inquinanti dell'aria negli ambienti interni che avevano una dimensione di 2,5 microgrammi o meno. Tutti i partecipanti hanno trascorso 92 per cento del loro tempo al chiuso.

Lo studio è stato condotto supplemento più di sei mesi. Nessuno dei pazienti soffriva di aritmie cardiache, aveva un pacemaker o erano in trattamento con anticoagulanti orali.

I partecipanti hanno avuto la loro variabilità della frequenza cardiaca controllata 08:00-13:00 nei giorni feriali alterni. Per garantire misurazioni accurate, i soggetti laici piatto sulla schiena cinque minuti prima di iniziare il test. Ogni analisi elettronica è durata 6 minuti come ogni partecipante riposato.

Prima dell'inizio dello studio, tutti i partecipanti hanno avuto un basso apporto di omega-3 acidi grassi polinsaturi.

Gli autori hanno chiesto studi più ampi per confermare i loro risultati.


(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha