Organi 'ad alto rischio' di donatori deceduti sicuri quando proiettati con i metodi attuali

Giugno 1, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Circa il 10% dei reni di donatori deceduti sono considerati "ad alto rischio" per l'infezione (HIV, HCV, HBV) e la trasmissione della malattia secondo i criteri stabiliti dai Centers for Disease Control and Prevention. Ma la nuova ricerca suggerisce che molti di questi organi sono sicuri e quindi non deve essere etichettato come ad alto rischio. I risultati di questo studio saranno presentati al ASN Kidney Week 2013 novembre 5¬-10 presso il Georgia World Congress Center di Atlanta, GA.

I ricercatori guidati da Moya Gallagher, RN (New York-Presbyterian Hospital/Columbia University Medical Center) hanno scoperto che dal 2004, per un totale di 170 pazienti ha ricevuto reni che soddisfacevano i criteri ad alto rischio di CDC presso la Columbia University Medical Center. Oltre al pre-trapianto di screening del sangue standard per HIV, HCV, HBV e, questi pazienti sono stati sottoposti a screening per l'anticorpo e il test del DNA a 6, 12, e 24 settimane dopo il trapianto. Tutti i pazienti hanno ricevuto una terapia immunosoppressiva standard.

Tra i donatori, il 57,1% aveva una storia IV uso di droghe, il 25,9% ha avuto comportamenti sessuali ad alto rischio, 11,8% sono stati incarcerati, il 7,1% erano uomini che avevano rapporti sessuali con gli uomini, e il 4,7% aveva ricevuto multiple trasfusioni di sangue. La maggioranza (77,8%) sono stati importati da altri centri, il che suggerisce che altri centri hanno rifiutato di utilizzare questi organi. Dopo una mediana di 2,4 anni di follow-up, l'86,5% dei trapianti erano funzionanti, e non c'era la trasmissione delle malattie virali in questione.




I risultati dimostrano la relativa sicurezza dei cosiddetti ad alto rischio di organi del donatore deceduto quando schermata da metodi attuali. Questi organi dovrebbero probabilmente essere etichettati come "rischio identificato" piuttosto che "ad alto rischio", secondo gli inquirenti.

"L'utilizzo di questi organi rappresenta un'opportunità per accorciare i tempi di attesa per i pazienti, fornendo ottimi risultati e un bassissimo livello di rischio per la trasmissione di infezioni", ha detto Gallagher. "Per la maggior parte dei donatori d'organo deceduti, la storia medica/sociale si ottiene di seconda o terza mano, ed è erroneo ritenere che alcuni di questi pazienti non rientrano nei gruppi che costituiscono la classificazione 'ad alto rischio'. Pertanto, riteniamo che la classificazione dicotomica attuale è fuorviante e fa un cattivo servizio a quei pazienti in lista d'attesa ", ha aggiunto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha