Ospedali investono massicciamente in nuovi programmi di assistenza di attacco di cuore, ma non riescono a migliorare l'accesso, studio suggerisce

Giugno 16, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In un nuovo studio, i ricercatori hanno trovato un aumento del 44 per cento dal 2001 il numero di ospedali che offrono cure di emergenza definitivo per i pazienti con infarto, ma solo un aumento dell'1 per cento l'accesso a tali cure. Lo studio, condotto da Thomas W. Concannon, PhD, Assistant Professor Tufts Medical Center e Tufts University School of Medicine, sarà pubblicato 1 gennaio 2012 su Circulation: Cardiovascular Quality e Outcomes, una rivista della American Heart Association.

I pazienti con attacchi di cuore causati da ostruzioni arteriose richiedono cure di emergenza per ripristinare il normale flusso di sangue al cuore. Intervento tempestivo percutaneo coronarico (PCI), una procedura chirurgica che può rimuovere manualmente blocchi con un catetere a palloncino e stent-punta, ha dimostrato di salvare vite rispetto alla terapia fibrinolitica, una procedura non chirurgica che può sciogliere alcuni blocchi con l'iniezione di un drug.However "coagulo-busting", PCI è disponibile solo in circa uno su tre ospedali degli Stati Uniti. Quando i sintomi di un attacco di cuore iniziano, quei pazienti che sono in un tempo di 60 minuti di auto di questi ospedali hanno le migliori possibilità di PCI consentendo loro di evitare o ridurre i danni di un attacco di cuore.

Il numero di ospedali, con un programma di PCI è cresciuto del 519 durante il periodo di studio, da 1.176 nel 2001 a 1.695 nel 2006, con un aumento del 44 per cento. Nonostante questa diffusa investimenti in nuovi programmi, la percentuale della popolazione degli Stati Uniti, con un accesso tempestivo a PCI è cresciuto solo 79,0-79,9 per cento, con un incremento del 1 per cento. Inoltre, l'aumento non ha ridotto notevolmente i tempi di azionamento tipico per quei pazienti che hanno già avuto accesso alla procedura. Tempo in auto proiettato mediano all'ospedale PCI attrezzato più vicino è sceso 11,3-10,5 minutes a livello nazionale, un calo di solo 48 secondi.




I ricercatori hanno anche scoperto notevoli variazioni regionali in accesso tempestivo a PCI. L'accesso è stato più alto nel Nord-Est (87,8 per cento della popolazione) e più bassa al Sud (75,7 per cento). Meglio del 90 per cento della popolazione in sette stati avuto accesso tempestivo agli interventi (California, 90,9 per cento Connecticut, 93,6 per cento, Delaware, 91,7 per cento, in Florida, 91,2 per cento, Massachusetts, 94,6 per cento, New Jersey, il 96,5 per cento, Rhode Island, 96,1 per cento e il Distretto di Columbia, 100 per cento) .Tuttavia, meno del 50 per cento della popolazione di altri sette Stati vivevano a meno di 60 minuti di auto di un ospedale PCI attrezzato (North Dakota, 48,9 per cento, South Dakota, 40,3 per cento , Vermont, 38,3 per cento, West Virginia, il 45,6 per cento, Alaska, 40,0 per cento, Montana, il 45,3 per cento e Wyoming, 30,5 per cento).

"Nuovi programmi PCI ospedale dopo il 2001 hanno in gran parte riusciti a migliorare l'accesso dei pazienti o ridurre i ritardi di trattamento", ha detto Concannon. "Per le regioni che desiderano incrementare l'accesso al PCI, l'attenzione dovrebbe essere su servizi di ambulanza avanzati e programmi PCI su ben posizionati, piuttosto che sul numero dei programmi PCI. Un cambiamento di priorità potrebbe avere un impatto significativo e si potrebbe risparmiare vive. "

Lo studio, "A percutanea Lab Intervento coronarico in ogni ospedale?" è stato finanziato dalla Agenzia per la Ricerca e la Qualità e la Tufts Medical Center Research Fund. La Tufts Medical Center clinica e traslazionale Science Institute (CTSI) ha fornito supporto statistico. Fonti dei dati inclusi il 2006 American Hospital Association (AHA) indagine annuale Banca dati di tutti i 50 stati e nel Distretto di Columbia, 2006 Health Care Costi e Utilization (HCUP) Stato ospedaliera Database del progetto provenienti da 21 paesi, e l'US Census del 2000. Per soddisfare i criteri di inclusione per lo studio, gli ospedali erano tenuti a effettuare almeno quattro interventi PCI per anno civile e fornire assistenza PCI per adulti statunitensi di età compresa tra 18 anni o più vecchi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha