Pazienti adulti cardiaci congeniti con elevati costi di chirurgia più probabilità di morire in ospedale, secondo uno studio

Aprile 18, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I maggiori costi chirurgici per i pazienti cardiaci congeniti adulti è associato a più alti tassi di mortalità ospedaliera rispetto a ricoveri chirurgici che ridurre i costi, secondo uno studio in Circulation: Cardiovascular Quality e Outcomes, una rivista della American Heart Association.

Nello studio, i ricercatori hanno cercato di capire l'uso delle risorse da parte di adulti sottoposti a chirurgia cardiaca congenita negli ospedali pediatrici, analizzare l'associazione tra uso delle risorse e alta la morte ospedaliera, e di identificare i fattori di rischio per l'uso di risorse alta.

Essi hanno scoperto che sebbene il numero di adulti sottoposti a chirurgia cardiaca congenita negli ospedali pediatrici è in aumento, i pazienti cardiaci congeniti adulti non si utilizza una quantità sproporzionata di risorse degli ospedali.




I ricercatori hanno individuato cinque fattori che sono associati con maggiori oneri di degenza: una maggiore complessità chirurgica, assicurazione governo, sindrome di DiGeorge, ammissione fine settimana e depressione. DiGeorge sindrome è una malattia genetica che colpisce il timo e la tiroide che provoca anche difetti cardiaci.

Con la maggior parte dei pazienti con cardiopatie congenite sopravvissuti fino all'età adulta, adulti ora sono più numerosi i pazienti cardiaci congeniti pediatrici. Molti pazienti adulti con malattia cardiaca congenita continuano a ricevere le loro cure mediche, interventistico e chirurgico negli ospedali pediatrici.

"Il più interessante e fruibile dei nostri risultati è che la depressione è un fattore di rischio per l'uso di risorse elevato tra questa popolazione chirurgica. Anche se non possiamo cambiare la complessità di chirurgia del paziente o la presenza di sindrome di DiGeorge, potremmo essere in grado di attuare una strategia di trattamento per un fattore di rischio potenzialmente modificabili come la depressione. Si potrebbe immaginare l'attuazione di un programma di screening e trattamento per la depressione e la valutazione del suo impatto dell'uso delle risorse del ricoverato ", ha dichiarato Oscar J. Benavidez, MD, autore principale dello studio e ora capo della Divisione di Pediatria Cardiologia -Congenital presso il Massachusetts General Hospital di Boston. Lo studio è stato fatto quando era all'ospedale dei bambini di Boston. "Potremmo uso delle risorse non solo inferiore, ma anche salvare vite umane."

Benavidez e colleghi hanno analizzato le informazioni sui pazienti in 42 ospedali pediatrici negli Stati Uniti dal 2000 al 2008. I risultati dello studio includono:

  • Adulti costituiscono 3,1 per cento di cuore congenita chirurgia ricoveri in ospedali pediatrici, ma rappresentano solo il 2,2 per cento delle spese totali ospedaliere.
  • Anche se alta risorse uso ammissioni fatte il 10 per cento dei ricoveri per adulti, essi rappresentavano il 34 per cento dei diritti per tutti i ricoveri di chirurgia cardiaca congenita adulti.
  • Il tasso di morte è il 16 per cento per i pazienti più costosi, ma solo lo 0,7 per cento per gli altri adulti malati di cuore congenita.
  • Adulti che hanno utilizzato il maggior numero di risorse in ospedale contabilizzati costi di farmacia 5,7 volte superiori a quelli inferiori categorie di impiego di risorse.

"Mentre il numero di pazienti cardiaci congeniti adulti sottoposti a chirurgia negli ospedali pediatrici continua ad aumentare, abbiamo anche scoperto che la parte del leone dei costi chirurgici è con pazienti pediatrici", ha detto Benavidez.

Il costo per i pazienti pediatrici può essere maggiore perché sottoposti a procedure chirurgiche altamente complessi. "I pazienti in età pediatrica sono molte risorse nel loro diritto dato che la loro estrema complessità richiede processi altamente specializzati per la cura adeguatamente per i neonati e bambini."

Co-autori sono Yuli Y. Kim, M.D .; Kimberlee Gauvreau, Sc.D .; Emile A. Bacha, MD e Michael J. Landzberg, MD

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha