Pazienti concussione mostrano Alzheimer come anomalie cerebrali

Maggio 6, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"Giudizio MTBI hanno una sorprendente somiglianza con quelli osservati nella demenza di Alzheimer precoce," ha detto l'autore principale dello studio, Saeed Fakhran, MD, assistente professore di radiologia e la Divisione di Neuroradiologia presso l'Università di Pittsburgh School of Medicine. "Ulteriori ricerche potrebbero aiutare a chiarire ulteriormente il legame tra questi due processi di malattia."

MTBI o scuotimento, colpisce più di 1,7 milioni di persone negli Stati Uniti ogni anno. Nonostante il nome, queste lesioni non sono affatto mite, con circa il 15 per cento dei pazienti affetti concussione sintomi neurologici persistenti.




"I disturbi del sonno-veglia sono tra i primi risultati di malati di Alzheimer, e sono visti anche in un sottogruppo di pazienti MTBI", ha detto il dottor Fakhran. "Inoltre, dopo commozione cerebrale, molti pazienti hanno difficoltà a filtrare il rumore bianco e concentrarsi sui suoni importanti, rendendo difficile per loro capire il mondo che li circonda. Problemi di udito non sono solo un fattore di rischio indipendente per sviluppare la malattia di Alzheimer, ma lo stesso tipo di problema dell'udito osservato nei pazienti MTBI è stato trovato per prevedere quali pazienti con problemi di memoria andrà a sviluppare la malattia di Alzheimer. "

Per lo studio, il dottor Fakhran e colleghi hanno cercato di determinare se ci fosse una relazione tra bianchi tipi di lesione materia e la gravità dei sintomi post-commozione cerebrale in pazienti MTBI con risultati normali in convenzionale risonanza magnetica (MRI) esami. I ricercatori hanno studiato i dati di esami di imaging eseguite su 64 pazienti MTBI e 15 pazienti di controllo, con una tecnica MRI avanzata chiamata di imaging del tensore di diffusione, che identifica i cambiamenti microscopici nella materia bianca del cervello.

Materia bianca del cervello è costituito da milioni di fibre nervose chiamate assoni che agiscono come cavi di comunicazione che collegano diverse regioni del cervello. Imaging Diffusion tensore produce una misurazione, chiamato anisotropia frazionaria, del movimento delle molecole d'acqua lungo assoni. In sostanza bianca sano, la direzione di circolazione dell'acqua è alto misure in anisotropia frazionaria abbastanza uniforme e. Quando il movimento dell'acqua è più casuale, i valori di anisotropia frazionaria diminuiscono.

Dei pazienti MTBI, 42 (65,6 per cento) erano uomini, e l'età media era di 17 lesioni Sport è stata la ragione per la commozione cerebrale in due terzi dei pazienti. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a valutazione neurocognitive con immediato post-commozione cerebrale Valutazione e Cognitive Test (impatto). I ricercatori hanno analizzato la correlazione tra i valori frazionari anisotropia, il punteggio dei sintomi totale l'impatto e risultati di disturbi del sonno-veglia.

I disturbi del sonno-veglia sono tra le più invalidanti sintomi post-concussive, direttamente diminuzione della qualità della vita e di produttività e di ingrandimento memoria post-commozione cerebrale e la disfunzione sociale.

I risultati hanno mostrato una correlazione significativa tra alto impatto punteggio dei sintomi totale e ridotto anisotropia frazionaria all'incrocio grigio-bianco, più prominente nella corteccia uditiva. Significativamente diminuito anisotropia frazionaria è stato trovato in pazienti con disturbi del sonno-veglia in circonvoluzioni paraippocampale rispetto ai pazienti senza disturbi sonno-veglia.

"Quando dormiamo, il cervello organizza le nostre esperienze in ricordi, la loro memorizzazione in modo che possiamo poi trovarli", ha detto il dottor Fakhran. "Il paraippocampale è importante per questo processo, e il coinvolgimento del paraippocampale può, in parte, spiegare i problemi di memoria che si verificano in molti pazienti dopo commozione cerebrale."

Secondo il dottor Fakhran, i risultati suggeriscono che i veri problema che i pazienti concussione non può essere il danno in sé, ma piuttosto la risposta del cervello a che il pregiudizio.

"Tradizionalmente, si è creduto che i pazienti con MTBI hanno sintomi a causa di anomalie secondarie per dirigere ferita", ha detto. "In poche parole, hanno colpito il loro capo, il loro cervello danneggiato nel punto di trauma e quindi hanno i sintomi di quel danno diretto. I nostri risultati preliminari suggeriscono che l'evento traumatico iniziale che ha causato gli atti concussione come un trigger per una sequenza di cambiamenti degenerativi in il cervello che si traduce in sintomi del paziente e che possono essere potenzialmente evitati. Inoltre, questi cambiamenti neurodegenerativi sono molto simili a quelli visti nei primi mesi del demenza di Alzheimer. "

I ricercatori sperano che questi risultati potrebbero portare a migliori trattamenti in futuro.

"Il primo passo nello sviluppo di un trattamento per ogni malattia è capire quali sono le cause", ha detto il dottor Fakhran. "Se siamo in grado di dimostrare un collegamento, o anche un percorso comune, tra MTBI e Alzheimer, questo potrebbe portare a strategie di trattamento che sarebbero potenzialmente efficace nel trattamento di entrambe le malattie."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha