Per molti pazienti affetti da cancro alla prostata, i siti web sono troppo difficili da leggere

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Novanta milioni di americani adulti leggono sotto i livelli delle scuole superiori, in modo che i National Institutes of Health raccomanda che i materiali di educazione del paziente essere scritti a livello di grado IV-through-sei.

Ma uno studio Loyola University Medical Center ha scoperto che solo il 4,8 per cento dei siti web che descrivono il cancro alla prostata sono state scritte sotto di un livello di lettura di scuola superiore. Il livello di lettura media è stata 12 ° grado.

"Questo è probablematic per un terzo degli americani che cercano di educare ulteriormente se stessi utilizzando le risorse online," senior autore Gopal Gupta, MD e colleghi hanno scritto. Lo studio è pubblicato online prima della stampa nel Journal of Urology.




Gupta e colleghi hanno identificato 62 siti web cercando "il cancro della prostata"trattamento del cancro alla prostata" e "prostatectomia" su Google, Yahoo e motori di ricerca Bing. I ricercatori hanno usato software di elaborazione testi per verificare la leggibilità delle prime 300 parole di ogni sito web.

Per valutare la leggibilità, i ricercatori hanno utilizzato il test Flesch-Kincaid, che misura il livello di grado di lettura, e il test di facilità di lettura Flesch, che assegna un punteggio di leggibilità di 0 a 100. Le prove si basano su formule che incorporano il numero totale di parole, frasi e sillabe.

Sixty-tre per cento dei siti è stato scritto sopra un livello di lettura di grado 12, e la lettura Flesch punteggio facilità mediano per tutti i siti relativamente difficili 38.1. (La lettura punteggio facilità Flesch va da 0 a 100. Un sito web con un punteggio di 90 a 100 sarebbe facilmente comprensibile per un 11-year-old, un punteggio di 60 a 70 sarebbe compreso da 13-to- 15 anni di età, e punteggi più bassi del 30 sarebbe adatta per laureati universitari).

I siti web con i punteggi di leggibilità più semplici erano News-Medical Net (livello di grado 8 °), Consumer Reports.org (8.9), Famiglia Doctor.org (8,95), UPMC Cancer Centers (9.2) e NIH Pubmed Salute (9.8).

"E 'stato scoraggiante constatare che solo il 4,8 per cento di questi siti ha informazioni scritte per quelli al di sotto di un livello di lettura del liceo," Gupta e colleghi hanno scritto. "Non ci sono siti nel nostro studio sono stati scritti al livello raccomandato dal NIH (grado 4-6th). Dato che quasi un terzo della popolazione americana si legge sotto il livello di scuola superiore, questo solleva la preoccupazione che molti pazienti avranno difficoltà a comprendere in linea informazioni sulle opzioni di trattamento del cancro alla prostata. "

Il cancro della prostata è uno dei temi più difficili per i pazienti a comprendere. Ci sono almeno quattro opzioni (chirurgia, la terapia del fascio di radiazioni, semi di radiazioni e di sorveglianza attiva). Ogni opzione ha i suoi pro e contro, che variano a seconda dell'età del paziente, tipo di tumore, la salute generale, ecc I medici possono avere difficoltà a semplificare i trattamenti basati sulla tecnologia, descrizioni anatomiche e terminologia medica. E alcuni termini medici danno per scontate, come "costruzione" e "impotenti", potrebbero non essere compresi dai pazienti con bassa alfabetizzazione sanitaria.

I ricercatori hanno concluso: "I medici dovrebbero essere consapevoli del fatto che alcuni dei loro pazienti potrebbero non essere in grado di leggere le informazioni on-line e deve consapevolmente guidare i pazienti con bassa alfabetizzazione per non solo i siti web di alta qualità, ma anche siti che sono facili da leggere, evitare confusione e ansia dopo la diagnosi di cancro alla prostata. "

Dr. Gupta è un istruttore nei dipartimenti di Urologia e Chirurgia e l'Istituto Oncologico della Loyola University Chicago Stritch School of Medicine. I suoi interessi speciali comprendono urologica oncologia e chirurgia robotica e mininvasiva.

Co-autori dello studio sono leggibilità sono Chandy Ellimoottil, MD, (primo autore); Anthony Polcari, MD; e Adam Kadlec, MD.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha