Perché alcuni tumori diventano maligne e altri no

Luglio 13, 2015 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le cellule tumorali si riproducono dividendo in due, ma una molecola nota come limiti PML quante volte questo può accadere, secondo i ricercatori guidati dal Dr. Gerardo Ferbeyre dell'Università di Dipartimento di Biochimica di Montreal. Il team ha dimostrato che i tumori maligni hanno problemi con questa molecola, il che significa che in sua assenza si può continuare a crescere e alla fine diffondersi ad altri organi. È importante sottolineare che la presenza di molecole PML può essere facilmente rilevato, e potrebbe servire per diagnosticare se un tumore è maligno o meno.

"Abbiamo scoperto che le cellule tumorali benigne producono la molecola PML e visualizzare abbondanti corpi PML, mantenendoli in un dormiente, Stato senescente. Cellule tumorali maligne o non fanno o non riescono ad organizzare corpi PML, e quindi proliferano in maniera incontrollata", ha spiegato Ferbeyre. La senescenza è la fase matura della vita di una cellula in cui in non si ripresenta e si tratta di una difesa naturale contro la formazione del cancro. Quando le cellule tumorali sono benigni, significa che non possono diffondere o crescere in altre parti del corpo.

Il team di ricercatori basato sia su campus e presso l'Università di Montreal Centre Research Hospital costruito sulla prima scoperta del dottor Ferbeyre che PML è in grado di forzare le cellule a entrare senescenza. Tuttavia, negli ultimi dieci anni, il meccanismo con cui questo è stato raggiunto è rimasto per lo più sconosciuti. Ricercatori ospedalieri hanno lavorato con i pazienti per raccogliere campioni che hanno permesso alla squadra di fare la loro scoperta.




"I nostri risultati svelare la capacità inaspettata di PML per organizzare una rete di proteine ​​oncosoppressori per reprimere l'espressione o la quantità di altre proteine ​​necessarie per la proliferazione cellulare," ha spiegato il ricercatore Vйronique Bourdeau. Tali proteine ​​sono molecole essenziali nel nostro corpo che giocano un ruolo chiave nel controllo della nascita, crescita e morte delle cellule. Ricercatore Mathieu Vernier ha sottolineato che "questo è un dato importante, con implicazioni per la nostra comprensione su come l'organismo normale si difende dalla minaccia del cancro."

L'opera offre percorsi interessanti per la ricerca futura. "La nostra scoperta apre nuove possibilità da esplorare ciò che altre molecole sono coinvolte nella generazione di senescenza: un obiettivo che noi consideriamo importante se vogliamo progettare terapie che si trasformano in tumori maligni tumori benigni", ha detto Ferbeyre. La ricerca è stata pubblicata il 1 ° gennaio 2011 in geni e lo sviluppo, e ha ricevuto un finanziamento dalla Canadian Cancer Society e dal Fonds de la recherche en Santй du Quйbec.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha