Perché anche trattata Herpes genitale Sores amplificare il rischio di infezione da HIV

Maggio 15, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca aiuta a spiegare perché l'infezione da herpes simplex virus-2 (HSV-2), che causa l'herpes genitale, aumenta il rischio di infezione da HIV, anche dopo il successo del trattamento guarisce le piaghe della pelle genitali e le interruzioni che spesso derivano da HSV-2.

Gli scienziati hanno scoperto i dettagli di un ambiente immuno-cell favorevole alla infezione da HIV che persiste nella posizione di HSV-2 lesioni cutanee genitali molto tempo dopo che sono stati trattati con dosi orali di aciclovir droga e hanno guarito e la pelle appare normale. Questi risultati sono pubblicati nella prima edizione on line di Nature Medicine il 2 agosto.

Guidati da Lawrence Corey, MD, e Jia Zhu, Ph.D., del Fred Hutchinson Cancer Research Center e Anna Wald, MD, MPH, dell 'Università di Washington, sia a Seattle, lo studio è stato finanziato principalmente dal National Institute di allergie e malattie infettive (NIAID), con il sostegno della Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development, entrambi parte del National Institutes of Health.




"I risultati di questo studio segnano un importante passo verso la comprensione perché HSV-2 aumenta il rischio di contrarre l'HIV e perché il trattamento acyclovir non riduce questo rischio", afferma Direttore NIAID Anthony S. Fauci, MD "Capire che anche trattata HSV 2 infezioni forniscono un ambiente cellulare favorevole per l'infezione da HIV suggerisce nuove direzioni per la ricerca, la prevenzione dell'HIV tra cui più potenti terapie anti-HSV e idealmente un vaccino HSV-2 ".

Una delle più comuni malattie sessualmente trasmissibili in tutto il mondo, HSV-2 è associato a due o tre volte maggiore rischio di infezione da HIV. Alcune persone HSV-2-infetti hanno piaghe ricorrenti e interruzioni nella pelle dei genitali, ed è stato ipotizzato che queste lesioni rappresentano il maggior rischio di acquisizione HIV. Tuttavia, recenti studi clinici, tra cui uno studio NIAID-finanziato completato lo scorso anno, hanno dimostrato che il successo del trattamento di tali lesioni herpes genitale con acyclovir farmaco non riduce il rischio di infezione da HIV posto da HSV-2. Lo studio ha cercato di capire perché questo è così e per testare una teoria alternativa.

"Abbiamo ipotizzato che le ferite e le interruzioni nella pelle da HSV-2 sono associati ad una risposta immunitaria di lunga durata in quei luoghi, e che la risposta consiste in un afflusso di cellule che sono una tempesta perfetta per l'infezione da HIV", afferma Dr Corey, co-direttore del vaccino e malattie infettive dell'Istituto presso il centro di Hutchinson e capo della divisione Virologia presso il Dipartimento di Medicina di Laboratorio presso l'Università di Washington. "Crediamo che l'HIV ottiene l'accesso a queste cellule principalmente attraverso rotture microscopiche nella pelle che si verificano durante il sesso."

Il team di ricerca ha preso biopsie di tessuto cutaneo genitali da otto uomini e le donne HIV-negativi che sono stati infettati con HSV-2. Tali biopsie sono state prese in più punti di tempo: quando i pazienti avevano piaghe herpes genitale e rotture nella pelle, quando queste lesioni erano guarite, e a due, quattro e otto settimane dopo la guarigione. I ricercatori hanno preso biopsie da quattro dei pazienti quando le lesioni herpes riapparvero ei pazienti sono stati sottoposti il ​​trattamento con acyclovir orale. Gli scienziati hanno continuato a prendere biopsie a intervalli regolari per 20 settimane dopo che le lesioni erano guarite. Per confronto, i ricercatori hanno preso biopsie da tessuto genitale che non ha avuto lesioni herpes dagli stessi pazienti.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che le cellule immunitarie coinvolte nella risposta del corpo alle infezioni rimanere nel sito di lesioni herpes genitale, anche dopo che sono guarito. Gli scienziati che conducono lo studio fatto diversi importanti scoperte sulla natura di queste cellule immunitarie. In primo luogo, hanno trovato che le cellule CD4 + T-cellule che l'HIV infetta-popolare tessuto nei siti di genitali guarito HSV-2 lesioni a concentrazioni 2-37 volte superiore a quella in pelle genitale inalterati principalmente. Il trattamento con acyclovir non ha ridotto questo duraturo, alta concentrazione di HSV-2-specifiche cellule CD4 + T nei siti delle lesioni herpes guarite.

In secondo luogo, gli scienziati hanno scoperto che una percentuale significativa di queste cellule CD4 + T svolte CCR5 o CXCR4, le proteine ​​della superficie cellulare che usi HIV (oltre a CD4) per entrare nelle cellule. La percentuale di cellule CD4 + T che esprimono CCR5 durante acuta da HSV-2 infezione e dopo la guarigione delle ulcere genitali era due volte più elevato nelle biopsie di siti di queste piaghe come dalla pelle di controllo inalterata. Inoltre, il livello di espressione CCR5 nelle cellule CD4 + T nei siti delle lesioni herpes genitale guarito era simile per i pazienti che erano stati trattati con acyclovir per coloro che non avevano.

In terzo luogo, gli scienziati hanno trovato un significativamente più alta concentrazione di cellule immunitarie chiamate cellule dendritiche con la proteina di superficie chiamata DC-SIGN nei siti delle lesioni herpes genitale guarite rispetto al tessuto di controllo, se il paziente è stato trattato con aciclovir. Le cellule dendritiche con particelle DC-SIGN traghetto HIV alle cellule T CD4 +, che il virus infetta. Le cellule DC-SIGN spesso erano vicino le cellule CD4 + T nei siti di guarire le lesioni, uno scenario ideale per la rapida diffusione dell'infezione da HIV.

Infine, utilizzando le biopsie da due partecipanti allo studio, gli scienziati hanno trovato prove di laboratorio che l'HIV si replica più rapidamente tre a cinque volte nel tessuto coltivato dai siti di guariti HSV-2 lesioni rispetto nei tessuti in coltura da siti di controllo.

Tutti e quattro di questi risultati aiutano a spiegare perché le persone infettate con HSV-2 sono più a rischio di contrarre l'HIV rispetto alle persone che non sono infettati con HSV-2, anche dopo il trattamento acyclovir successo delle lesioni genitali.

"HSV-2 offre una vasta superficie e lungo periodo di tempo per consentire l'accesso HIV a più cellule bersaglio, fornendo una maggiore possibilità per la 'scintilla' iniziale di infezione", scrivono gli autori. Questa scintilla probabilmente accende una volta HIV penetra piccole rotture nella pelle dei genitali che comunemente si verificano durante il sesso. "Inoltre", gli autori continuano, "la vicinanza a DC-DC-SIGN esprimono [cellule dendritiche] rischia di alimentare queste braci e fornire un meccanismo per più efficiente diffusione localizzata di infezione iniziale." I ricercatori concludono che la riduzione del rischio di HSV-2-associato di infezione da HIV richiederà diminuire o eliminare l'ambiente longevo immuno-cellulare creato da HSV-2 infezioni del tratto genitale, idealmente attraverso un vaccino HSV. Inoltre, essi ipotizzano che altre infezioni trasmesse sessualmente (STI) potrebbero creare ambienti cellulari simili che favoriscano l'infezione da HIV, che spiegano perché le malattie sessualmente trasmissibili, in generale, sono un fattore di rischio per contrarre l'HIV.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha