Perché un trattamento comune per il cancro alla prostata non riesce definitiva

Maggio 23, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Alcuni dei farmaci somministrati a molti uomini durante la loro lotta contro il cancro alla prostata può effettivamente stimolare alcune cellule tumorali di crescere, i ricercatori hanno trovato.

I risultati possono aiutare a spiegare un fenomeno che ha tormentato i pazienti per decenni. La terapia ormonale, un trattamento comune per gli uomini con tumore avanzato della prostata, in generale mantiene il cancro a bada per un anno o due. Ma poi, per ragioni gli scienziati non hanno mai capito, il trattamento non riesce in pazienti la cui malattia si è diffusa - il tumore inizia a crescere di nuovo, in un momento in cui i pazienti hanno poche opzioni di trattamento a sinistra.

Le nuove scoperte da un team guidato da Chawnshang Chang, Ph.D., direttore del George Whipple Laboratorio per la Ricerca sul Cancro presso l'Università di Rochester Medical Center, aiutano a spiegare il processo, dimostrando che il recettore degli androgeni, attraverso il quale gli ormoni maschili come il testosterone lavoro, è molto più versatile di quanto si pensasse. In determinate condizioni la molecola stimola la crescita, e altre volte la molecola squelches crescita - proprio come la stessa molecola fa per capelli in diversi punti sulla testa di un uomo.




I nuovi risultati sollevano la possibilità che in alcune condizioni, alcuni trattamenti progettati per trattare il cancro alla prostata potrebbero invece togliere uno dei freni naturali del corpo sulla diffusione della malattia nel corpo. I ricercatori sottolineano che i risultati sono basati su studi di laboratorio e sui risultati nei topi, ed è troppo presto per sapere ancora se i risultati si applicano direttamente al cancro alla prostata negli uomini.

Comprendere gli effetti del recettore degli androgeni offre ai medici una testa di ponte in sforzi per sviluppare trattamenti più efficaci per gli uomini con cancro alla prostata. Sarebbe una buona notizia per l'uno su sei uomini che avranno la malattia durante la sua vita. Più di 28.000 uomini muoiono di questa malattia negli Stati Uniti ogni anno, secondo l'American Cancer Society. Rischio degli uomini di cancro alla prostata è circa uguale al rischio delle donne di cancro al seno: ogni anno, circa lo stesso numero di uomini si ammalano di cancro alla prostata, come le donne si ammalano di cancro al seno, e il loro rischio di morire di malattie è circa uguale, secondo ACS.

Le scoperte di Chang sono più rilevanti per i pazienti con carcinoma della prostata avanzato, che in genere ricevono terapia ormonale dopo altri trattamenti come la chirurgia o la radioterapia. Con la terapia ormonale, i medici attenuano gli effetti degli ormoni maschili come il testosterone per portare la malattia nella prostata di una battuta d'arresto. Una forma di terapia ormonale agisce bloccando il recettore degli androgeni. Terapia di deprivazione androgenica è generalmente molto efficace per un anno o due, ma per ragioni che nessuno ha capito, il cancro ritorna definitiva.

"Quando un uomo riceve la terapia ormonale, inizialmente il trattamento funziona bene, e il suo PSA (antigene prostatico specifico) il livello scende,", ha detto Edward Messing, MD, un urologo e un autore del documento. "Ma, inevitabilmente, il PSA inizierà a salire, e che di solito è il primo segno che il trattamento sta cominciando a fallire. E 'un segno che il cancro della prostata è un ritorno."

Nel lavoro finanziato dal National Cancer Institute, il team di Chang ha scoperto che bloccando il recettore infatti previene alcune cellule nella prostata di crescere, proprio come gli scienziati si aspettassero. Ma la squadra di Chang inaspettatamente scoperto che bloccando il recettore in realtà spinge le altre cellule della prostata a crescere.

"Il recettore degli androgeni comporta in modo diverso in celle diverse nel tessuto della prostata", ha detto Chang. "E 'sempre stato ipotizzato che bloccando il recettore degli androgeni interrompe tutte le cellule della prostata di crescere, ma abbiamo scoperto che non è questo il caso. Poiché il trattamento attuale agisce in modo non specifico su tutte le cellule hanno recettori degli androgeni nella prostata, bloccando il recettore degli androgeni darà risultati misti. "

Il team ha scoperto che, come previsto, il recettore degli androgeni in cellule di supporto prostata conosciute come cellule stromali stimola la crescita delle cellule, comprese le cellule tumorali, nella prostata. Ha anche trovato, sorprendentemente, che il recettore effettivamente agisce come un soppressore tumorale in cellule epiteliali conosciute come cellule basali nella prostata.

Poi la squadra di Chang eliminato il recettore degli androgeni in specifici gruppi di cellule della prostata e studiò i risultati. Come previsto, quando la molecola è spento nelle cellule stromali, la crescita di cellule tumorali nella prostata rallenta. Ma quando la molecola è spento nelle cellule epiteliali, rimuove uno degli inibitori naturali del corpo che impedisce cellule tumorali della prostata diffusione, rendendo le cellule più probabilità di invadere altri tessuti.

"Mentre il recettore degli androgeni è realmente guida il cancro alla prostata, in un altro senso sembra che il recettore anche normalmente inibisce la diffusione delle cellule tumorali. Sembra avere un duplice ruolo. Manipolare il recettore degli androgeni può aumentare o diminuire una di queste azioni a seconda Proprio come si fa ", ha detto Messing.

Chang dice versatilità della molecola nella prostata non dovrebbe essere una sorpresa, dal momento che la funzione della molecola dipende altrove la sua posizione.

"Gli effetti del recettore degli androgeni sulla crescita dei capelli negli uomini variano notevolmente a seconda di dove nel corpo recettore funziona", ha detto Chang. "Quando il recettore è molto attivo nella zona baffi, più capelli cresce. Quando è molto attivo sulla parte superiore del cranio, verso la parte anteriore, capello cade e uomini diventa pelata. E i capelli sulla parte posteriore della testa è insensibile al recettore. Gli effetti degli ormoni dipendono dalla posizione.

"Abbiamo scoperto che la stessa cosa vale all'interno delle cellule della prostata in sé", ha detto Chang, che è un membro della facoltà nei dipartimenti di Urologia e Patologia e James P. Wilmot Cancer Center.

Chang dice che è probabile che il recettore degli androgeni funziona in modo diverso in celle diverse in parte perché l'assortimento dei colleghi molecolari che funziona con all'interno del corpo cambia da situazione a situazione. Come un caposquadra rivolgendosi a un pool di collaboratori per ottenere certi lavori fatto, il recettore degli androgeni rubinetti molecole diverse in situazioni diverse, formando complessi intricati o gruppi che poi eseguire le varie attività. Il recettore funziona molto rapidamente, insieme una squadra in pochi secondi, svolgere un compito, poi sciogliere e rendere i suoi aiutanti a disposizione per formare un nuovo team di marca per un altro compito.

Squadra di Chang sta lavorando sui modi per concentrarsi su questi "co-fattori" molecolari come un modo per indirizzare il recettore degli androgeni in modo diverso in celle diverse, ad esempio, spegnendo il recettore in alcune cellule, mantenendo su in altri, per combattere il cancro alla prostata . Che tipo di targeting specifici delle cellule non è attualmente possibile.

La ricerca in laboratorio ha coinvolto il tracciamento della malattia nei topi e analizzare anche le cellule del cancro alla prostata umano in coltura. Tuttavia, il lavoro potrebbe includere alcuni suggerimenti per migliorare la cura del paziente. Possibilità comprendono lo studio se la terapia di soppressione degli androgeni può essere usato per colpire solo le cellule specifiche all'interno della prostata, nonché verificare se farmaci progettati per prevenire il cancro di diffondersi dovrebbero essere utilizzati in concerto con la terapia ormonale.

I risultati sono stati recentemente pubblicati on-line in un paio di documenti negli Atti della National Academy of Sciences.

Squadra di Chang comprendeva ricercatori Yuanjie Niu; Saleh Altuwaijri; Kuo-Pao Lai; Chun-Te Wu; William A. Ricke, Ph.D., assistente professore di Urologia; Jorge Yao; Shuyuan Yeh, Ph.D., professore associato di urologia; Shengqiang Yu; Kuang-Hsiang Chuang; Shu-Pin Huang; e Edward Messing, MD, professore e presidente di Urologia. Henry Lardy dell'Università del Wisconsin è un autore su uno dei giornali.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha