Pertuzumab aggiunge 16 mesi di sopravvivenza beneficio per trastuzumab e chemioterapia trattamento per il carcinoma mammario metastatico HER2-positivo

Maggio 1, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con tumore al seno HER2-positivo che si è diffuso ad altre parti del loro corpo vivono circa 16 mesi in più se trattati con una combinazione di pertuzumab, trastuzumab e chemioterapia rispetto a quelli trattati con trastuzumab e chemioterapia da sola, i risultati aggiornati dello studio CLEOPATRA rivelano.

CLEOPATRA è stato un fondamentale studio di fase III, in cui i ricercatori hanno valutato la sicurezza e l'efficacia di pertuzumab, trastuzumb e chemioterapia in 808 pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo non precedentemente trattati. Carcinoma mammario metastatico HER2-positivo è stata storicamente una delle forme più aggressive della malattia.

"In CLEOPATRA abbiamo valutato se dual HER2 blocco combinando il pertuzumab anticorpi con trastuzumab e chemioterapia potrebbe aiutare le persone a vivere più a lungo (sopravvivenza globale, OS) o vivere più a lungo senza peggioramento della malattia (sopravvivenza libera da progressione, PFS)," spiega l'autore principale dott Sandra Swain da Washington Hospital Center, Washington, USA.




Nuovi risultati presentati ad ESMO 2014 a Madrid hanno dimostrato che le persone trattate con la combinazione vissuto 15,7 mesi più lunghi di quelli che hanno ricevuto trastuzumab e chemioterapia da sola, con una sopravvivenza globale mediana di 56,5 vs. 40,8 mesi. "Il miglioramento della sopravvivenza di circa 16 mesi osservati in CLEOPATRA è senza precedenti tra gli studi di carcinoma mammario metastatico", ha detto Swain.

Gli autori dello studio avevano precedentemente riferito che il regime pertuzumab esteso significativamente la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale. I nuovi dati riporta i risultati dell'analisi definitiva della sopravvivenza in CLEOPATRA dopo una mediana di 50 mesi di follow-up dei pazienti.

Nella presente analisi, la sopravvivenza generale è stato analizzato utilizzando tutti i pazienti randomizzati, senza regolazioni per cross-over una volta che i trattamenti in studio erano in cieco. I pazienti che hanno attraversato sopra dal braccio placebo al braccio pertuzumab sono stati analizzati come parte del braccio placebo, Swain spiega. "Come tale, questo è molto conservativa ultima analisi della sopravvivenza."

Il beneficio di sopravvivenza complessiva osservata con il regime pertuzumab in CLEOPATRA è stato coerente in tutti i sottogruppi di pazienti, dicono i ricercatori, e il beneficio osservato in precedenza in termini di sopravvivenza libera da progressione è stata mantenuta dopo lungo periodo di follow-up. Il profilo di sicurezza a lungo termine della terapia pertuzumab anche era invariata da analisi precedenti e il profilo di sicurezza cardiaca a lungo termine è stato mantenuto.

"Questo è il tipo di miglioramento della sopravvivenza per la quale abbiamo lavorato, e questo dato sarà incredibilmente significativo per i pazienti e le loro famiglie", ha detto Swain.

Javier Cortes, direttore del Breast Cancer Program presso Vall D'Hebron Istituto di Oncologia di Barcellona, ​​in Spagna, un altro autore dello studio, ha dichiarato: "I dati di sopravvivenza mediana globale presentati da Sandra Swain a ESMO 2014 pertuzumab e terapia a base di trastuzumab- in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo è notevole. Questo è uno dei più grandi passi verso rendendo questa malattia una condizione cronica nel prossimo futuro. "

"Quello che è più sorprendente è che il miglioramento della sopravvivenza globale mediana supera il miglioramento della sopravvivenza libera da progressione, forse a causa dei diversi meccanismi di azione che gli anticorpi monoclonali hanno", ha detto Cortes.

"Dovremmo considerare questa combinazione come lo standard di cura per i nostri pazienti", Cortes ha aggiunto. "Non vedo alcun motivo per giustificare l'uso di trastuzumab senza pertuzumab L'imponente di dati di sopravvivenza globale abbiamo osservato ESMO 2014 ci aiuterà, come i medici, di continuare a lavorare,. Aiuterà i pazienti, a combattere contro la loro malattia, e aiuterà la società a capire che la gente non moriranno di cancro in futuro. "

Guardando al futuro, i ricercatori hanno bisogno di studiare i meccanismi di resistenza a questa combinazione, per migliorare la sua attività terapeutica e per cercare di individuare quali pazienti non avranno bisogno di chemioterapia, Cortes ha concluso.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha