PET rivelano come psicodinamica della terapia per la depressione può cambiare la funzione del cervello

Giugno 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio del Massachusetts General Hospital (MGH) ricercatori ha individuato per i primi cambiamenti di tempo dell'attività metabolica di una regione chiave del cervello nei pazienti trattati con successo per la depressione con la psicoterapia psicodinamica, suggerendo un meccanismo d'azione dietro una delle più storicamente importanti e ampiamente forme praticate di terapia. Hanno anche trovato prove che il metabolismo pretrattamento in una struttura cerebrale diversa potrebbe predire quali pazienti sono suscettibili di rispondere a tale forma di terapia. Il loro rapporto verrà visualizzato nella rivista Psicoterapia e Psicosomatica ed è stato rilasciato on-line.

Considerato il successore di analisi freudiana, psicoterapia psicodinamica si concentra su come precedenti esperienze di vita di un paziente, in particolare le relazioni importanti, influenzano il loro carattere e il loro rapporto con gli altri. Attraverso l'esplorazione di passati e attuali relazioni del paziente - tra cui il rapporto con il terapeuta - la terapia si concentra su come aiutare le intuizioni di guadagno dei pazienti che possono cambiare sia l'umore e il comportamento.

"Psicoterapia psicodinamica può essere considerata la forma originale di 'medicina personalizzata,' dal momento che attinge direttamente da esperienze uniche di un paziente per modellare il corso del trattamento", dice Joshua Roffman, MD, MGH Dipartimento di Psichiatria, autore principale del rapporto. "Anche se è stata una parte fondamentale della formazione psichiatrica per decenni e continua ad essere ampiamente praticata, la psicoterapia psicodinamica non è stato studiato nel modo più ampio avere altri approcci per una serie di motivi, tra cui la sua maggiore soggettività e il trattamento-by-trattamento variabilità . Sappiamo che i trattamenti psicodinamici sono efficaci per alcuni pazienti, e questo studio ha esaminato se le differenze nell'attività neurale potrebbero predire quali pazienti potrebbero completare il corso della terapia e che abbandonano, un evento comune per qualsiasi tipo di terapia ".




Lo studio ha arruolato 16 pazienti con diagnosi di depressione maggiore, per i quali un precedente trattamento con il farmaco non era stata accolta. Prima di iniziare il programma di terapia, i partecipanti hanno ricevuto valutazioni standardizzate dei loro sintomi di depressione e di mentalità psicologica - la capacità di riconoscere e comprendere le proprie emozioni, motivazioni e azioni. Prima della prima seduta di terapia, i partecipanti hanno avuto una procedura di imaging PET che valuta l'attività metabolica del cervello misurando l'assorbimento del glucosio.

Il protocollo di studio ha coinvolto 16 sedute individuali di psicoterapia psicodinamici settimanali che, mentre abbastanza flessibile da essere adattato alle necessità individuali dei pazienti, seguiti un tema predefinito e la sequenza. Con il permesso dei partecipanti, le sessioni sono state videoregistrate e successivamente rivisto da un altro membro del gruppo di studio, sia per assicurare che le sessioni hanno seguito il modello definito e per valutare quanto bene partecipanti hanno sviluppato nuove conoscenze attraverso la terapia. Sette partecipanti ha sospeso la terapia, mentre nove hanno completato tutte le sessioni di terapia, che sono stati seguiti da una seconda serie di immagini PET, scattate all'interno di una settimana la conclusione di una terapia, e ripetere la valutazione dei sintomi di depressione.

Le scansioni PET prese prima dell'inizio della terapia hanno rivelato che l'attività metabolica del diritto insula - una regione del cervello conosciuta per essere importante per la regolazione emotiva e precedentemente implicati in depressione - era maggiore nei soggetti con più gravi sintomi di depressione. Quasi tutti coloro che hanno completato la terapia ha avuto una riduzione superiore al 50 per cento in sintomi di depressione, anche se il miglioramento non era clinicamente evidente solo dopo la quarta settimana di trattamento, in media. Ridotta l'attività metabolica nel insula dal pre al post-trattamento è stato associato con una maggiore riduzione dei sintomi ed è stato correlato con il grado di comprensione ogni partecipante ottiene, come determinato dagli osservatori esterni.

Le scansioni PET pretrattamento anche rivelato notevoli differenze metaboliche in una zona chiamata la precuneus proprio tra quelli che sono andati a completare la terapia e coloro che sono usciti, con un livello metabolico più elevato osservata nei completers. L'attività nel precuneus - che è stato precedentemente associato con la consapevolezza di sé e la memoria - è stato anche associato con il livello di pretrattamento mentale psicologico, una capacità che è stata considerata indispensabile per il trattamento psicodinamico successo.

"Come per tutti gli interventi psichiatrici, è notoriamente difficile da sapere in anticipo che rischia di avere una buona risposta alla psicoterapia psicodinamica e chi no", dice Roffman, un assistente professore di psichiatria presso la Harvard Medical School. "L'identificazione di marcatori biologici che possono predire il successo del trattamento è un 'santo graal' in psichiatria, e mentre le differenze di misura di mentalità psicologica tra completers e noncompleters erano insignificanti, la notevole differenza nel metabolismo precuneus suggerisce che si può un predittore sensibile di risposta al trattamento , qualcosa che deve essere confermato in studi più ampi. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha