Più efficace antipsicotici Drug ha conseguenze gravi per la salute

Giugno 5, 2016 Admin Salute 0 22
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti che assumono Clozapina, il farmaco antipsicotico più efficace, hanno tassi significativamente più alti di sindrome metabolica, secondo uno studio first-of-a-kind dall'Università di Rochester Medical Center ricercatori.

La sindrome metabolica è un gruppo di condizioni che aumentano il rischio di malattie cardiache, ictus e diabete. Le condizioni includono la pressione alta, il grasso corporeo in eccesso intorno alla vita, livelli anormali di colesterolo e trigliceridi e resistenza all'insulina. Una qualsiasi delle condizioni aumenta il rischio di malattia grave. In combinazione, il grave rischio.

Più della metà dei pazienti clozapina studiati avevano sindrome metabolica, mentre solo il 20 per cento di quelli in un gruppo di confronto hanno fatto, i ricercatori riportano nel numero di luglio di The American Journal of Psychiatry.




I pazienti con sindrome metabolica in questo studio saranno tenuti ad avere un aumento di due-tre volte nella mortalità cardiovascolare, il Dipartimento Medical Center di ricercatori Psichiatria dichiara.

"Clozapina è l'ultima speranza per molte persone", ha detto Steven J. Lamberti, MD, professore associato di psichiatria e autore principale di questo articolo rivista. "Ma ci sono implicazioni per la salute a lungo termine. Questo studio suggerisce che i pazienti che hanno bisogno il farmaco più efficace sono tra l'incudine e il martello".

I maggiori rischi per la salute fisica devono essere bilanciati con i benefici potenziali della clozapina, concludono i ricercatori. Oltre alla sua superiore efficacia per i pazienti resistenti ai farmaci antipsicotici convenzionali, clozapina è anche l'unico farmaco attualmente approvato dalla Food and Drug Administration per il trattamento di comportamento suicidario.

I medici devono monitorare attentamente le persone che ricevono clozapina con test regolari per i livelli di glucosio e di lipidi nel sangue, pressione arteriosa e del peso corporeo, Lamberti ha detto.

"Abbiamo bisogno di aumentare la consapevolezza dei medici su questo problema in modo da monitorare i loro pazienti e di intervenire prontamente in caso di necessità di evitare conseguenze negative per la salute a lungo termine", ha detto Lamberti.

Lamberti ed i suoi colleghi ricercatori hanno studiato 93 pazienti al Dipartimento di Psichiatria della Medical Center che avevano ricevuto Clozapina per almeno sei mesi. I pazienti sono stati pesati, misurati e testati per il diabete, lipidi nel sangue e la pressione sanguigna. I ricercatori hanno poi confrontato i pazienti ad un gruppo di circa 2.700 persone provenienti da una banca dati nazionale di informazioni sulla salute per migliaia di americani. Il gruppo di confronto è stato abbinato per l'età, massa corporea, e la razza o etnia.

I ricercatori hanno scoperto che il 53,8 per cento dei pazienti clozapina avevano sindrome metabolica. Ma solo 20,7 per cento del gruppo di controllo ha la stessa sindrome.

Molti studi hanno dimostrato che la Clozapina è associata ad un aumento di peso, ma questo è il primo studio a descrivere il legame di clozapina alla sindrome metabolica.

"Le persone con schizofrenia sono noti per esercitare meno e hanno diete povere", ha detto Lamberti. "Questi fattori contribuiscono alla sindrome metabolica. Non possiamo dire quanto clozapina contribuisce alla sindrome metabolica, ma abbiamo dimostrato l'elevata prevalenza della sindrome di coloro che prendono clozapina."

Il National Institutes of Health ha avviato i Trials antipsicotici cliniche per indagini Intervento efficacia per determinare l'efficacia comparativa di diversi farmaci.

In uno studio importante, i ricercatori hanno confrontato clozapina a nuovi farmaci antipsicotici in un gruppo di pazienti che non era migliorata con nuovi farmaci. Nel mese di aprile, i ricercatori hanno riferito che la Clozapina è stata significativamente più efficace rispetto ai nuovi farmaci. I pazienti trattati con clozapina avevano meno probabilità di interrompere il trattamento rispetto a quelli su altri farmaci.

A causa dei risultati di questo studio NIH-sponsorizzato, Lamberti si aspetta un aumento nell'uso di clozapina, un farmaco ha detto è stato sottoutilizzato.

"Con qualsiasi maggiore uso di clozapina, diventa ancora più importante sottolineare la necessità di monitorare attentamente e trattare i pazienti che assumono il farmaco per la sindrome metabolica e le sue conseguenze", ha detto Lamberti.

Lo studio Rochester della sindrome metabolica e clozapina è stato sostenuto da una sovvenzione da parte del Comitato per gli aiuti alla ricerca per porre fine alla schizofrenia.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha