Piccolo cambiamento nella terapia defibrillatore comporta enormi benefici per i malati di cuore

Marzo 12, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una piccola, molto semplice cambiamento dei medici modo impostati o programmate il dispositivo portato a una drastica riduzione dall'80 al 90 per cento nelle terapie inappropriate - urti potenzialmente dolorosi e ansiogene consegnati per i ritmi che non sono pericolosi o pericolo di vita. E, a sorpresa degli autori, la nuova programmazione anche significativamente aumentato la sopravvivenza, riducendo il rischio di morte del 55 per cento rispetto ai pazienti in cui i dispositivi utilizzati programmazione tradizionale. Tale riduzione è al di sopra e al di là della solita riduzione della mortalità associata alla terapia con defibrillatore, portando ad una riduzione complessiva del 70 per cento nella morte.

Lo studio MADIT-RIT, pubblicata il 6 novembre a New England Journal of Medicine e presentato a Scientific Sessions dell'American Heart Association a Los Angeles, è stato condotto dal professor Arthur J. Moss, MD, un esperto nel trattamento e prevenzione delle aritmie cardiache e morte cardiaca improvvisa. Squadra Moss 'ha scoperto che semplicemente alzando la frequenza cardiaca a cui il dispositivo è impostato al fuoco - erogare la terapia - ha fatto la differenza.




"Il modo in cui abbiamo usato defibrillatori impiantabili per gli ultimi 20 anni è stato davvero non ottimale", ha dichiarato Moss, professore di lunga data di Cardiologia presso l'Università di Rochester Medical Center. "La misura in cui la nuova programmazione ridotta morte e terapie inappropriate era abbastanza sorprendente e ha il potenziale per influenzare favorevolmente un ampio spettro di pazienti che sono a rischio di morte o di ritmo improvvisi disturbi."

Defibrillatori impiantabili o ICD monitorano costantemente la velocità e il ritmo del cuore e sono tenuti a fornire scosse elettriche in risposta del ritmo cardiaco a molto veloci e potenzialmente fatali. Nel 2002, Moss e il MADIT (M ulticenter La utomatic D efibrillator Io mplantation T rial gruppo di ricerca) ha mostrato che ICD sono estremamente efficaci nel prevenire la morte in pazienti a rischio di ritmi cardiaci irregolari e morte cardiaca improvvisa, comprese le persone che hanno sofferto di un attacco di cuore. Il lavoro è cambiato linee guida mediche a livello nazionale, facendo migliaia di sopravvissuti attacco di cuore candidati alla terapia ICD. Attualmente, circa 200.000 ICD sono impiantati negli Stati Uniti ogni anno.

Ma, secondo uno studio del 2008 nel Journal of American College of Cardiology, circa il 20 al 25 per cento della terapia defibrillatore è inadeguato, il che significa shock sono in risposta a ritmi meno pericolose che non sono suscettibili di costituire un pericolo immediato per i pazienti . Tali urti non sono solo dolorose, ma possono prendere un tributo emotivo. I dati di uno studio 2002 a confronto farmaci anti-aritmici e defibrillatori hanno suggerito che gli shock sono associati a ridotto il benessere mentale. E una recente revisione di più di 45 studi ha rilevato che tale stress emotivo non è raro, riferendo che tra il 11 e il 28 per cento dei pazienti ICD avuto qualche forma di depressione e tra l'11 e il 26 per cento ha avuto un disturbo d'ansia.

Squadra Moss 'ha condotto il MADIT-RIT (R educe Io nappropriate T herapy) di prova, che è stato sponsorizzato da Boston Scientific, per stabilire se diversi modi per configurare il dispositivo - un processo complesso eseguito da uno specialista del ritmo cardiaco prima di impianto del dispositivo in petto di un paziente - potrebbe ridurre l'insorgenza di terapia inappropriata. Boston Scientific sviluppa e commercializza dispositivi medici, compresi ICD e terapia di resincronizzazione cardiaca defibrillatori o CRT-Ds.

Dal settembre 2009 a ottobre 2011, la squadra ha arruolato 1.500 pazienti in 98 centri ospedalieri negli Stati Uniti, Canada, Europa, Israele e Giappone. Tutti i pazienti avevano malattia cardiaca e hanno ricevuto un ICD Boston Scientific o CRT-D.

Attualmente, la maggior parte dei defibrillatori sono impostati per iniziare la terapia quando la frequenza cardiaca supera circa 170 battiti al minuto, ma i tassi di 180 o 190 non sono sempre pericolosi, sono di solito di breve durata, e potrebbero essere correlati alla maggiore attività o esercizio fisico. Purtroppo, Moss dice, defibrillatori non sono molto bravi a differenziare benigni da ritmi maligni in questo "in-between" range.

Imposta il dispositivo per il fuoco ad un tasso superiore di 200 battiti al minuto ridotto il rischio di vivere una prima terapia inappropriata da 79 per cento rispetto alla programmazione standard. Meno scosse anche corrispondeva con meno energia erogata al cuore, che gli autori dello studio ritengono hanno contribuito alla riduzione del rischio di morte.

"Vi è una notevole ricerca per suggerire che ci sia una piccola quantità di danni al muscolo cardiaco a ogni scarica erogata", ha aggiunto Moss. "Se siamo in grado di eliminare le scosse inutili, questo sta per essere associato con meno danni al cuore e un miglioramento dei risultati."

Lo studio MADIT-RIT è il primo grande studio randomizzato disegnato per valutare le caratteristiche di programmazione specifiche per ridurre terapia inappropriata nei pazienti con ICD. Sponsor della sperimentazione, Boston Scientific, non è stato coinvolto nella raccolta dei dati o l'analisi dei dati. Moss, che ha condotto le prove MADIT fin dalla loro creazione nel 1990, non possiede azioni in qualsiasi azienda dispositivo, non è mai stato un membro di nessun altoparlanti ufficio aziendale, e dal 1 dicembre 2008, ha scelto di non accettare onorari da Boston Scientific per qualsiasi attività professionale.

Oltre a Moss, Wojciech Zareba, MD, Ph.D., Mary Brown, David Huang, MD, Helmut Klein, MD, e Scott McNitt presso l'Università di Rochester Medical Center partecipato alla ricerca. Ricercatori e medici da Henry Ford Hospital, ospedale del Buon Samaritano, Duke University Medical Center, Tufts-New England Medical Center, Columbia University, Istituto di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università di Iowa Health Care, Università di Medicina di Tokyo Women, e Loyola University Medical Center ha contribuito alla ricerca.

Moss, che ha trascorso gran parte della sua carriera lavorando per migliorare la terapia ICD, conclude, "Quando i risultati sono stati scoperti c'era un sincero, l'entusiasmo generale che avevamo finalmente di migliorare la terapia abbiamo usato per 20 anni, e che abbiamo fatto un vero progresso nel rendere la terapia ICD più sicuro, più efficace e più accettabile per i pazienti. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha