Piccolo circonferenza cranica Accoppiato con ApoE e4 gene è un fattore nella malattia di Alzheimer

Aprile 7, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

ST. PAUL, MN - Il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer aumenta per le persone con le piccole dimensioni della testa che ha anche portano un gene di Alzheimer-correlato, secondo uno studio pubblicato nel 23 ottobre questione di Neurologia, la rivista scientifica della American Academy of Neurology.

Le persone con piccole dimensioni della testa e la variante del gene apolipoproteina E e4 (ApoE e4) sono 14 volte più probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto alle persone senza quella combinazione. Avere una piccola dimensione della testa senza il gene non ha aumentato in modo significativo il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Questo risultato si aggiunge peso alla teoria che avere un grande "riserva cerebrale" protegge contro l'Alzheimer. Circonferenza testa è un modo per misurare la riserva cervello.




"La teoria è che i sintomi compaiono quando la perdita di cellule cerebrali scende al di sotto di una soglia critica di riserva cerebrale", ha detto Amy Borenstein Graves, PhD, della University of South Florida di Tampa, che ha condotto lo studio con i ricercatori presso l'Università di Washington a Seattle. "Le persone con ApoE e4 sono suscettibili di avere più rapidamente i danni delle cellule cerebrali. Quelli con grandi riserve del cervello possono avere gli stessi cambiamenti nel cervello, ma non mostrano sintomi della malattia molto più tardi."

Lo studio ha coinvolto 1.869 sani americani di origine giapponese di 65 anni di età e in King County, Washington. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per una media di 3,8 anni. Durante questo periodo, 59 persone hanno sviluppato il morbo di Alzheimer.

Le persone che hanno sviluppato la malattia di Alzheimer sono stati anche più anziani, meno istruiti, più corto, più leggero e aveva QI verbale (quoziente di intelligenza) segna inferiore stimata rispetto a coloro che non hanno sviluppato l'Alzheimer durante il periodo di studio.

Borenstein Graves ha detto che mentre la crescita del cervello è controllata in parte dalla genetica, può anche essere influenzata da fattori durante i primi 10 anni di vita, come la malnutrizione, la povertà, l'infezione, l'occupazione dei genitori e lo stato di istruzione, la dimensione della famiglia e l'ordine di nascita.

Più tardi nella vita, fattori come l'istruzione superiore e il reddito e l'esercizio fisico e mentale possono giocare un ruolo nel ritardare l'insorgenza della malattia di Alzheimer.

"E 'interessante a speculare sul fatto che avremmo potuto evitare questa malattia se potessimo sistematicamente aumentare le nostre riserve cerebrali per tutta la vita", ha detto Graves Borenstein. "Nel nostro studio il 18 per cento del rischio di Alzheimer è attribuibile esclusivamente alle piccole dimensioni della testa. Quindi, se fosse possibile aumentare la riserva cervello attraverso la prevenzione del danno cerebrale che si verifica tutta la durata della vita, quasi il 20 per cento della malattia tra questi individui potrebbero essere prevenibili. "

I partecipanti allo studio sono stati divisi in tre gruppi, sulla base di circonferenza cranica. Solo il gruppo con la più piccola circonferenza della testa (meno di 21,4 pollici), e ApoE e-4, ha avuto un rischio significativamente maggiore di Alzheimer.

Informazioni sul ApoE e-4 stato era disponibile per il 59 per cento dei partecipanti allo studio.

Borenstein Graves ha detto una limitazione dello studio è la sua popolazione campione di soli americani giapponesi, che lo rende difficile applicare i risultati alla popolazione generale.

"Tuttavia, diversi studi con altre popolazioni hanno mostrato una relazione tra circonferenza della testa e cognizione e tassi di sviluppare il morbo di Alzheimer", ha detto.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institute on Aging.

L'American Academy of Neurology, un'associazione di più di 17.500 professionisti neurologi e neuroscienze, è dedicato a migliorare la cura dei pazienti attraverso l'istruzione e la ricerca. Per ulteriori informazioni su l'American Academy of Neurology, visitare il sito Web all'indirizzo http://www.aan.com.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha