Portatile, meno costosa la dialisi peritoneale non mostra ulteriori fattori di rischio del catetere, studio suggerisce

Maggio 17, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con malattia renale allo stadio terminale che optano per esperienza dialisi peritoneale maggiore rischio di infezione del catetere rispetto a quelli che si sottopongono a emodialisi, uno studio retrospettivo a UT Southwestern Medical Center ha trovato.

La dialisi peritoneale è meno costoso, più facile sul corpo e fornisce maggiore mobilità di emodialisi, la procedura più comune negli Stati Uniti

"I pazienti in realtà sopravvivere meglio in dialisi peritoneale, hanno una migliore qualità della vita e la procedura è più conveniente", ha detto il dottor Ramesh Saxena, professore associato di medicina interna a UT Southwestern e autore senior dello studio, disponibile on-line sul Journal of Accesso vascolare. "Fattori come l'obesità, l'età e precedenti interventi chirurgici addominali non dovrebbero essere considerate come barriere selezione dei pazienti per la dialisi peritoneale."




La dialisi peritoneale (PD) è la rimozione di fluidi usati in pazienti con insufficienza renale allo stadio terminale attraverso un catetere collocato nella cavità addominale. PD è più facile per i pazienti perché imita la funzione renale naturale attraverso un processo di reintegro del corpo con fluidi sani lento e continuo. La dialisi peritoneale offre inoltre una maggiore flessibilità per i pazienti in quanto l'apparecchio è portatile e può essere auto-somministrato.

Eppure, mentre il 95 per cento dei pazienti con malattia renale allo stadio terminale finire in dialisi, la maggior parte negli Stati Uniti sono indicati l'emodialisi, che viene somministrato attraverso un accesso in braccio in una clinica di dialisi.

Il dottor Saxena ha detto nefrologi negli Stati Uniti non ricevono abbastanza formazione in dialisi peritoneale, anche se è una forma comune di dialisi in tutto il mondo. UT Southwestern ha uno dei più grandi cliniche di dialisi peritoneale del paese, con un massimo di 120 pazienti trattati alla volta, rispetto ad una media di 20 pazienti in un tipico clinica emodialisi in USA

"Il mito è che la dialisi peritoneale è visto come infettive e difficile da gestire, ma non vi è stato alcun studio formale su questi fattori che influenzano la sopravvivenza del catetere", ha detto il dottor Saxena.

Lo studio UT Southwestern, il primo del suo genere, ha mostrato tre anni i tassi di sopravvivenza catetere di oltre il 91 per cento, indipendentemente dall'età, sesso o razza, in più di 300 pazienti che avevano il loro primo catetere dialisi peritoneale collocato tra il 2001 e il 2009 al UT Southwestern/DaVita Dialisi peritoneale Clinic. Altri fattori normalmente dovrebbero influenzare l'esito di sopravvivenza del catetere, come lo stato diabetico, indice di massa corporea o precedenti interventi chirurgici addominali o infezioni, non ha influenzato il tasso di sopravvivenza del catetere.

Fallimento catetere PD è stato definito nello studio come la rimozione del catetere PD disfunzionale a causa di qualsiasi complicazione catetere. Complicazioni sono stati divisi in gruppi infettive e non infettive.

Il sessanta per cento dei pazienti ha avuto nessun episodio di infezione peritoneale, il 21 per cento ha avuto un singolo episodio e circa il 19 per cento ha avuto episodi multipli. Infezioni peritoneale non sono risultati significativamente associati con la sopravvivenza del catetere PD, molto probabilmente a causa di un tempestivo trattamento e la cura per gli episodi infettivi.

Solo le complicanze infettive sono risultati significativamente associati con il fallimento del catetere. Tra queste, l'ostruzione, malposizionamento, la migrazione del catetere, addominale ernia della parete, perdita, trauma, dolore addominale cronico ed estrusione. Lo studio ha mostrato appena 23 errori catetere nei tre anni del periodo di follow-up.

La ricerca è stata sostenuta da una sovvenzione da parte del National Institutes of George M. O'Brien Research Center presso UT Southwestern Kidney Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha