Possibile legame tra due farmaci per il diabete di tipo 2 e il cancro al pancreas, la nuova ricerca suggerisce

Giugno 6, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Due nuovi farmaci usati per trattare il diabete di tipo 2 potrebbero essere collegati ad un aumento significativo del rischio di sviluppare pancreatite e il cancro al pancreas, e si potrebbe anche essere collegati a un aumento del rischio di cancro alla tiroide, secondo un nuovo studio UCLA.

I ricercatori del Larry L. Hillblom Islet Research Center della UCLA hanno esaminato dati della Food and Drug Administration per gli eventi avversi riportati tra il 2004 e il 2009 tra i pazienti con i farmaci sitagliptin e exenatide. Hanno trovato un aumento di sei volte nel odds ratio per i casi segnalati di pancreatite con questi farmaci, rispetto ad altri quattro terapie del diabete hanno usato come controlli. Hanno anche scoperto che i pazienti che hanno preso i due farmaci sono stati più probabile che hanno sviluppato il cancro al pancreas rispetto a quelli che sono stati trattati con le altre terapie.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Gastroenterology.




"Abbiamo intrapreso questi studi perché diversi studi in modelli animali di diversi ricercatori avevano suggerito che questa forma di terapia può avere azioni involontarie per promuovere la crescita dei condotti (tubi) nella ghiandola pancreatica che convogliano i succhi digestivi dal pancreas per l'intestino," ha detto il dottor Peter Butler, direttore del Hillblom Center e uno studio co-autore. "Questa è una preoccupazione se succede negli esseri umani dal momento che potrebbe essere previsto un aumento del rischio per la pancreatite e il cancro al pancreas. Mentre il database FDA ha limiti, non ha vantaggi essendo molto grande, liberamente accessibile, indipendente dalle società che commercializzano i farmaci.

"Nel loro insieme gli studi animali e l'analisi FDA base di dati suggeriscono che l'ulteriore lavoro deve essere intrapreso per almeno escludere che questa nuova classe di farmaci ora ampiamente disponibile per il diabete non aumenta il rischio di cancro al pancreas," Butler, che è anche un membro del Jonsson Comprehensive Cancer Center della UCLA, ha aggiunto.

Sitagliptin e exenatide sono farmaci che aumentano le azioni di un ormone intestinale conosciuta come glucagone-like peptide 1 (GLP-1), che ha dimostrato di essere efficace nel ridurre la glicemia nei soggetti con diabete di tipo 2. Sitagliptin, commercializzato come Januvia da Merck & Co. Inc., agisce inibendo dipeptidil peptidasi-4 (DDP-4), un enzima che degrada GLP-1. Exenatide, prodotto da Amylin Pharmaceuticals e venduto come Byetta, imita l'azione di GLP-1 e resiste DDP-4 degrado.

Precedenti ricerche da ricercatori UCLA Hillblom Centro suggerito ci potrebbe essere un legame tra i farmaci che aumentano le azioni di GLP-1 e pancreatite, forse derivante da un aumento del tasso di formazione di cellule che rivestono i dotti pancreatici. Che la ricerca, sulla base di studi nei ratti, è stato pubblicato nel 2009 sulla rivista Diabetes.

Oltre ai sei volte aumento dei casi segnalati di pancreatite, i ricercatori hanno anche trovato un 2,9 volte maggiore tasso di cancro al pancreas in pazienti con exenatide e 2,7 volte più alto tasso di cancro al pancreas in pazienti trattati con sitagliptin, in confronto con gli altri terapie. Inoltre, hanno trovato un aumento statisticamente significativo del rischio di cancro alla tiroide nel gruppo exenatide, ma non nel gruppo sitagliptin.

I dati della FDA non hanno indicato i legami tra i due farmaci per il diabete e qualsiasi altra forma di cancro.

I ricercatori avvertono che negativo del database della FDA eventi "non è il meccanismo ideale per confrontare i tassi di eventi avversi tra droghe," date le sue limitazioni note, come i dati incompleti e pregiudizi di reporting. Essi sottolineano che sono necessari ulteriori studi.

"Randomizzati, studi clinici controllati rimangono il gold standard per tale valutazione", hanno scritto i ricercatori.

Il Larry L. Hillblom Foundation ha finanziato questo studio. Studio co-autori sono Michael Elashoff, Aleksey V. Matveyenko, Belinda Gier, e Robert Elashoff, tutti UCLA

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha