Potrebbe cellule appiccicose causare resistenza ai farmaci in tumori del sangue cronica?

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori di Manchester hanno studiato la vischiosità delle cellule leucemiche, e se questo è legato alla resistenza ai farmaci.

Leucemia mieloide cronica (LMC) è associata ad una specifica mutazione genetica che deriva dal DNA su cromosomi diversi rottura off e scambiano posti. Questo sconvolge geni presso il punto di interruzione e il punto di ricongiungimento. Uno di questi geni perturbato è chiamato BCR-ABL e farmaci che hanno come target questa mutazione hanno trasformato il trattamento della LMC. Tuttavia, i pazienti possono sviluppare resistenza a questi farmaci, che provoca il loro cancro per tornare.

Ora gli scienziati dell'Università di Manchester - una parte del Centro di ricerca sul cancro di Manchester - hanno misurato i livelli della mutazione genetica BCR-ABL in un modello cellulare di CML. In particolare, si separarono cellule in quelli che attaccato alla plastica - le cellule "appiccicose", o aderenti, - e quelli non aderenti che non ha, e cercato le differenze tra i due gruppi di cellule.




Dr Richard Byers, che ha guidato congiuntamente la ricerca, ha dichiarato: "Gli studi precedenti hanno collegato alti livelli di mutazione BCR-ABL, con resistenza ai farmaci Volevamo vedere come espressione di BCR-ABL differiva tra i gruppi di cellule CML, e in particolare se. vi erano differenze tra le popolazioni aderenti e non aderenti. "

In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Experimental Ematologia, il gruppo dimostra che è un'ampia variazione nei livelli di espressione di BCR-ABL nel modello cellulare e le cellule vischiosi hanno un più alto livello di espressione BCR-ABL. Queste cellule vischiosi erano meno sensibili al trattamento con un BCR-ABL mirati droga, imatinib.

Dr Byers ha detto: "Il piccolo numero di cellule che mostrano alti livelli di BCR-ABL non deve essere rilevabile attraverso l'analisi di massa di grandi campioni.

"Sembra che sia importante guardare a livelli di proteine ​​nelle cellule singole In futuro, potrebbe essere possibile misurare i livelli di BCR-ABL nelle cellule individuali in clinica -. Questo ci aiuterà a identificare le cellule di alta BCR-ABL resistenti e capire meglio come pazienti sviluppano resistenza al trattamento imatinib al fine di combattere questa resistenza per rendere la risposta più durevole e il trattamento più efficace. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha