Potrebbe depressione in realtà una forma di malattia infettiva?

Giugno 9, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Disturbo depressivo maggiore (MDD) dovrebbe essere ri-concettualizzato come una malattia infettiva, secondo Turhan Canli, PhD, Professore Associato di Psicologia e Radiologia presso Stony Brook University. In un articolo pubblicato in Biology of Mood & Anxiety Disorders, Dr.Canli suggerisce che la depressione può derivare da infezioni parassitarie, batteriche o virali. Egli presenta esempi che illustrano le possibili vie attraverso le quali questi microrganismi potrebbero contribuire alla eziologia di MDD.

MDD rimane malattia molto diffusa, con circa il 15 al 20 per cento della popolazione vivere MDD a un certo punto. Ricorrenza è comune, e trattamenti farmacologici non sono cambiate. Poiché gli aspetti causali della malattia non sono chiaramente definiti, la ricerca per trovare le cause rimane fondamentale per contribuire a migliorare i trattamenti.

"Dato questo track record di MDD, propongo riconcettualizzazione della condizione di una qualche forma di malattia infettiva", ha detto il dottor Canli, che è anche direttore del Centro di SCAN Stony Brook, membro del Programma di Neuroscienze, e Senior Fellow in Centro di Medical Humanities, Compassionate Care, e Bioetica. "La ricerca futura dovrebbe condurre una ricerca concertato sforzo di parassiti, batteri o virus che possono svolgere un ruolo causale nell'eziologia della MDD."




Nel documento, il dottor Canli presenta tre argomenti perché riconcettualizzazione MDD come una malattia infettiva può essere uno sforzo proficuo.

In primo luogo, egli sottolinea che i pazienti con malattia comportamento MDD mostra come la perdita di energia, e che biomarcatori infiammatori in MDD suggeriscono anche un'origine per malattia. In secondo luogo, egli descrive la prova che parassiti, batteri e virus che infettano gli esseri umani in un modo che altera il loro comportamento emotivo. In terzo luogo, il dottor Canli porta la nozione del corpo umano come un ecosistema per i microrganismi e il ruolo della genetica.

Sulla base di questi punti, il Dr. Canli suggerisce un importante passo di ricerca sarebbe quello di condurre studi su larga scala con i pazienti depressi, controlli e protocolli infettive correlate alla malattia per determinare l'associazione o la natura causale di malattie infettive e la depressione.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha