Pressione sanguigna varia in base alla stagione

Aprile 5, 2016 Admin Salute 0 13
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio francese ha trovato una forte correlazione tra la pressione sanguigna e la temperatura esterna in un ampio campione di anziani. Come risultato, i ricercatori consigliano che, durante i periodi di temperature estreme, un attento monitoraggio della pressione arteriosa e il trattamento antipertensivo "potrebbe contribuire a ridurre le conseguenze delle variazioni di pressione arteriosa negli anziani".

Lo studio, che ha monitorato 8.801 partecipanti di età superiore ai 65 nello studio francese Tre-Città, ha trovato che i valori di pressione arteriosa sistolica e diastolica sono risultati significativamente diversi le quattro stagioni dell'anno e secondo la distribuzione della temperatura esterna. Maggiore è la temperatura, maggiore è la diminuzione della pressione sanguigna. La pressione sanguigna sistolica, per esempio, diminuiva con l'aumentare della temperatura, una diminuzione di 8.0 mmHg tra il basso (<7,9 ° C) e il massimo (21,2 ° C) le temperature. Media pressione sistolica era di 5 mmHg più alto in inverno che in estate. L'alta pressione sanguigna, definita come una pressione sistolica di 160 mmHg o superiore, o una pressione diastolica di 95 mmHg o superiore, è stato rilevato nel 33,4 per cento dei partecipanti durante l'inverno e 23,8 per cento durante l'estate. Questi cambiamenti della pressione sanguigna erano maggiori nei soggetti 80 anni o di età superiore a partecipanti più giovani.

La pressione sanguigna dei partecipanti è stato misurato all'inizio dello studio (a partire dal 1999) e di nuovo circa due anni più tardi. Temperature esterne nel giorno della misura sono stati ottenuti dagli uffici meteorologici locali. I partecipanti allo studio Three-City erano di Bordeaux, Dijon e Montpellier.




"Anche se il nostro studio non dimostra un nesso di causalità tra la pressione sanguigna e la temperatura esterna, la relazione osservata ha comunque conseguenze potenzialmente importanti per la gestione della pressione del sangue negli anziani," gli autori di Stato. "A causa del rischio di ictus o aneurisma rottura è più alta negli anziani, una migliore protezione contro queste malattie per un attento monitoraggio della pressione arteriosa e farmaci antipertensivi quando la temperatura esterna è molto bassa potrebbe essere considerato".

Parlando a nome della Società Europea di Cardiologia (ESC), il professor Frank Ruschitzka dal University Hospital di Zurigo, afferma che lo studio riafferma il posto degli anziani, un gruppo target per il monitoraggio della pressione arteriosa. "Gli anziani, in particolare il crescente numero di ottantenni, non dovrebbe essere trascurato. Hanno bisogno di cure extra, e beneficerà di monitoraggio e il trattamento adeguato. Questo studio sottolinea la necessità di vigilare per tutto l'anno."

Una possibile spiegazione per i risultati dello studio, aggiunge il professor Ruschitzka, sta nel legame emergente tra la vitamina D e la pressione sanguigna. Gli anziani, in particolare quelli in case di cura, sono soggetti a carenza di vitamina D, soprattutto a causa della loro limitata esposizione alla luce del sole, e la carenza di vitamina D può predisporre a hyptertension attraverso l'attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone. "Il vantaggio di luce solare su livelli di vitamina D negli anziani è sotto apprezzato", dice il professor Ruschitzka. "Quindici minuti di esposizione alla luce solare può produrre l'equivalente di 2000 unità internazionali di vitamina D."

Un rapporto della Heart Study Framingham pubblicato nel 2008 ha scoperto che la carenza di vitamina D moderata quasi raddoppia il rischio di infarto miocardico, ictus e scompenso cardiaco su una media di 5,4 anni nei pazienti con alta pressione sanguigna. I Nurses Health Study, riportando anche nel 2008, ha scoperto che bassi livelli ematici di vitamina D sono associati in modo indipendente ad un aumento del rischio di ipertensione; le donne con i livelli più bassi avevano un 66 per cento più alta incidenza di ipertensione rispetto a quelli con i più alti livelli.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha