Profilassi antibiotica semplice ed economico con inserimento dell'alimentazione del catetere nello stomaco

Aprile 20, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Karolinska Institutet raccomanda una nuova routine per la protezione contro l'infezione quando gastrostomia endoscopica percutanea (PEG), un tubo per l'alimentazione direttamente attraverso la parete addominale, è inserito chirurgicamente nello stomaco. La nuova routine è più semplice e più economico di quello usato oggi. Il metodo, presentato sul British Medical Journal, è stato clinicamente testato su oltre 200 pazienti al Karolinska University Hospital di Solna, Contea di Stoccolma.

PEG è tipicamente utilizzato per pazienti incapaci di deglutire e mangiare nel solito modo, e utilizzato quando non è previsto miglioramenti a breve termine, per esempio, nel caso in cui il paziente ha un cancro alla gola, cancro dell'esofago o ottenuto un ictus. In Svezia ci sono diverse migliaia di operazioni PEG all'anno, e la chirurgia è in aumento. Un problema con la chirurgia è che il rischio di infezione è elevato, che nel peggiore dei casi può portare alla morte. Per ridurre il rischio di infezione, cefuroxima, un tipo di antibiotici liquidi per uso direttamente nel flusso sanguigno è dato oggi, un'ora prima dell'intervento chirurgico.

"E 'sempre difficile per il medico operativo per sapere se il trattamento preventivo di infezione è stato dato in tempo, che potrebbe fermare l'intero processo di funzionamento", spiega John Blomberg, Dottorando presso il Karolinska Institutet e Senior Medico presso Karolinska University Hospital.




"In alcuni casi, è impossibile inserire un PEG e quindi gli antibiotici sono stati dati inutilmente. Quando un'operazione PEG fallisce, che si verifica in ogni dieci casi, di solito dipende da come gli organi interni si trovano in relazione alla parete addominale e lo stomaco, "Dott Blomberg continua.

Con il nuovo metodo per la protezione contro l'infezione, che lui ei suoi colleghi presenti sulla rivista scientifica BMJ, il paziente è invece affidato diversi antibiotici, una combinazione di sulfametossazolo e trimetoprim, come soluzione in diretta PEG-catetere dopo l'intervento chirurgico è completata. Questa routine in combinazione con un carico di lavoro più leggero e un costo minore farmaco per ospedali rende questa nuova procedura di ridurre il costo delle operazioni PEG considerevolmente.

Il presente studio è stato fatto su 234 pazienti tra il 2005 e il 2009, la metà dei quali sono stati trattati con cefuroxime e l'altra metà trattata con la miscela di sulfametossazolo e trimetoprim. Di questi 14 pazienti trattati con cefuroxima e 10 pazienti trattati con la miscela di sulfametossazolo e trimetoprim ottenuto un'infezione. Quindi ci sono diversi motivi per raccomandare questo nuovo modo di dare antibiotici a operazioni di PEG.

"Entrambi i metodi danno risultati equivalenti in termini di riduzione del rischio di infezione per il paziente. Ma il nuovo metodo è molto più semplice, e almeno dieci volte più conveniente", spiega Blomberg.

Lo studio è stato finanziato dal Consiglio svedese della ricerca e il Cancer Foundation svedese.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha