Programmazione fetale del rischio di malattia di prossima generazione dipende genere dei genitori

Aprile 8, 2016 Admin Salute 0 21
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Sovraesposizione sottolineare ormoni nel grembo materno può programmare il potenziale di effetti negativi per la salute in quei bambini e la prossima generazione, ma gli effetti variano a seconda se la madre o il padre li trasmette, un nuovo studio suggerisce animali.

I risultati sono stati presentati al 93 ° Meeting Annuale della Endocrine Society a Boston.

"Questa ricerca mette in luce come i bambini che sono esposti nel grembo materno a livelli eccessivi di ormoni dello stress, noti come i glucocorticoidi, possono passare sugli effetti sulla salute per i propri figli, e come gli effetti variano tra madri e padri", ha detto lo studio ricercatore principale, Amanda Drake, MD, PhD, un collega clinico senior presso l'Università di Edimburgo, in Scozia.




Livelli di glucocorticoidi possono diventare sollevata durante la gravidanza, se, per esempio, la madre esperienze di stress o malattia o riceve farmaci glucocorticoidi per il trattamento di malattia o parto prematuro. L'esposizione glucocorticoidi del feto può ridurre il peso alla nascita e aumentare la pressione sanguigna più tardi nella vita negli animali e nell'uomo, e bambini nati con basso peso alla nascita sono ad aumentato rischio di diabete e malattie cardiache in età adulta, Drake ha detto.

"Questo ha portato al concetto di programmazione fetale, suggerendo che l'ambiente vissuto nel grembo materno può influenzare lo sviluppo, con un conseguente aumento del rischio di malattia in seguito. Questo aumenta il rischio di malattia può essere trasmessa alla generazione successiva", ha detto Drake.

Utilizzando un modello di roditore della programmazione primi anni di vita, Drake e colleghi hanno studiato gli effetti di sovraesposizione glucocorticoidi, con il desametasone droga, durante l'ultima settimana di gestazione. Hanno studiato gli effetti sulla prole direttamente esposta e sulla loro prole. La loro prima ricerca ha dimostrato che il basso peso alla nascita indotta dall'esposizione prenatale a desametasone trasmette a una seconda generazione sia attraverso ratti maschi e femmine, secondo Drake.

Questa nuova ricerca ha dimostrato che, anche se il peso alla nascita è ridotto nella prole di ratti maschi o femmine che sono stati esposti al desametasone durante lo sviluppo fetale, questo effetto è stato più pronunciato nella prole di ratti maschi esposti a glucocorticoidi eccesso durante lo sviluppo nel grembo materno.

Inoltre, anche se il peso alla nascita è stato ridotto nella seconda generazione di ratti, i geni che sono stati colpiti differivano da quelli visti nei loro genitori, Drake ha detto. Nella prima generazione, sovraesposizione glucocorticoidi nell'utero geni nel fegato del feto e nella placenta influenzata. Ciò ha aumentato la probabilità di ratti neonati che hanno un basso peso alla nascita e aumenta il rischio di sviluppare diabete e malattie cardiache in età avanzata, ha detto.

Tuttavia, i geni coinvolti nella seconda generazione dipendeva dal fatto che la madre o il padre erano stati esposti ai glucocorticoidi durante lo sviluppo nel grembo materno, gli autori segnalati. Questi geni interessati che potrebbero produrre effetti negativi sulla salute compresi geni importanti nella crescita e il trasporto delle sostanze nutritive attraverso la placenta.

Per quanto riguarda lo studio, che è stato finanziato dal Medical Research Council del Regno Unito, Drake ha detto, "Potrebbe aiutare a informare le future ricerche per trovare interventi che potrebbero impedire le malattie come il diabete e la pressione alta", ha detto Drake.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha