Programmi di astinenza non riescono a tagliare il rischio di infezione da HIV

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I programmi che incoraggiano esclusivamente l'astinenza dal sesso non sembrano influenzare il rischio di infezione da HIV nei paesi ad alto reddito, trova una revisione delle prove sul British Medical Journal.

Questo chiama in causa l'uso continuato di denaro pubblico per finanziare solo astinenza programmi negli Stati Uniti.

Solo-astinenza programmi incoraggiano l'astinenza sessuale come mezzo esclusivo di prevenire l'infezione da HIV, senza promuovere comportamenti sessuali più sicuri, ma la loro efficacia in ambienti ad alto reddito rimane poco chiaro.




Allo stato attuale, trentatré per cento dei fondi di prevenzione dal Piano di Emergenza del Presidente degli Stati Uniti per l'AIDS Relief (PEPFAR) vengono utilizzati solo per l'astinenza programmi. Questo limita i fondi disponibili per altre strategie di sesso sicuro. Programmi statunitensi domestici ricevono finanziamenti federali e statali sostanziale.

Una revisione preesistente ha già esaminato l'efficacia del programma in paesi a basso reddito, in modo da ricercatori presso l'Università di Oxford recensione 13 studi che coinvolgono oltre 15.000 giovani di valutare gli effetti di soli astinenza programmi nei paesi ad alto reddito.

Programmi mirati per prevenire l'infezione da HIV o HIV e gravidanza. Hanno misurato i risultati biologici e comportamentali di auto segnalate come infezioni a trasmissione sessuale, la gravidanza, la frequenza dei rapporti sessuali non protetti, il numero di partner, e l'iniziazione sessuale.

Rispetto ai vari controlli, nessun programma ha avuto un effetto benefico sulla incidenza di rapporti sessuali non protetti vaginale, numero di partner, uso del preservativo, l'iniziazione sessuale, l'incidenza della gravidanza, o l'incidenza di infezioni a trasmissione sessuale.

I risultati suggeriscono inoltre che solo l'astinenza programmi non hanno aumentato l'astinenza primaria (prevenzione) o l'astinenza secondaria (minore incidenza e la frequenza del sesso recente).

Nonostante alcuni limiti dello studio, queste conclusioni sono coerenti con le recensioni precedenti che hanno trovato alcuna prova di un effetto del solo astinenza programmi nei paesi in via di sviluppo o degli Stati Uniti, dicono gli autori. Essi chiedono più rigorose valutazioni di questi programmi in futuro.

Essi sottolineano inoltre che il Senato degli Stati Uniti ha accettato di estendere il finanziamento dell'istruzione comunità astinenza base (CBAE) per $ 141m che, in vista di questa prova, deve essere riconsiderato, sostengono.

In contrasto con solo astinenza programmi, programmi che promuovono l'uso del preservativo riduce notevolmente il rischio di contrarre l'HIV, in particolare quando tali programmi sono culturalmente adattati interventi comportamentali mirati persone a più alto rischio di infezione da HIV, dicono i ricercatori in un editoriale di accompagnamento.

Essi suggeriscono che la priorità degli Stati Uniti dovrebbe essere data al sesso, specifiche, interventi comportamentali culturalmente sensibili che colpiscono in bianco e pazienti ispanici in cliniche per le infezioni trasmesse sessualmente, gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini, e adolescenti in trattamento per abuso di droga che sono a più alto rischio di contrarre l'HIV.

Nel mondo in via di sviluppo il contributo del messaggio "ABC" (astinenza, fedeltà, usare il preservativo), rimane sconosciuta, ma concludere.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha