Programmi di prevenzione della violenza standardizzate non possono evitare lotte adolescente, risultati suggeriscono

Giugno 10, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Investigatori UT Southwestern Medical Center hanno scoperto nuove informazioni sulla lotta adolescenti: cosa innesca, e come per arginare esso.

Fattori reali Varie accumulano quotidianamente per mettere i ragazzi sul bordo: comportamenti distruttivi come l'abuso di droga, bere o incontri sessuali ad alto rischio; la povertà; problemi accademici; e persino depressione. I dati analizzati da ricercatori della UT Southwestern suggerisce che quando i ragazzi percepiscono il sostegno alle loro famiglie e/o scuole, che può contribuire a mitigare la violenza.

"I nostri risultati ci dicono che è improbabile che i programmi tradizionali di violenza prevenzione stampino saranno efficaci per tutti", ha detto il dottor Rashmi Shetgiri, docente di pediatria presso UT Southwestern e autore principale di un nuovo studio, disponibile on-line e in settembre numero/ottobre di Pediatria accademici.




L'analisi di più di 4.000 intervistati suggerisce che i programmi di prevenzione della violenza mirati a specifiche popolazioni adolescenti possono essere utili per frenare l'aggressività.

I ricercatori hanno scoperto che gli adolescenti caucasica e Latino che hanno riferito sia il fumo o il consumo di alcol sono stati più propensi a combattere, così come gli afro-americani che vivono sotto la soglia di povertà.

Inoltre, lo studio è il primo a suggerire che la depressione può aumentare il rischio di lottare per i giovani Latino. Dr. Shetgiri detto che scoperta è significativa perché le indagini preliminari hanno mostrato che gli adolescenti Latino hanno tassi più alti di depressione rispetto agli altri gruppi.

"Il nostro studio non ha esaminato il motivo per cui la depressione potrebbe portare ad un aumento della lotta tra i Latinos, ma ha dimostrato che questo disturbo di salute mentale è stato un fattore di rischio significativo sia tra i ragazzi e le ragazze Latino", ha detto il dottor Shetgiri.

In fattori anti-combattimento segnalati, latini che hanno detto che sentivano sostenuti da almeno una persona nella loro scuola avevano meno probabilità di combattere. Uno dei fattori di protezione più importanti per gli adolescenti del Caucaso è stato il livello di supporto percepito dalle loro famiglie.

"Non abbiamo trovato i fattori protettivi distintivi per i bambini afro-americani, ma c'erano tendenze verso la famiglia e sostegno scolastico potenzialmente importante", ha detto il dottor Shetgiri.

Ha aggiunto che, mentre il modo in cui gli adolescenti percepiscono supporto varia, quelli che ci si aspettava di riuscire avevano meno probabilità di combattere. "Aspettavamo loro di avere successo, in attesa che stanno andando a fare un buon lavoro, potrebbe svolgere un ruolo molto importante nella prevenzione di combattimento", ha detto il dottor Shetgiri.

Violenza teenager è un problema importante negli Stati Uniti ogni anno, uno su tre studenti delle scuole superiori è coinvolto nella lotta, e l'omicidio rimane la seconda causa di morte tra gli adolescenti ei giovani adulti.

I risultati dello studio sono stati elaborati dalla parte adolescenziale del California Health Interview Survey 2003. Il campione in tutto lo stato comprendeva 4.010 adolescenti (dai 12 ai 17 anni) che hanno partecipato al sondaggio telefonico. Le interviste di computer-assistita sono state condotte su un periodo di sette mesi da intervistatori bilingue in inglese, spagnolo, vietnamita, coreano, mandarino e cantonese ed esaminato la salute, i comportamenti relativi alla salute e l'accesso all'assistenza sanitaria tra la popolazione non-istituzionalizzata dello stato.

Anche se lo studio ha analizzato California, il dottor Shetgiri detto che i risultati possono essere estrapolati a livello nazionale.

"Il set di dati riflette il tipo di diversità etnica/razziale molte popolazioni urbane in tutto il paese, in particolare in termini di popolazione Latino crescente," ha detto.

Il passo successivo, il dottor Shetgiri detto, è quello di completare gli studi focus group con gli adolescenti del Nord del Texas a identificare i fattori che influenzano in lotta dalla prospettiva dei ragazzi 'e quali interventi sarebbero più accettabili e realizzabili.

Dr. Glenn Flores, professore di pediatria presso UT Southwestern, ha partecipato alla ricerca. I ricercatori della University of California, Los Angeles, e RAND Corp. hanno contribuito allo studio.

Il Programma Scholars Robert Wood Johnson Foundation Clinica ha sostenuto lo studio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha