Proteggere il fegato da malattie epatiche correlate all'obesità

Giugno 11, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Obesità medicalmente complicata è un problema sociale che deve essere risolto. Malattia del fegato, in particolare la steatoepatite non alcolica o NASH, è solo una delle tante complicazioni di aumento del peso corporeo. Le opzioni di trattamento per la NASH sono limitati, e quindi vi è un bisogno insoddisfatto per il trattamento farmacologico di questa malattia del fegato.

Un recente articolo World Journal of Gastroenterology dal Dott Baski-Bey et al. offre una mano per aiutare potenzialmente abolire la presenza di NASH nella popolazione.

L'articolo descrive come la somministrazione di un recettore androstane costitutiva (CAR) agonisti (TCPOBOP) può indurre geni coinvolti in acidi grassi omega-ossidazione microsomiale e percorsi beta-ossidazione, con una conseguente riduzione della frequenza di NASH nei topi alimentati metionina colina carente (MCD) dieta. La dieta MCD, se somministrate agli roditori, produce rapidamente steatosi epatica e steatoepatite bloccando ossidazione degli acidi grassi.




Attualmente, l'eziopatogenesi di NASH resta da definire. In steatosi epatica, un eccesso di acidi grassi non esterificati vengono rilasciati dai tessuti periferici nel siero. Questi acidi grassi liberi-siero in eccesso vengono scaricate dal fegato, dove vengono esterificati e si accumulano grasso neutro, secondaria ad una limitata capacità di ossidare gli acidi grassi in eccesso.

Una strategia potenziale per proteggere il fegato da steatosi epatica comporterebbe meccanismi per migliorare epatica ossidazione degli acidi grassi. Epatica ossidazione degli acidi grassi avviene attraverso tre percorsi: la beta-ossidazione è la via predominante; perossisomica beta-ossidazione si verifica all'interno perossisomi ed è limitata dalla velocità della L-bifunzionale enzima perossisomica (L-PBE), acetil-COA ossidasi (ACO) e urato ossidasi (UO); la terza via è omega-ossidazione, che si verifica nel reticolo endoplasmatico. Questo percorso dipende espressione degli enzimi del citocromo CYPA410 e CYP4A14. La stimolazione di questi percorsi sia singolarmente presi potrebbe aiutare eliminare gli acidi grassi liberi in eccesso dal fegato e diminuire l'insorgenza di NASH.

I recettori nucleari sono fattori di trascrizione che regolano il metabolismo di vari composti biologici. In particolare, il recettore costitutiva androstane (CAR), che è altamente espresso nel fegato, è un biosensore per i composti endo e xenobiotici, come acidi biliari tossici e steroidi. CAR media la induzione di enzimi disintossicante nell'uomo mediante somministrazione del farmaco antiepilettico ampiamente utilizzato, fenobarbital, e nei topi, dal induttore sintetico potente, 1, 4-bis- (2- (3, 5, -dichloropyridyloxy)) benzene (TCPOBOP).

CAR è visto come un fattore generale epato-protettiva risposta, in quanto disintossica endo- potenzialmente pregiudizievoli e xenobiotici, e serve come un agente anti-apoptotico nel fegato aumentando espressione trascrizionale della proteina anti-apoptotica, Mcl-1. Nell'articolo, il Dr. Baskin-Bey ha dimostrato che CAR protegge il fegato da endobiotics pregiudizievoli, come gli acidi grassi liberi.

In sintesi, i risultati principali di questo studio corrispondono all'effetto della modulazione di CAR di NASH in un modello murino. Gli autori hanno osservato come la stimolazione TCPOBOP del CAR nel topo MCD-fed può ridurre la steatosi epatica. Hanno assistito a una significativa riduzione del grasso percentuale e lipidi sierici livelli epatici dopo dispensazione TCPOBOP.

Essi hanno inoltre rilevato una barra in infiammazione epatica e apoptosi in animali con contestuale aumento dell'espressione dei geni coinvolti nella microsomal omega-ossidazione e perossisomiali percorsi beta-ossidazione. Pertanto, questa ricerca dal Dott Baskin-Bey et al. meriti rivedere da endocrinologi, epatologi, chirurghi bariatrica, e qualsiasi medico con un occhio sul paziente obeso.

Riferimento: Baskin-Bey ES, Anan A, Isomoto H, Bronk SF, Gores GJ. Costitutivo agonista del recettore androstane, TCPOBOP, attenua steatoepatite nel topo dieta-fed di colina-carente metionina. Mondiale J Gastroenterol 2007; 13 (42): 5635-5641

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha