Protein identificato che può giocare ruolo centrale nella malattia infiammatoria intestinale

Giugno 23, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

. Charlottesville, VA, 10 NOV - I ricercatori della University of Virginia Health System hanno scoperto che una proteina espressa dal sistema immunitario, chiamato TL1A, è legata alla malattia infiammatoria intestinale (IBD) nei pazienti, in particolare il morbo di Crohn. Questa è la prima volta TL1A è stato collegato alla Crohn. In uno studio che ha coinvolto una cinquantina di pazienti a U.Va., pubblicati nel numero del 1 novembre di The Journal of Immunology, il team di ricerca ha scoperto che TL1A era espresso in pazienti affetti da IBD, ma non nei pazienti di controllo che sono liberi da malattia. La scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per le persone che soffrono di IBD, il nome generico per due malattie che causano l'infiammazione nell'intestino.

La colite ulcerosa provoca infiammazione e ulcere nello strato superiore del rivestimento intestinale, generalmente nella parte inferiore dell'intestino crasso, mentre in Crohn, l'infiammazione si estende in profondità nel rivestimento, di solito nel piccolo intestino. Oltre un milione di adulti e bambini negli Stati Uniti soffrono di malattia infiammatoria intestinale, con circa 30.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno, secondo il Crohn e Colite Foundation of America. Gli adolescenti e giovani adulti sono più suscettibili a IBD e non esiste una cura.

"Quello che abbiamo scoperto qui a U.Va. è una citochina, una proteina chiave che regola la risposta immunitaria, che potrebbe essere un obiettivo importante per la terapia nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale che non rispondono ai trattamenti correnti per la colite ulcerosa e la malattia di Crohn," ha detto il dottor Fabio Cominelli, ricercatore principale dello studio, professore di medicina interna e di microbiologia e direttore del Centro di Salute Digestiva di Eccellenza a U.Va. "Bloccare l'interazione tra TL1A e del suo recettore nella risposta immunitaria, chiamato DR3, potrebbe essere utile per le migliaia di persone che soffrono di infiammazione intestinale cronica."




TL1A è un membro di recente scoperta della famiglia del fattore di necrosi tumorale (TNF) di proteine ​​pensato di essere espressa prevalentemente in cellule endoteliali che rivestono l'intestino. Quando TL1A interagisce con DR3, trovato su linfociti attivi, il corpo può produrre cellule T come parte della risposta infiammatoria associata con IBD. Farmaci anti-TNF, come Remicade, vengono utilizzati per trattare le persone con moderata a gravi sintomi di Crohn che non rispondono alla terapia convenzionale.

Cominelli e il suo gruppo di ricerca presso U.Va. campioni chirurgici esaminati da pazienti con morbo di Crohn e la colite ulcerosa, e di pazienti di controllo non-IBD, sottoposti a resezione intestinale terapeutico. I ricercatori hanno scoperto minime quantità di TL1A nei campioni di controllo. Ma TL1A era presente nel tessuto dei pazienti IBD e la sua espressione correlati con la gravità di infiammazione. "L'infiammazione più presente in un campione, è stato trovato il più TL1A", ha detto Cominelli.

I ricercatori hanno concluso che l'espressione TL1A è significativamente associata con la malattia di Crohn, dove la proteina è stata trovata in gran numero di macrofagi e linfociti cellule del sistema immunitario intestinale. Lo studio ha rilevato che, al contrario, è stato TL1A trova principalmente nelle cellule plasmatiche di pazienti con colite ulcerosa, indicando i diversi fisiologia delle due malattie. È interessante notare che l'espressione TL1A non è stato trovato nel rivestimento intestinale di Crohn o pazienti con colite ulcerosa.

Cominelli e il suo team U.Va. continuano la loro ricerca in TL1A e altre proteine ​​che possono svolgere un ruolo nella malattia infiammatoria intestinale. All'inizio di quest'anno, hanno scoperto che l'anticorpo monoclonale contro il fattore di necrosi tumorale (TNF) nel farmaco Remicade protegge le cellule intestinali dalla morte cellulare programmata e favorisce la guarigione nei tessuti danneggiati IBD.

###

L'ultimo studio condotto TL1A possibile accedere on-line su The Journal of Immunology sito: http://www.jimmunol.org/cgi/content/full/171/9/4868.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha