Proteina essenziale per la funzione cardiaca normale identificato

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio condotto da ricercatori della Skaggs Facoltà di Farmacia e Scienze Farmaceutiche e il Dipartimento di Farmacologia presso l'Università della California, San Diego, dimostra che una proteina chiamata MCL-1, che promuove la sopravvivenza delle cellule, è essenziale per la funzione cardiaca normale.

Il loro studio, pubblicato nel 15 giugno online questione della rivista Genes & Development, ha scoperto che la delezione del gene che codifica MCL-1 nei cuori adulti topo ha portato ad insufficienza cardiaca rapida entro due settimane, e la morte in un mese.

MCL-1 (cellule mieloidi leucemia-1) è una proteina anti-apoptotica, nel senso che impedisce o ritarda la morte di una cellula. E 'anche un membro della famiglia BCL-2 di proteine ​​che regolano i mitocondri - produttori di energia della cellula - e la morte delle cellule. Espressione aberrante di anti-apoptotici BCL-2 membri della famiglia è una delle caratteristiche della nozione di cellule tumorali, ed è fortemente associato con la resistenza alle attuali terapie. Così, queste proteine ​​sono attualmente i principali obiettivi nello sviluppo di nuove terapie per i pazienti con cancro.




Ma, mentre il MCL-1 è up regolato in un certo numero di tumori umani, contribuendo alla crescita eccessiva di cellule tumorali, si trova ad alti livelli nel tessuto cardiaco normale. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che l'autofagia - un processo che si occupa di manutenzione mitocondriale ed è normalmente indotta da stress del miocardio - è stata ridotta nei topi con MCL-1 hearts deficienti.

In sintesi, lo studio ha dimostrato che la perdita di MCL-1 ha portato ad una rapida disfunzione dei mitocondri, autofagia compromessa e insufficienza cardiaca, anche in assenza di stress cardiaco.

"Pregiudizio cardiaca, come un attacco di cuore, provoca livelli di MCL-1 a cadere nel cuore, e questo processo può aumentare la morte delle cellule cardiache", ha detto Еsa B. Gustafsson, PhD, professore associato presso UCSD Skaggs Facoltà di Farmacia e di Scienze Farmaceutiche. "Perciò, mantenendo normali livelli di questa proteina nel tessuto cardiaco potrebbe ridurre i danni dopo un attacco di cuore e prevenire la progressione verso lo scompenso cardiaco."

Compromettendo sia l'autofagia e la funzione mitocondriale, MCL-1 inibitori possono incidere fornitura di energia delle cellule. "I nostri risultati sollevano preoccupazioni circa la potenziale tossicità cardiaca dei farmaci che bloccano MCL-1 - farmaci che sono entrati test clinici perché aumentano la morte delle cellule del cancro", ha detto il primo autore dello studio, Robert L. Thomas.

Collaboratori per carta includono David J. Roberts, Dieter A. Kubli, Youngil Lee, Melissa N. Quinsay, Jarvis B. Owens e Shigeki Miyamoto, UC San Diego; e Kimberlee M. Fischer, Mark A. Sussman, San Diego State University.

Lo studio è stato sostenuto in parte da sovvenzioni dal National Institutes of Health (concede R01HL087023 e 715 R01HL101217).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha