Proteina svolge ruolo importante aumento della pigmentazione della pelle che può aiutare a proteggere contro Nocivo esposizione ai raggi UV

Aprile 13, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori hanno identificato una proteina che svolge un ruolo importante nella anticipata aumento della pigmentazione cutanea protettiva dopo esposizione ai raggi ultravioletti (UV). La proteina, chiamata SOX9, è un fattore di trascrizione conosciuta di partecipare allo sviluppo embrionale e di essere espresso in molti tessuti adulti, tra cui cuore, reni e cervello. I fattori di trascrizione controllano quando e dove i geni (e quindi le proteine ​​codificate da questi geni) sono espressi.

Questo studio, condotto da ricercatori del National Cancer Institute (NCI), parte del National Institutes of Health, conferma l'importanza di SOX9 alle cellule adulte della pelle ed è il primo a dimostrare che una proteina della famiglia SOX può essere regolata da UV radiazioni. I risultati appaiono nel 13 agosto 2007, Atti della National Academy of Sciences.

La melanina è un pigmento prodotto nella pelle che aiuta a proteggere le cellule dai raggi UV che provocano il cancro. Cellule specializzate chiamate melanociti producono la melanina, che viene poi trasportato ad altre cellule epidermiche (chiamate cheratinociti) che costituiscono la maggior parte della pelle. Melanoma, un tumore dei melanociti, è il più mortale dei tumori della pelle, e la sua incidenza è in aumento negli Stati Uniti.




Radiazioni UV dal sole o altre fonti, come saloni abbronzanti, può causare molti tipi di danni alla pelle ed è stata associata con un processo che porta a molti tipi di tumori della pelle. Gli individui con la pelle più chiara subire maggiori danni da raggi UV e quindi hanno significativamente più alto rischio per il cancro della pelle.

"Aumento della pigmentazione della pelle dai raggi UV è pensato per ridurre al minimo i danni da UV", ha detto NCI direttore John E. Niederhuber, MD "Questa ricerca sul SOX9 non solo ci dà importanti intuizioni meccanismo intricato il nostro corpo utilizza per proteggersi da raggi ultravioletti, ma anche in percorsi cellulari che potrebbero contribuire alle origini e diffondere del melanoma ".

Dopo aver mostrato che in melanociti normali della pelle umana SOX9 espressa in condizioni normali, i ricercatori hanno esposto normali melanociti umani alle radiazioni UV, e confrontato i livelli di SOX9 tra le cellule irradiate e non irradiate. Essi hanno scoperto che i livelli di SOX9 aumentati nel giro di due ore dopo l'esposizione ai raggi UV, e hanno continuato ad aumentare fino a otto ore dopo l'esposizione.

Gli investigatori accanto tentato di individuare i meccanismi cellulari responsabili per l'aumento dei livelli di SOX9 dopo l'esposizione ai raggi UV. Hanno scelto per esaminare un percorso di segnalazione cellulare, chiamato circuito cAMP, che è noto contribuire alla regolazione della pigmentazione umana e mediare la produzione di melanina. I ricercatori hanno esposto normali melanociti umani e ricostruiti campioni di pelle di una sostanza chimica chiamata forskolin, che stimola la via cAMP. Hanno anche esposto un altro insieme di cellule e campioni di pelle alle radiazioni UV.

Entrambi i trattamenti hanno portato ad un aumento dei livelli di SOX9. Tuttavia, tali aumenti potrebbero essere evitati con un inibitore cAMP, che indica che la via cAMP svolge un ruolo fondamentale in un aumento dei livelli di SOX9 dopo esposizione ai raggi UV. Quando i ricercatori esposti normali melanociti umani a una proteina chiamata ASP, che inibisce la formazione di melanina, i livelli di SOX9 diminuiti.

I ricercatori hanno testato se successiva SOX9 potrebbe attivare alcuni geni coinvolti nella produzione di melanina. Essi hanno dimostrato che la sovraespressione di SOX9 attivato direttamente i promotori (la parte di un gene che contiene le informazioni per attivare il gene o disattivare) di due importanti geni pigmenti legati, chiamato MITF e DCT. Entrambi i geni regolano la produzione di pigmenti in melanociti normali. Sapendo che altri geni possono essere coinvolti nella produzione di pigmento sarà importante per i futuri sforzi di ricerca.

"La parte più nuova di questo studio è il fatto che abbiamo identificato un nuovo fattore di trascrizione che potrebbe essere il primo responder alla stimolazione della pigmentazione, come visto nella reazione di concia in seguito all'esposizione ai raggi UV", ha detto Vincent udienza, Ph.D., Chief del Centro del NSC per la Ricerca sul Cancro di pigmento (CCR) Sezione di Biologia Cellulare e autore senior dello studio. "SOX9 è probabilmente uno dei primi fattori che è attivati ​​per iniziare la catena di eventi che alla fine porta a un aumento di pigmentazione della pelle."

Audizione del laboratorio è ora esaminando gli effetti della SOX9 sulla proliferazione e le proprietà di tumore promozione di cellule di melanoma, per vedere se SOX9 potrebbe essere usato per colpire il melanoma via SOX9.

I ricercatori sono da Pigment Cell Biology Sezione, Laboratorio di Biologia Cellulare, CCR, NCI, Bethesda, Md .; e dal Universitй de Nice, Nizza, Francia. Per ulteriori informazioni su questo settore di ricerca e il Laboratorio di Biologia Cellulare, andare a http://ccr.cancer.gov.

Per ulteriori informazioni sul cancro, visitare il sito Web NSC a http://www.cancer.gov o chiamare Cancer Information Service del NCI a 1-800-4-CANCRO (1-800-422-6237).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha