Proteine ​​di coagulazione del sangue legata al cancro e setticemia

Marzo 21, 2016 Admin Salute 0 13
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati in una collaborazione tra EMBL di Heidelberg e l'Università di Heidelberg Medical Center hanno scoperto come le cellule stressate aumentare la produzione di trombina di coagulazione del sangue fattore chiave. Il loro lavoro mostra come le cellule tumorali possono essere approfittando di questo processo, e apre nuove possibilità per la lotta contro il cancro e setticemia.

Nel nostro passato evolutivo non troppo lontano, lo stress spesso significava pericolo imminente, e il rischio di perdita di sangue, così parte della risposta allo stress del nostro corpo è ad accumulare scorte fattori di coagulazione del sangue. Gli scienziati l'Unità Molecular Medicine Partnership (MMPU), una collaborazione tra il Laboratorio europeo di biologia molecolare (EMBL) di Heidelberg, in Germania, e l'Università di Heidelberg Medical Center, hanno scoperto come le cellule stressate aumentare la produzione del fattore di coagulazione del sangue chiave , trombina. Il loro lavoro, pubblicato 4 febbraio in Molecular Cell, dimostra come le cellule tumorali possono essere approfittando di questo processo, e apre nuove possibilità per la lotta contro la schiena, non solo contro il cancro, ma anche contro la setticemia, dove l'aumento della coagulazione del sangue è ancora una delle principali cause di morte.

Coaguli di sangue tendono a formare più spesso nelle vene delle persone con il cancro, una sindrome descritta per la prima quasi 150 anni fa dal medico francese Armand Trousseau. Negli ultimi anni, i medici hanno capito che le persone con la coagulazione del sangue attivata hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro. Di conseguenza, gli studi recenti hanno dimostrato che gli anti-coagulanti possono aiutare a curare e prevenire il cancro, ma esattamente come la coagulazione del sangue e la progressione del cancro sono legati è stato poco chiaro - fino ad ora.




"Per la prima volta, abbiamo qualcosa in mano che potrebbe spiegare questa enigmatica relazione tra attività pro-avanzate coagulatoria e l'esito del cancro", dice Sven Danckwardt, che ha condotto la ricerca all'interno del MMPU.

La quantità di trombina nostre cellule producono è controllato da due gruppi di proteine: proteine ​​che la produzione di trombina lento, e proteine ​​che accelerano in su. Entrambi i tipi di proteine ​​agiscono legandosi al meccanismo cellulare che sintetizza la trombina, e, in condizioni normali, le proteine ​​di produzione-rallentando mantengono livelli di trombina bassi. Ma Danckwardt e colleghi hanno scoperto che, quando le nostre cellule sono sotto stress da infiammazione, un'altra proteina, chiamata p38 MAPK, reagisce con l'aggiunta di un tag chimico per quelle proteine ​​di produzione-rallentamento. Questo tag rende più difficile per le proteine ​​di produzione-rallentamento di legarsi macchine-trombina sintesi, permettendo le proteine ​​che accelerano la produzione a prendere il sopravvento. Così infiammazione causata dal cancro potrebbe portare ad un aumento dei livelli di trombina e, poiché la trombina è un agente di coagulazione del sangue, ciò potrebbe spiegare perché i malati di cancro hanno maggiori probabilità di soffrire di sangue-coaguli. Gli scienziati ritengono che questo nuovo meccanismo di regolazione genica può applicare ad altri geni, anche.

"Conoscere le molecole esatte coinvolte, e come agire, ha implicazioni per il trattamento, in particolare i farmaci che inibiscono la p38 MAPK vengono già testati in studi clinici per altre condizioni", dice Matthias Hentze, direttore associato di EMBL e condirettore di MMPU , aggiungendo: "questi farmaci potrebbero essere buoni candidati per possibili terapie antitumorali o setticemia."

Gli scienziati hanno scoperto che Heidelberg p38 MAPK influisce anche la produzione di trombina in setticemia. Conosciuto anche come avvelenamento del sangue, setticemia si verifica quando i batteri o altri agenti patogeni entrano nel flusso sanguigno, con conseguente infezione diffusa e ai problemi di coagulazione del sangue. Quando hanno analizzato campioni di fegato prelevati da topi setticemici e da pazienti affetti da cancro, gli scienziati hanno scoperto che aumenta la produzione di trombina in risposta sia alla diffusa infiammazione durante setticemia e infiammazione localizzata presso l'invasione fronte del tumore, in cui le cellule tumorali si stanno diffondendo nel tessuto nelle vicinanze.

Oltre al suo ruolo di agente di coagulazione del sangue, la trombina è anche coinvolto nella creazione di nuovi vasi sanguigni, ed è in grado di degradare la matrice extracellulare che tiene insieme le cellule. Quindi è possibile che le cellule tumorali sono in aumento la produzione di trombina per aiutare la diffusione del tumore, rendendo più facile per invadere i tessuti sani e creando vasi sanguigni per alimentare le nuove cellule tumorali. Questo, i ricercatori ritengono che, potrebbe spiegare perché le persone con problemi di coagulazione del sangue sembrano avere un rischio maggiore di sviluppare il cancro.

"Questo studio dimostra i vantaggi della partnership, come il MMPU, che colmare il divario tra ricerca clinica e di base," Andreas Kulozik presso l'Università di Heidelberg Medical Centre, co-direttore del MMPU, conclude.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha