Proteine ​​virali può essere associata a tumori cerebrali umani, secondo i risultati By Temple Ricercatori

Maggio 22, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

PHILADELPHIA - un'associazione tra un tumore al cervello e virus comuni è stato istituito da un gruppo di ricercatori della Temple University, suggerendo un possibile ruolo nel sviluppo del tipo più frequente di tumore maligno al cervello nei bambini.

Il loro studio, "Espressione di poliomavirus umano JCV agnoprotein prodotto tardi gene in medulloblastoma umano", appare nel numero 20 febbraio del Journal of National Cancer Institute.

Luis Del Valle, MD, e Kamel Khalili, Ph.D., del Centro di Tempio per Neurovirology and Cancer Biology, e le loro co-ricercatori ha trovato il genoma virale e proteine ​​virali T antigene e agnoprotein in campioni di tumori cerebrali pediatrici, che possono svolgere un ruolo nello sviluppo di questi tumori.




"C'è un virus, il virus JC (JCV), che infetta superiore al 70 per cento della popolazione umana in tutto il mondo durante la prima infanzia", ​​dice Khalili, direttore e professore del Centro di Tempio per Neurovirology e Biologia Cancro e uno dei ricercatori lo studio del piombo .

"Quello che abbiamo dimostrato in questo studio è che i tumori di medulloblastoma che vediamo in pediatria, hanno in alcune parti, il genoma del virus JC", dice Khalili. "Questo genoma esprime le proteine ​​virali antigene T, che ha un potenziale oncogenico, e un agnoprotein, la cui funzione è sconosciuta."

T antigene può causare tumori cerebrali in parte bloccando tumore proteine ​​soppressori come p53 e pRb. Il ruolo agnoprotein nello sviluppo di tumori cerebrali è sconosciuta. Studi recenti suggeriscono, tuttavia, che l'interazione di antigene T con agnoprotein può influire sulla capacità di T antigene per controllare la crescita delle cellule.

"Sappiamo che il agnoprotein ha la capacità di associare l'antigene T", aggiunge Khalili. "Così sembra che la comunicazione tra queste due proteine ​​virali potrebbe influire sulla capacità del virus di indurre tumori cerebrali."

In questo studio, gli autori hanno trovato il gene che produce agnoprotein in 69 per cento dei 16 campioni di medulloblastoma, e il gene che produce l'antigene T nel 65 per cento dei 20 campioni di medulloblastoma. I ricercatori hanno anche scoperto agnoprotein e T antigene in circa il 50 per cento dei campioni, con alcuni campioni che contengono solo agnoprotein. Essi concludono che "la constatazione di espressione agnoprotein in assenza di espressione antigene T suggerisce un ruolo potenziale per agnoprotein in percorsi che controllano lo sviluppo di medulloblastomi JCV-associata."

Secondo Khalili, il virus JC più probabile infetta l'uomo attraverso il tratto respiratorio superiore e resta in una fase latente nella maggior parte delle persone per tutta la vita, e, in alcuni casi, provoca molto minori problemi sub-clinici. Tuttavia, in persone il cui sistema immunitario scendere, sia attraverso il trapianto di rene o di una malattia come l'AIDS, la JCV può diventare attivo e portare alla malattia demielinizzante fatale leucoencefalopatia multifocale progressiva (PML).

"Quello che stiamo cercando di dimostrare in questo studio è che il virus JC ha la capacità di fare di più che giusta causa PML", dice Khalili, che ha studiato la biologia molecolare del virus JC per quasi due decenni. "Abbiamo un virus nel nostro corpo che può avere il potenziale di causare tumori."

Khalili dice che le domande sono ora di fronte i ricercatori se il virus JC realtà provoca tumori; se i tumori formate a causa di altri elementi e il virus aiutato come cofattore; o se qualcos'altro provoca tumori e la presenza del virus è una semplice associazione possibilità.

"Non stiamo dicendo che ogni tumore al solo cervello è indotto dal virus JC," avverte Khalili. "Quello che stiamo dicendo è che il virus può essere rilevato in un buon numero di tumori cerebrali umani abbiamo provato, e il prodotto del virus, la proteina T antigene virale, che ha un potenziale oncogeno, può essere rilevato in quelle cellule tumorali. "

Khalili afferma che, poiché gli scienziati non sono sicuro di quello che provoca tumori al cervello, la scoperta dell'associazione tra JCV e tumori cerebrali è importante per motivi terapeutici e di trattamento. "Siamo in grado di avviare lo sviluppo di strategie e di vaccini contro il virus JC, che si spera porterà alla prevenzione dei tumori al cervello che induce," dice.

### News Media Contact: Preston Moretz, scrittore scientifico Temple University Ufficio di News e Media Relations, (215) 204-7476, [email protected]

Attribuzione al Journal of National Cancer Institute e Temple University Center for Neurovirology and Cancer Biology è richiesto in tutte le notizie di copertura.

NOTA: Le illustrazioni e/o di una copia dello studio è disponibile contattando l'ufficio del Tempio di News e Media Relations.

A proposito di Centro di Temple per Neurovirology e Cancro Biologia:

Il Centro per Neurovirology e Cancer Biology è uno stato-of-the-art di ricerca e formazione multidisciplinare in College Temple University of Science and Technology. Gli scopi e gli obiettivi del Centro sono di eseguire la ricerca d'avanguardia sulla biologia molecolare, genetica e biochimica dei disturbi neurologici virali e non virali indotti, al fine di facilitare lo sviluppo di strategie terapeutiche molecolari contro le malattie rilevanti; e formare prim'ordine scienziati/educatori nel campo della biologia moderna, che si svilupperà con successo nuove idee e tecnologie per promuovere il settore delle scienze della vita e biomediche ricerca medica.

Definizione dei termini:

JC Virus: Un retrovirus umano simile a virus polioma, ma che non è stato associato con qualsiasi tipo di cancro umano. Membro della Papovaviridae.

Medulloblastoma: Un cancro primario del cervello che è un tumore in cui le cellule cancerose iniziano a crescere nei tessuti del cervello. Il medulloblastoma è un tumore infratentoriali (sotto al cervelletto tentorium nel cervello). Il medulloblastoma è di solito si trova solo nei bambini o giovani adulti. Può diffondersi dal cervello alla colonna vertebrale o ad altre parti del corpo.

Oncogene: mutato e/o la versione overexpressed di un gene normale delle cellule animali (il proto-oncogene) che in un modo dominante può rilasciare la cella da vincoli normali di crescita, e quindi solo o in concerto con altri cambiamenti, convertire una cella in una cellula tumorale.

p53: A 393 residuo (nell'uomo) fosfoproteina che è un antigene tumorale comune, espresso in molte cellule trasformate. Tuttavia, si ritiene essere il prodotto di un gene soppressore del tumore, piuttosto che un oncogene, come è spesso inattivato o mutato nei tumori.

PRB: soppressore del tumore gene che codifica per una proteina nucleare che, se inattivati, aumenta enormemente le probabilità di sviluppo di cancro, retinoblastoma classico, ma anche altri sarcomi e carcinomi.

Leucoencefalopatia multifocale progressiva (PML): Una infezione opportunistica rapidamente debilitante causata dal virus JC, che infetta i tessuti cerebrali e provoca danni al cervello e il midollo spinale. I sintomi variano da paziente a paziente, ma includono la perdita del controllo muscolare, paralisi, cecità, problemi nel linguaggio, e uno stato mentale alterato. PML può portare al coma e alla morte.

T-antigen: proteine ​​codificate da geni virali che si esprimono nelle prime fasi del ciclo di replicazione di papovaviruses quali SV40 e polioma. Essenziale per la replicazione virale normale, sono espressi anche in cellule non permissive trasformati da questi virus. Originariamente rilevato come tumore antigeni mediante immunofluorescenza con antisieri da animali di tumore. SV40 ha due, grandi e piccoli T t; polioma ha tre, grande, medio e piccolo. Sembrano assumere una responsabilità collettiva per la trasformazione da questi virus.

Oncosoppressori: Un gene che codifica un prodotto che normalmente regola negativamente il ciclo cellulare, e che devono essere mutato o altrimenti inattivato prima cella può procedere alla rapida divisione. Esempi: p53, RB (retinoblastoma), WT-1 (Wilms & 'del tumore), DCC (soppresso nel carcinoma del colon), NF-1 (neurofibrosarcoma) e APC (poliposi adenomatosa coli).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha