Protocolli di seguito possono ridurre gli errori di medicazione per il cuore, pazienti colpiti da ictus

Maggio 23, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Dopo otto raccomandazioni - di utilizzare un semplice controllo del peso a utilizzare farmaci ordini computerizzati - può contribuire a ridurre gli errori terapeutici tra i malati di cuore e ictus ricoverati, secondo una dichiarazione scientifica American Heart Association pubblicato su Circulation: Journal of American Heart Association.

Sia a causa per omissione (in mancanza di somministrare un farmaco, per esempio) o commissione (dando un farmaco sbagliato), in ospedale errori contribuiscono in modo significativo i circa 44.000 a 98.000 decessi all'anno causati da errori medici.

"Farmaci cardiovascolari sono la classe di farmaci più comuni associati con errori terapeutici, e pazienti cardiovascolari restano ad alto rischio nella fase di ospedale acuto, anche con le strategie di sicurezza vigenti", ha detto Andrew D. Michaels, MD, presidente della commissione scrittura della dichiarazione.




Gli ospedali hanno migliorato in alcune aree problematiche citate nel precedente comunicato errore farmaci dell'associazione, emesse nel 2002. Tra questi atti e procedure per evitare look-confusione e il suono-simili farmaci a livello di prescrizione, farmacia e amministrazione cliniche elettroniche.

"Eppure, ci sono le aree che necessitano di miglioramento, e questo è quello che ci siamo concentrati sulla nella dichiarazione," ha dichiarato Michaels, professore associato di medicina e direttore del Laboratorio di cateterizzazione cardiaca e Cardiologia Interventistica presso l'University of Utah a Salt Lake City.

"Il pronto soccorso è una zona dove è facile fare errori terapeutici a causa della velocità con cui i pazienti ricevono cure." I pazienti più anziani sono particolarmente a rischio a causa dei cambiamenti legati all'età nel modo in cui il corpo metabolizza i farmaci e scarsa funzionalità renale. Essi possono anche richiedere diversi farmaci, molti dei quali possono interagire con i farmaci cardiaci.

Malattia renale cronica rallenta la compensazione di molti farmaci dal corpo, lasciando i pazienti più inclini a errori terapeutici. Tali errori comunemente coinvolgono offrendo anti-coagulazione e agenti coagulo dissoluzione, e l'interazione di farmaci cardiovascolari con altri farmaci che il paziente sta assumendo.

"L'ictus è una vasta area in cui continua ad essere un sacco di errori con anticoagulanti e con gli agenti impiegati per sciogliere un coagulo di sangue che causano ictus", ha osservato Michaels.

La dichiarazione raccomanda che gli ospedali e personale medico:

  • Ottenere peso esatto dei pazienti al momento del ricovero.
  • Utilizzare la formula di Cockroft-Gault di calcolare la clearance della creatinina (una misura della funzione renale) al momento del ricovero e come cambia. La formula utilizza la misurazione della creatinina nel sangue di un paziente più la sua/il suo genere, l'età e il peso per misurare la capacità dei reni di eliminare la droga. E 'l'unica formula raccomandato per l'uso nel determinare dosi di droga, ma non è comunemente calcolata al momento del ricovero, Michaels ha detto.
  • Regolare dosaggio dei farmaci e aumentare la sorveglianza degli eventi avversi di farmaci nei pazienti anziani.
  • Standardizzare moduli d'ordine e protocolli per i farmaci anticoagulanti.
  • Integrare i farmacisti e infermieri in unità di pronto cardiovascolari nei pronto soccorso, terapia intensiva, e in regime di ricovero reparti per migliorare la comunicazione e la sicurezza dei farmaci.
  • Utilizzare la digitalizzazione ordine per i fornitori (che consenta a tutti i membri del team di leggere le istruzioni del medico per la cura del paziente), bar tecnologia di codifica farmaci (per garantire che il paziente ha ricevuto il farmaco giusto e la dose), e le pompe intelligenti infusione in tutti reparti di degenza , tra cui il dipartimento di emergenza.
  • Educare personale su farmaci "massima allerta" (in particolare anticoagulanti), tecniche di amministrazione di sicurezza, le procedure di farmaci-riconciliazione, sosia di farmaci/suono-simili, e-erogazione automatizzata dispositivi.
  • Creare una cultura della sicurezza che promuove senza colpa la segnalazione degli errori e dei processi di miglioramento della qualità interdisciplinari per ridurre la frequenza e l'impatto degli errori terapeutici.

"Ridurre errori terapeutici non è una questione di punta il dito contro un membro del personale e dicendo che incasinato", ha detto Michaels. "E 'guardando sistemi ospedalieri e come medici, infermieri, funzionari della casa, tirocinanti e farmacisti possono lavorare insieme per ridurre al minimo gli effetti di errori. Esso richiederà tutto l'ospedale e la sfera politica e socio-economica più ampia per promuovere una cultura della sicurezza."

Co-autori sono Sarah A. Spinler, Pharm. D .; Barbara Leeper, R.N., M.n .; E. Magnus Ohman, M.D .; Karen P. Alexander, M.D .; L. Kristin Newby, M.D .; Hakan Ay, M.D .; e W. Brian Gibler, M.D.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha