Prova Score rivela quali pazienti affetti da cancro al seno può Evitare Chemo

Luglio 17, 2015 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio prospettico mostra un test di 21-gene del tumore del cancro al seno di un paziente può cambiare medico e di trattamento del paziente decisioni, tra cui la necessità di chemioterapia.

I ricercatori della Loyola University Health System, Maywood, Ill., Hanno presentato i risultati alla American Society of Clinical Oncology riunione annuale.

Partecipanti allo studio sono stati 89 pazienti con stadio precoce, il cancro al seno estrogeno-recettori positivi nodo-negativi e 17 oncologi medici in quattro centri diversi a livello nazionale. Ciascun paziente aveva il test espressione multi-gene preso da un campione di tessuto del tumore, che produce una molto specifica, impronta digitale molecolare del cancro.




Il Oncotype DX ™ Ricorrenza Score ™ racconta la possibilità di recidiva a distanza del tumore in 10 anni se solo tamoxifene è dato e fornisce la possibilità di beneficiare di chemioterapia. Le decisioni terapeutiche si basano sul fatto che il punteggio è basso, medio o alto. Medici partecipanti e pazienti sono stati intervistati in merito alla loro decisione di trattamento prima della prova è stato inviato e di nuovo dopo la discussione dei risultati del test.

"Questo risultato di prova cambiato le decisioni di trattamento di 31,5 per cento di oncologi medici e il 27 per cento dei pazienti," ha detto il ricercatore senior studio Dr. Kathy S. Albain, direttore, del seno programma di ricerca clinica; e co-direttore, il centro oncologico multidisciplinare seno al Cardinale Bernardin Cancer Center, Loyola University Health System, Maywood, Ill.

"E 'una nuova dimensione di adattare il trattamento per l'individuo", ha detto Albain, professore, la divisione di ematologia/oncologia, dipartimento di medicina, Loyola University Chicago Stritch School of Medicine, Maywood. "Lo studio dimostra per la prima volta che gli impatti punteggio nostre decisioni come oncologi.

"I risultati dei test hanno ridotto il numero di donne che hanno dovuto sottoporsi a chemioterapia", ha detto Albain. In 22,5 per cento dei casi, i medici hanno detto che il paziente avrebbe potuto evitare la chemioterapia. In 76 per cento dei casi, oncologi hanno indicato che avevano una maggiore fiducia nelle loro decisioni di trattamento dopo aver esaminato i risultati del test con i loro pazienti.

La maggior parte dei pazienti, 83 per cento, ha riferito che questo test ha influenzato le loro decisioni di trattamento. "Il punteggio del test fornisce ai pazienti con più certezza che stanno prendendo i passi giusti per il loro cancro specifica", ha detto Albain, anche direttore del programma di oncologia toracica di Loyola.

Colleen G., 40, è stato sollevato dal fatto che i suoi risultati dei test hanno mostrato la chemioterapia non era probabilmente necessario. Con diagnosi di cancro al seno a 39, si sarebbe normalmente sottoposto lumpectomy seguita da radioterapia, chemioterapia e tamoxifene, in base la sua giovane età.

"I miei risultati dei test hanno dimostrato che il cancro al seno non è così rischio di reiterazione, così ho sentito a mio agio optando di non avere chemio", ha detto Colleen, madre di due figli. «Che mi ha dato tranquillità e fiducia nella mia decisione."

Colleen ha avuto due mammografie dal suo trattamento, nonché approfondimenti e follow-up. Oggi, rimane un cancro sopravvissuto, libera di recidiva nella mammella o altrove nel suo corpo.

La maggior parte dei pazienti studiati ha riferito che erano felici di avere l'opportunità di fare il test. Deve essere ordinato da un medico.

Questo studio investigatore-avviato è stato finanziato da una sovvenzione illimitata di Genomic Health, Inc.

Co-autori dello studio, con Albain, sono sperimentatore principale Dr. Shelly S. Lo, John Norton e Patricia B. Mumby, Ph.D., da Loyola; Dr. Jeffrey Smerage e il dottor Daniel Hayes dalla University of Michigan, Ann Arbor; Dr. Joseph Kash, Edward Hospital, Naperville, Illinois .; Dr. Helen K. Chew, Università di California-Davis, Sacramento; e il dottor Andrew Epstein, Mount Sinai Medical Center, New York.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha