Qualsiasi prime-boost mix di iniezione o scudi spruzzo vaccino antinfluenzale bambini: La più ampia risposta immunitaria da vaccino spray nasale, secondo uno studio

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i bambini che hanno ricevuto almeno una dose del vaccino spray nasale - un live, attenuato vaccino influenzale (LAIV) - fatto una vasta gamma di cellule T del sistema immunitario. Stimolare risposte delle cellule T grandi può essere importante per la protezione contro molti diversi ceppi influenzali.

Lo studio è stato condotto presso le unità di valutazione del vaccino e il trattamento (VTEUs) finanziati dal National Institute del NIH di allergie e malattie infettive (NIAID). Daniel F. Hoft, MD, Ph.D., ei suoi colleghi del Saint Louis University VTEU, insieme ad altri ricercatori VTEU della Vanderbilt University di Nashville, e l'ospedale pediatrico di Cincinnati, co-autore della relazione, in linea in The Journal of Malattie infettive.




Vaccinazioni influenzali per i bambini sono previsti in due dosi, combinazione di prime-boost. La prima dose di vaccino è progettato per innescare il sistema immunitario a produrre una risposta anticorpale favorevole, e la seconda dose di vaccino è il "boost" progettato per stimolare una risposta immunitaria.

"Gravi complicanze da influenza stagionale può essere devastante per i bambini", ha detto Anthony S. Fauci, direttore MD, NIAID. "Questo studio fornisce la prova iniziale che le dosi di primaria e di richiamo per questi bambini possono essere diversi tipi di vaccini contro l'influenza ed ancora fornire una protezione adeguata contro corrispondenza ceppi influenzali stagionali."

Il processo ha avuto luogo durante i 2005-2006 e 2006-2007 le stagioni influenzali e ha coinvolto 53 bambini di età compresa tra 6 e 35 mesi. I partecipanti allo studio sono stati divisi in quattro gruppi di circa uguale dimensione. Nessuno dei bambini aveva ricevuto un vaccino influenzale prima. Durante lo studio, tutti i bambini hanno ricevuto una dose iniziale di licenza vaccino contro l'influenza stagionale e di una dose di richiamo dopo un mese. In due gruppi, i vaccini abbinati, con i bambini che riceve due iniezioni di un trivalente, vaccino inattivato (TIV) iniezione o due vaccini spruzzo nasale LAIV. Bambini negli altri due gruppi hanno ricevuto una combinazione di vaccini, con una dose di LAIV proposta prima o dopo TIV. "I bambini che non sono mai stati vaccinati contro l'influenza sono generalmente consigliato per ricevere due dosi di vivo o inattivato, vaccino attenuato per garantire risposte anticorpali adeguate", ha osservato il dottor Hoft, direttore della divisione di malattie infettive, allergie e immunologia a Saint Louis University . "Schedule di vaccinazione che combinano una dose di TIV con una dose di LAIV non sono stati raccomandati perché gli studi clinici di tali combinazioni non sono stati fatti in precedenza. Tuttavia, a causa della disponibilità di vaccino o di altri fattori, i bambini possono talvolta essere dato un mix di vaccini," ha aggiunto.

I ricercatori hanno scoperto che tutti e quattro i modelli di dosaggio erano sicure e indotti simili livelli di anticorpi protettivi. Tuttavia, quando i ricercatori hanno esaminato risposta da braccio T-cellule del sistema immunitario, una notevole differenza emersa. Non potevano rilevare le cellule T specifiche per l'influenza nei bambini che avevano ricevuto solo TIV, secondo il dottor Hoft. Ma, ha aggiunto, "I bambini che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino spray nasale LAIV hanno prodotto quantità significative di tre importanti sottotipi di cellule T che possono conferire una protezione supplementare oltre a quello determinato da anticorpi da solo."

Studi precedenti hanno dimostrato che i bambini sono meglio protetti contro l'infezione influenzale e la malattia da LAIV che da TIV, Dr. Hoft osservato. Tuttavia, pochi studi hanno esaminato le risposte delle cellule T indotte da LAIV quando somministrato a bambini molto piccoli che hanno poca precedente esposizione naturale al virus dell'influenza stagionale. Distinguere le risposte delle cellule T a causa della vaccinazione da quelli derivanti dall'esposizione naturale al virus dell'influenza diventa più difficile da bambino età, ha spiegato. Perché i bambini nel processo erano tutti più giovani di 3 anni, i ricercatori hanno potuto essere sicuri che i picchi nei livelli dei tre sottotipi di cellule T sono rilevati erano probabilmente a causa delle vaccinazioni.

I bambini che hanno ricevuto una sola dose di LAIV avuto risposte delle cellule T simili a quelli che hanno ricevuto due, e l'ordine dei tipi di vaccino non ha fatto una differenza significativa nella dimensione della risposta T-cellule. Tuttavia, poiché LAIV è stato talvolta associata ad una maggiore incidenza di wheezing nei destinatari più giovani, i risultati di questo studio suggeriscono che la migliore terapia per i bambini di età inferiore ai 24 mesi può essere TIV seguito da LAIV, Dr. Hoft detto. Grandi studi clinici sono necessari per confermare la sicurezza e l'efficacia di tale approccio, ha aggiunto.

In una serie di esperimenti che utilizzano cellule infettate da virus influenzali coltivate in laboratorio, gli scienziati hanno dimostrato che LAIV, ma non TIV, induce le cellule T che riconoscono sequenze genetiche condivise da un insieme eterogeneo di virus influenzali. In contrasto utilizzato attualmente vaccini contro l'influenza - che deve essere assegnato ogni anno perché i virus influenzali circolanti cambiano da stagione a stagione - un vaccino in grado di suscitare grandi risposte delle cellule T volte a una porzione del virus condiviso da più ceppi potrebbero fornire decenni a lungo protezione contro molti o tutti i ceppi di influenza, il dottor Hoft detto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha